I talebani hanno spiegato | Notizie sui conflitti


I talebani hanno ottenuto una serie di vittorie sul campo nelle ultime settimane mentre le forze straniere guidate dagli Stati Uniti stanno per ritirarsi dall’Afghanistan dopo 20 anni.

Il gruppo armato è stato rimosso dal potere in un’invasione guidata dagli Stati Uniti nel 2001 in seguito agli attacchi dell’11 settembre sul suolo americano, ma ha gradualmente ripreso forza, effettuando numerosi attacchi contro le forze straniere e afghane negli ultimi 20 anni.

È riuscito a ottenere una sorta di legittimità internazionale dopo che gli Stati Uniti sotto l’allora presidente Donald Trump hanno firmato un accordo con il gruppo armato il 29 febbraio 2020, per ritirare le forze straniere in cambio di garanzie di sicurezza.

Il successore di Trump, Joe Biden, non ha annullato la decisione di ritiro delle truppe, rimandandola all’11 settembre in coincidenza con il 20° anniversario degli attacchi dell’11 settembre. Tuttavia, il mese scorso, ha nuovamente rivisto tale scadenza al 31 agosto.

Sebbene il gruppo armato abbia in gran parte mantenuto la sua promessa di non prendere di mira gli interessi di sicurezza degli Stati Uniti, ha continuato a compiere attacchi mortali contro le forze e i civili afgani, affermando che l’amministrazione di Kabul appoggiata dall’Occidente non era parte dell’accordo del febbraio 2020 firmato nella capitale del Qatar, Doha.

L’accordo USA-talebani ha aperto la strada ai colloqui di pace tra i talebani e la leadership afgana. Ma i colloqui di Doha non sono riusciti a fare progressi poiché la violenza è continuata sul terreno.

Da quando i talebani hanno lanciato un’ampia offensiva contro le forze governative a maggio, il gruppo armato ha preso il controllo di importanti valichi di frontiera con Iran, Uzbekistan, Tagikistan e Pakistan.

Con ben 85.000 combattenti a tempo pieno in tutto il paese, i talebani ora affermano di controllare circa la metà dei circa 400 distretti del paese. Tuttavia, verificare tali affermazioni è difficile.

Mercoledì, il massimo generale militare degli Stati Uniti ha affermato che i talebani sembrano avere “momento strategico” sul campo di battaglia.

“Questo sarà un test ora, della volontà e della leadership del popolo afghano, delle forze di sicurezza afghane e del governo dell’Afghanistan”, ha detto ai giornalisti al Pentagono il presidente dei capi di stato maggiore congiunto, il generale Mark Milley.

Centinaia di persone sono state uccise e decine di migliaia sono state sfollate a causa dei combattimenti, poiché gli afgani temono che il paese possa precipitare nella guerra civile con i colloqui di pace in stallo e la spinta accelerata del governo per armare i civili locali per affrontare direttamente i talebani.

Il governo ha accelerato la spinta per armare i civili locali per affrontare i talebani [File: Reuters]

Venerdì, il portavoce dei talebani Suhail Shaheen ha detto che il suo gruppo non vuole la guerra civile. Ha poi insistito sul fatto che, affinché i colloqui di Doha abbiano successo, il presidente Ashraf Ghani deve dimettersi.

“Voglio chiarire che non crediamo nel monopolio del potere”, ha detto Shaheen all’agenzia di stampa Associated Press, aggiungendo che il gruppo armato deporrà le armi dopo che “un governo negoziato accettabile per tutte le parti in conflitto sarà installato. a Kabul”.

La scorsa settimana, il capo dei talebani Haibatullah Akhunzada ha chiesto una “soluzione politica”, ma i suoi combattenti hanno proseguito con offensive militari contro le forze governative.

Origine

I talebani, che in arabo significa “studenti”, hanno combattuto per nove anni insieme ai ribelli afgani chiamati mujaheddin contro l’occupazione sovietica.

Gli Stati Uniti hanno fornito armi e denaro ai mujaheddin come parte della loro politica contro il nemico della Guerra Fredda, l’ex URSS. A quel tempo, i sovietici stavano appoggiando i leader comunisti che avevano organizzato un sanguinoso colpo di stato contro il primo presidente della nazione, Mohammad Daoud Khan, nel 1978.

Dopo che i sovietici si ritirarono nel 1989, le cose divennero caotiche e nel 1992 ci fu una guerra civile in piena regola con comandanti mujaheddin che combattevano per il potere e dividevano la capitale Kabul, che sarebbe stata inondata da centinaia di razzi ogni giorno provenienti da direzioni diverse.

La milizia talebana è emersa come un attore importante nel 1994. Molti dei suoi membri avevano studiato in scuole religiose conservatrici in Afghanistan e oltre confine in Pakistan.

Hanno fatto rapidi guadagni militari conquistando il controllo di Kandahar, la città più grande dopo Kabul, e hanno promesso di rendere le città sicure per le persone. Stanchi di anni di guerra, la gente li ha generalmente accolti. I comandanti mujaheddin e le loro forze erano stati accusati di violazioni dei diritti e crimini di guerra nella loro competizione per il potere.

Nel 1996, i talebani avevano preso la capitale e impiccato l’ultimo presidente comunista della nazione, Najibullah Ahmadzai, da una piazza di Kabul. Hanno dichiarato l’Afghanistan un emirato islamico e hanno iniziato a imporre la propria interpretazione rigorosa della legge islamica.

Sono stati riconosciuti solo da tre paesi: Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti (EAU) e Pakistan.

Il gruppo afghano è stato in grado di portare una parvenza di normalità e ha preso la decisione di affrontare la corruzione endemica, che ha guadagnato loro una certa popolarità iniziale.

Regola dei sei anni

Tuttavia, non hanno mai allentato le restrizioni, che inizialmente hanno affermato essere state fatte per garantire che i crimini della guerra civile non potessero continuare. Tali restrizioni includevano il divieto alle donne dall’istruzione e il divieto di lavorare a tutte le donne, ad eccezione dei medici. Sotto il loro governo, chiunque non seguisse le loro rigide linee guida poteva essere incarcerato o picchiato pubblicamente.

Il loro governo di sei anni è stato caratterizzato dall’abuso delle minoranze etniche e religiose e dalla limitazione di attività e passatempi apparentemente innocui come la musica e la televisione. Anche gli sport erano altamente regolamentati, poiché agli atleti di sesso maschile veniva detto cosa indossare e le partite venivano interrotte durante le cinque preghiere quotidiane.

La loro decisione del 2001 di distruggere le storiche statue di Buddha nella provincia di Bamiyan ha suscitato la condanna globale.

Nel 1999, le Nazioni Unite hanno imposto sanzioni ai talebani per i loro legami con al-Qaeda.

Gli Stati Uniti hanno invaso l’Afghanistan il 7 ottobre 2001, dopo che i talebani si sono rifiutati di consegnare il leader di al-Qaeda, Osama bin Laden, che si nascondeva in Afghanistan dopo essere stato inizialmente invitato ritorno nel paese dall’ex comandante dei mujaheddin Abdul Rab Rassool Sayyaf.

In vista dell’invasione statunitense, il gruppo aveva chiesto all’amministrazione Bush di fornire prove del ruolo di bin Laden negli attacchi dell’11 settembre e in seguito per i negoziati con Washington. Bush ha respinto entrambi.

I talebani furono costretti a lasciare il potere nel giro di un paio di mesi quando gli Stati Uniti ei loro alleati iniziarono una campagna di bombardamenti.

Un nuovo governo ad interim guidato da Hamid Karzai è stato formato nel dicembre 2001, e tre anni dopo è stata promulgata una nuova costituzione, che ha preso spunto dalla costituzione riformata degli anni ’60, quando alle donne e alle minoranze etniche sono stati formalmente concessi i loro diritti dall’ultimo governo della nazione. re, Mohammad Zahir Shah.

Migliaia di persone sono state uccise in attacchi aerei e droni statunitensi negli ultimi 20 anni [File: Ghulamullah Habibi/EPA-EFE]

Ma nel 2006, i talebani si sono raggruppati e sono stati in grado di mobilitare combattenti nella loro battaglia contro gli occupanti stranieri ei loro alleati.

I 20 anni di conflitto hanno devastato l’Afghanistan, con oltre 40.000 civili uccisi negli attacchi dei talebani e delle forze guidate dagli Stati Uniti. Sono stati uccisi anche almeno 64mila militari e poliziotti afgani e più di 3.500 soldati internazionali.

Gli Stati Uniti hanno speso quasi 1 trilione di dollari in progetti di guerra e di ricostruzione, ma il paese rimane ancora in gran parte povero e le sue infrastrutture a brandelli.

Nel 2011, l’amministrazione Obama ha permesso a un gruppo di funzionari talebani di risiedere in Qatar, dove sarebbero stati incaricati di gettare le basi per negoziati faccia a faccia con il governo dell’allora presidente Karzai.

Nel 2013, il loro ufficio di Doha è stato ufficialmente aperto. Nel 2018, l’amministrazione Trump ha avviato colloqui formali faccia a faccia con il gruppo senza coinvolgere il governo afghano.

governo parallelo

I talebani hanno creato uno stato parallelo chiamandolo l’Emirato islamico dell’Afghanistan con la propria bandiera bianca. Hanno anche selezionato i governatori ombra che hanno le proprie amministrazioni nelle 34 province della nazione.

Il capo dei talebani è a capo di un consiglio che sovrintende a una dozzina di commissioni incaricate di cose come finanza, sanità e istruzione. Gestiscono persino i propri tribunali.

Il gruppo armato talebano ha compiuto numerosi attacchi, uccidendo migliaia di persone, compresi civili, da quando è stato rimosso dal potere nel 2001 [File: Haroon Sabawoon/Anadolu Agency]

Secondo talebani membri e un comitato delle Nazioni Unite, guadagnano quasi 1,5 miliardi di dollari l’anno (PDF).

Hanno anche guadagnato entrate dalla collaborazione con le mafie locali e regionali nel traffico di droga regionale. L’anno scorso, hanno guadagnato milioni dall’estrazione e dal commercio di minerali e persino dalla produzione di metanfetamina (uno stimolante ampiamente utilizzato come droga ricreativa) in collaborazione con le mafie regionali.

Hanno anche un proprio sistema di riscossione delle tasse e ricevono finanziamenti dall’estero, anche se fonti sospette, come Pakistan e Iran, lo negano.

Prospettive di pace

La domanda ora è: cosa accadrà dopo che i soldati USA e NATO se ne andranno? Riuscirà il governo afghano a sopravvivere?

Anche mentre sono in corso i colloqui di pace, quasi 1.800 civili afgani sono stati uccisi o feriti nei primi tre mesi di quest’anno. Quasi il 30% in più rispetto allo scorso anno.

I talebani sono stati anche accusati di un’ondata di omicidi contro giornalisti e attivisti, un’accusa che il gruppo ha negato.

Secondo un notevole studio di opinione pubblica (PDF) fatto nel 2019: l’85% delle persone ha affermato di non avere simpatia per loro.

Gli afgani si stanno già chiedendo come potrebbe essere la vita se i talebani riprendessero il controllo. Strapperanno la costituzione, che protegge i diritti umani fondamentali?

In un New York Times editoriale, i talebani hanno cercato di chiarire le cose, dicendo di voler “costruire un sistema islamico… dove i diritti delle donne che sono garantiti dall’Islam – dal diritto all’istruzione al diritto al lavoro – sono protetti”.

Shaheen, il rappresentante dei talebani, ha ribadito all’inizio di questa settimana che “le donne potranno lavorare, andare a scuola e partecipare alla politica ma dovranno indossare l’hijab, o il velo”, una pratica che è già comune nell’attuale repubblica.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.