Ecco perché stiamo boicottando il Summit sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite | Cibo


A settembre di quest’anno, le Nazioni Unite ospiteranno un vertice sui sistemi alimentari globali a New York. Gli organizzatori di questo vertice lo presentano come un dibattito cruciale del decennio che deve definire il futuro dell’agricoltura. Mirano a riunire varie parti interessate in tutti i settori che svolgono un ruolo nel sistema alimentare globale.

Tuttavia, i movimenti organizzati di contadini e indigeni provenienti da Asia, Africa, Europa e America, che rappresentano collettivamente la maggior parte dei produttori di cibo su piccola scala del mondo, hanno chiesto un boicottaggio totale di questo vertice. Nell’aprile di quest’anno, decine di scienziati, ricercatori, docenti ed educatori che lavorano nel settore dell’agricoltura e dei sistemi alimentari hanno anche lanciato un appello aperto per boicottare l’evento.

Per capire perché i movimenti sociali e gli scienziati stanno fuori da un vertice sponsorizzato dalle Nazioni Unite, è importante sapere come funziona oggi il sistema alimentare mondiale.

Una manciata di società transnazionali domina l’attuale commercio globale di prodotti alimentari e materie prime. Ad esempio, solo due aziende, Dow Dupont e Monsanto-Bayer Crop Science, detengono una quota di mercato del 53% nel settore delle sementi. Solo tre aziende possiedono il 70% dell’industria agrochimica globale che produce e vende prodotti chimici e pesticidi utilizzati nelle colture. Questa concentrazione aziendale è evidente anche nel settore dell’allevamento di bestiame, nell’industria farmaceutica per animali, nelle macchine agricole, nel commercio di materie prime e così via.

Pertanto, dalla semina dei semi e dalla coltivazione dei raccolti alla lavorazione, distribuzione e consumo di cibo, le aziende agroalimentari transnazionali controllano e decidono tutto. La maggior parte di queste aziende sta ora entrando in partnership con aziende Big Tech per digitalizzare il sistema alimentare globale per consolidare il proprio dominio.

Ma ecco cosa colpisce di queste gigantesche società. Nonostante il loro controllo su quasi il 75% delle risorse naturali legate alla produzione alimentare del mondo, riescono a malapena a sfamare un terzo della popolazione mondiale. Inoltre, sono responsabili della maggior parte dei 400 miliardi di dollari di cibo perso ogni anno e dell’emissione di grandi quantità di gas serra.

Al contrario, noi – piccoli agricoltori, pescatori, braccianti, contadini, pastori e popolazioni indigene – con a nostro nome appena un quarto delle risorse naturali legate alla produzione alimentare mondiale e spesso trascurate nelle politiche pubbliche – continuiamo a fornire circa 70 per cento del cibo mondiale. La nostra rete di produttori alimentari locali su piccola scala si è rafforzata in ogni angolo del mondo quando la catena di approvvigionamento alimentare industriale si è sgretolata a causa della pandemia di COVID-19.

Eppure, quando si tratta di definire il futuro del nostro sistema alimentare, indovinate chi viene invitato dall’ONU a concepire e costruire il piano, i principi ei contenuti del summit globale. Sono le grandi aziende agricole!

Il Vertice delle Nazioni Unite sui sistemi alimentari ha suscitato polemiche per la sua esclusività da quando è stato annunciato nel dicembre 2019. Nel marzo 2020, 550 organizzazioni, che comprendono alcuni dei più grandi movimenti contadini e indigeni del mondo, hanno scritto al Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres per avvertirlo che il Il vertice non si basa sull’eredità dei precedenti vertici mondiali sull’alimentazione, che una volta erano convocati dall’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

La FAO ha ricevuto il mandato di organizzare questi eventi dai suoi Stati membri e ha consentito la partecipazione attiva della società civile attraverso forum paralleli auto-organizzati.

Tuttavia, non era stato conferito tale mandato per l’organizzazione del vertice sui sistemi alimentari del 2021. La decisione di istituire il vertice è stata presa dal segretario generale delle Nazioni Unite in stretta collaborazione con il Forum economico mondiale, che è un’organizzazione del settore privato che rappresenta interessi aziendali globali.

Il governo del vertice rimane saldamente nelle mani di “esperti” noti per essere strenui difensori dell’agricoltura industriale, e alcuni stati, che ospitano molte di queste grandi multinazionali, stanno guidando l’agenda. Attraverso fondazioni filantropiche gestite da miliardari e i loro partner, sono anche riusciti a garantire la partecipazione di una piccola parte della società civile globale e pubblicizzarla come prova del carattere inclusivo del vertice.

Tuttavia, alcune delle più grandi reti e movimenti di produttori alimentari, tra cui La Via Campesina e il World Forum of Fisher People, tra molti altri, si sono rifiutati di partecipare alle consultazioni preliminari avviate dagli organizzatori e sono rimasti fermi nella loro decisione di boicottare il vertice.

Non si può negare che il sistema alimentare globale debba subire un cambiamento radicale. La pandemia di COVID-19 e il collo di bottiglia logistico che diversi paesi hanno dovuto affrontare dopo la sua epidemia hanno solo accelerato la richiesta di una revisione sistemica.

Venticinque anni fa, al World Food Summit del 1996, i movimenti sociali hanno insistito sul fatto che i sistemi alimentari costruiti attorno all’idea della sovranità alimentare offrono un percorso verso un futuro migliore e più sano. La sovranità alimentare è il diritto delle persone di determinare i propri sistemi alimentari e agricoli. Risponde al bisogno più urgente e urgente delle persone: avere cibo sano, nutriente e climaticamente appropriato coltivato nella loro località o quartiere.

La produzione alimentare agroecologica e contadina localizzata rispetta e convive con il nostro ambiente naturale e promuove i principi umanisti di solidarietà e collettivismo. Tiene lontano da pesticidi nocivi e fertilizzanti chimici e favorisce una varietà di colture nutrienti, a differenza della pratica industriale della monocoltura.

Negli ultimi due decenni, i movimenti sociali hanno compiuto numerosi progressi su questo fronte e hanno convinto l’ONU e diversi Stati membri ad adottare e attuare questa idea durante la stesura delle politiche pubbliche. Attraverso sforzi che durano da oltre due decenni, i movimenti contadini hanno trovato spazi di rappresentanza all’interno delle Nazioni Unite, anche presso la FAO e il Comitato delle Nazioni Unite per la sicurezza alimentare mondiale (CFS).

Ma queste due istituzioni sono state inizialmente estromesse dall’organizzazione del vertice. L’attuale e i due ex Relatori Speciali sul Diritto all’Alimentazione hanno criticato l’attuale formato del vertice per non basarsi sulle esperienze passate del vertice sul cibo e hanno sottolineato che “il CFS ha già la struttura che gli organizzatori del Summit hanno frettolosamente ricostruito”.

Gli organizzatori del vertice hanno invitato il presidente del CFS a unirsi al Comitato consultivo del vertice solo a novembre e hanno chiesto all’ufficio della FAO per il diritto all’alimentazione di partecipare, anche se con un mandato limitato, a marzo.

Nonostante questi cambiamenti dell’ultimo minuto, gli apologeti dell’agrobusiness hanno ancora il potere di stabilire l’agenda del vertice. Ciò significherebbe che l’evento non solo promuoverà gli interessi aziendali, ma ridurrà anche ulteriormente lo spazio già limitato disponibile per i movimenti sociali e la società civile all’interno dell’ONU.

Questa decisione del segretario generale di dare tale leva all’agrobusiness nel vertice contraddice l’articolo 10.1 della Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei contadini e delle altre persone che lavorano nelle aree rurali, che sancisce il nostro diritto a partecipare attivamente e liberamente alla preparazione e all’attuazione delle politiche , programmi e progetti che possono influenzare la nostra vita, la terra e i mezzi di sussistenza.

Tuttavia, non rimarremo in silenzio di fronte a questo flagrante tentativo di decidere della nostra vita e dei nostri mezzi di sussistenza senza la nostra partecipazione. Boicotteremo il Summit delle Nazioni Unite sui sistemi alimentari 2021 e ci uniremo al contro-vertice popolare, che avrà inizio il 25 luglio. Lì noi – piccoli produttori alimentari e popolazioni indigene – riaffermeremo i nostri principi di solidarietà e sovranità alimentare che sono radicati nei nostri territori e nel nostro modo di vivere.

Le opinioni espresse in questo articolo sono proprie degli autori e non riflettono necessariamente la posizione editoriale di Al Jazeera.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.