Il numero delle vittime dei monsoni in India aumenta mentre la ricerca di dispersi continua | Notizie sull’India


Il dipartimento meteorologico avverte di ulteriori acquazzoni nei prossimi giorni mentre i soccorritori perlustrano il fango alla ricerca dei dispersi.

Più di 135 persone sono morte per inondazioni e frane provocate dalle forti piogge monsoniche in India, con i soccorritori alla ricerca di altre dozzine di dispersi domenica.

La costa occidentale del paese è stata inondata da piogge torrenziali da giovedì, con il Dipartimento meteorologico indiano che ha avvertito di ulteriori acquazzoni nei prossimi giorni.

Nello stato del Maharashtra, 114 persone sono state uccise, di cui più di 40 in una frana che giovedì ha colpito il villaggio collinare di Taliye, a sud di Mumbai.

L’abitante del villaggio Jayram Mahaske, i cui parenti sono rimasti intrappolati, ha detto all’agenzia di stampa AFP che “molte persone sono state spazzate via mentre stavano cercando di scappare” quando la frana ha colpito.

Ha raso al suolo dozzine di case in pochi minuti, lasciando in piedi solo due strutture in cemento e interrompendo l’alimentazione elettrica, hanno detto i residenti locali all’AFP.

I soccorritori stavano setacciando fango e detriti per almeno 99 altri ancora dispersi.

“Tutto il mio team è impegnato in operazioni di salvataggio ora”, ha detto all’AFP Rajesh Yawale, ispettore della National Disaster Response Force che stava coordinando le operazioni di salvataggio nel villaggio, aggiungendo che molti corpi sono stati spazzati via, con alcuni trovati bloccati tra gli alberi a valle.

Una dozzina di altre persone sono state uccise in due frane separate, sempre a sud di Mumbai.

In alcune parti di Chiplun, giovedì il livello dell’acqua è salito a quasi 20 piedi (6 metri) dopo 24 ore di pioggia ininterrotta che ha sommerso strade e case.

Secondo quanto riferito, anche otto pazienti in un ospedale COVID locale sono morti dopo che l’alimentazione ai ventilatori è stata interrotta dalle inondazioni.

Nel vicino stato di Goa, una donna è annegata, hanno riferito funzionari del governo statale al Press Trust of India, in quella che il primo ministro Pramod Sawant ha definito le “peggiori inondazioni dal 1982”.

Nelle pianure costiere che attraversano Maharashtra e Goa, i livelli delle acque alluvionali sono rimasti elevati dopo che i fiumi hanno rotto gli argini.

I residenti terrorizzati sono saliti sui tetti e sui piani superiori per sfuggire alle acque gonfie.

Il cambiamento climatico sta rafforzando i monsoni in India, secondo un rapporto del Potsdam Institute for Climate Impact Research (PIK) pubblicato ad aprile [AP Photo]

Più a sud, nello stato del Karnataka, il bilancio delle vittime è aumentato da tre a nove durante la notte, con altri quattro dispersi, hanno detto i funzionari.

L’alimentazione è stata interrotta negli 11 distretti colpiti e i funzionari hanno aggiunto che ci sono state perdite di raccolto in vaste aree di terra.

Inondazioni e frane sono comuni durante la pericolosa stagione dei monsoni in India, che spesso vede anche gli edifici mal costruiti crollare dopo giorni di pioggia ininterrotta.

Quattro persone sono morte prima dell’alba di venerdì quando un edificio è crollato in uno slum di Mumbai, hanno detto le autorità.

L’incidente è avvenuto meno di una settimana dopo che almeno 34 persone hanno perso la vita quando diverse case sono state schiacciate dal crollo di un muro e da una frana in città.

Il cambiamento climatico sta rafforzando i monsoni indiani, secondo un rapporto del Potsdam Institute for Climate Impact Research (PIK) pubblicato ad aprile.

Il rapporto ha avvertito di conseguenze potenzialmente gravi per il cibo, l’agricoltura e l’economia che colpiscono quasi un quinto della popolazione mondiale.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.