In che modo l’intelligenza artificiale aiuterà a mantenere il tempo alle Olimpiadi di Tokyo

“Nella pallavolo, ora utilizziamo telecamere con tecnologie di visione artificiale per tracciare non solo gli atleti, ma anche la palla”, afferma Alain Zobrist, capo di Omega Timing. “Quindi è una combinazione in cui utilizziamo la tecnologia della fotocamera e l’intelligenza artificiale per farlo.”

Il dipartimento di ricerca e sviluppo di Omega Timing comprende 180 ingegneri e il processo di sviluppo è iniziato con sistemi di posizionamento e sistemi di sensori di movimento interni, secondo Zobrist, nel 2012. L’obiettivo era arrivare a un punto in cui, per più sport negli oltre 500 sport eventi su cui lavora ogni anno, Omega potrebbe fornire dati in tempo reale dettagliati sulle prestazioni degli atleti. Questi dati dovrebbero anche impiegare meno di un decimo di secondo per essere misurati, elaborati e trasmessi durante gli eventi in modo che le informazioni corrispondano a ciò che gli spettatori vedono sullo schermo.

Con il beach volley, questo significava prendere questa tecnologia di posizionamento e movimento e addestrare un’intelligenza artificiale a riconoscere una miriade di tipi di colpi, da schiacciate a blocchi, a punte e loro variazioni, e tipi di passaggi, nonché il percorso di volo della palla, quindi combinare questi dati con le informazioni ricavato dai sensori giroscopici nell’abbigliamento dei giocatori. Questi sensori di movimento consentono al sistema di conoscere la direzione del movimento degli atleti, nonché l’altezza dei salti, la velocità, ecc. Una volta elaborati, tutto questo viene inviato in diretta alle emittenti per l’uso nei commenti o nella grafica sullo schermo.

Secondo Zobrist, una delle lezioni più difficili da imparare per l’IA è stata quella di seguire con precisione la palla in gioco quando le telecamere non potevano più vederla. “A volte, è coperto dalla parte del corpo di un atleta. A volte è fuori dall’inquadratura della TV”, dice. “Quindi, la sfida era rintracciare la palla quando l’avevi persa. Per fare in modo che il software preveda dove va la pallina e poi, quando riappare, ricalcola lo spazio tra quando ha perso l’oggetto e l’ha recuperato, e riempi il [missing] dati e poi continuare automaticamente. Questo è stato uno dei problemi più grandi”.

È questo tracciamento della palla che è cruciale per l’IA per determinare cosa sta succedendo durante il gioco. “Quando puoi tracciare la palla, saprai dove si trovava e quando ha cambiato direzione. E con la combinazione dei sensori sugli atleti, l’algoritmo riconoscerà il tiro”, afferma Zobrist. “Che si trattasse di un blocco o di uno scontro. Saprai quale squadra e quale giocatore era. Quindi è questa combinazione di entrambe le tecnologie che ci consente di essere precisi nella misurazione dei dati”.

Omega Timing afferma che il suo sistema di beach volley è accurato al 99%, grazie ai sensori e alle molteplici fotocamere che funzionano a 250 fotogrammi al secondo. Toby Breckon, professore di computer vision ed elaborazione delle immagini alla Durham University, tuttavia, è interessato a vedere se questo regge durante i Giochi e, soprattutto, se il sistema viene ingannato dalle differenze di razza e genere.

“Ciò che è stato fatto è ragionevolmente impressionante. E avresti bisogno di un grande set di dati per addestrare un’intelligenza artificiale su tutte le diverse mosse”, afferma Breckon. “Ma una delle cose è la precisione. Quante volte si sbaglia in termini di queste diverse mosse? Quante volte perde traccia della palla? E anche se funziona uniformemente su tutte le razze e i sessi. È quella precisione del 99% su, diciamo, la squadra femminile degli Stati Uniti? e Precisione del 99% sulla squadra femminile ghanese?”

Zobrist è fiducioso e spiega che mentre potrebbe essere stato più facile chiamare Google o IBM per fornire le competenze di intelligenza artificiale necessarie, questa non era un’opzione per Omega. “Ciò che è estremamente importante, che si tratti di uno sport da punteggio o di cronometraggio, è che non possiamo avere discrepanze tra la spiegazione della prestazione e il risultato finale”, afferma. “Quindi, per proteggere l’integrità del risultato, non possiamo fare affidamento su un’altra società. Dobbiamo avere l’esperienza per essere in grado di spiegare il risultato e come gli atleti sono arrivati ​​lì”.

Per quanto riguarda i futuri aggiornamenti di tempistica e tracciamento, Zobrist è a denti stretti, ma afferma che i Giochi di Parigi nel 2024 saranno fondamentali. “Vedrai tutta una nuova serie di innovazioni. Naturalmente, rimarrà intorno al cronometraggio, al punteggio e certamente anche ai sensori di movimento e ai sistemi di posizionamento. E certamente anche Los Angeles nel 2028. Abbiamo dei progetti davvero interessanti per lì che in realtà abbiamo appena iniziato”.


Altre grandi storie WIRED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.