La Cina chiude i porti, cancella i voli mentre il tifone In-Fa si avvicina | Notizie meteo


Si prevede che domenica la tempesta colpirà la provincia orientale dello Zhejiang, proprio mentre altre parti del paese stanno lottando per riprendersi dalle devastanti inondazioni all’inizio di questa settimana.

La Cina ha chiuso ferrovie e porti, con navi mercantili ordinate in mare e voli cancellati, prima dell’atteso sbarco del tifone In-Fa.

Si prevede che la tempesta colpirà la provincia costiera orientale dello Zhejiang, vicino a Shanghai, domenica scorsa, proprio mentre altre parti del paese stanno lottando per riprendersi dalle devastanti inondazioni all’inizio di questa settimana.

In-Fa aveva sostenuto venti di 155 chilometri all’ora (95 miglia all’ora) con raffiche fino a 191 chilometri all’ora (120 miglia all’ora) mentre si allontanava a nord-ovest da Taiwan, dove ha causato onde alte e forti piogge, ma non ci sono notizie di morti o feriti.

Scuole, mercati e attività commerciali nel Zhejiang sono state ordinate per chiudere, ha detto l’agenzia di stampa ufficiale Xinhua, aggiungendo che il traffico stradale sarà sospeso quando necessario.

Le autorità hanno emesso un avviso di livello III, il terzo più alto, per In-Fa, mentre più di 100 treni che viaggiano attraverso la regione sono stati cancellati, secondo China Railway.

Sabato le autorità di Shanghai hanno chiuso alcuni parchi pubblici e musei e hanno avvertito i residenti di “fermare i raduni all’aperto su larga scala” e di rimanere in casa.

L’aeroporto nella capitale provinciale di Hangzhou, a sud-ovest di Shanghai, ha cancellato il 90% dei voli domenica e si prevedeva di cancellarne di più lunedì, secondo quanto riportato dal quotidiano Zhejiang Daily sul suo sito web.

Nel frattempo, tutti i moli delle navi portacontainer sono stati chiusi dal porto di Yangshan a sud di Shanghai e 150 navi, tra cui navi passeggeri e navi da carico, sono state evacuate dall’area.

Nella provincia di Henan, nella Cina centrale, dove le inondazioni storiche di questa settimana hanno ucciso almeno 58 persone, le autorità stanno gradualmente ripulendo e riaprendo le strade bloccate da veicoli e detriti.

Milioni di persone sono state colpite dalle inondazioni, alcune sono rimaste intrappolate per giorni senza cibo o acqua fresca e altri sono stati portati in salvo nei secchi degli escavatori.

Secondo il governo dell’Henan, più di 495.000 persone sono state evacuate, con le inondazioni che hanno causato perdite per miliardi di dollari.

Sabato, il funzionario della risposta alle emergenze dell’Henan, Li Changxun, ha avvertito che la provincia dovrebbe intraprendere una pulizia e una disinfezione su larga scala per “assicurare che al disastro non segua un’epidemia”.

Le foto pubblicate sabato dai media statali e dai social media governativi hanno mostrato che i soccorritori continuano a spalare fango e rimuovere alberi sradicati in tutta la provincia.

Acquazzoni torrenziali hanno scaricato la pioggia di un anno in soli tre giorni questa settimana sulla città più colpita di Zhengzhou, dove almeno una dozzina di persone sono morte all’interno di un treno della metropolitana durante l’ora di punta di martedì dopo che le acque alluvionali hanno intrappolato i passeggeri nelle loro carrozze.

I media statali hanno avvertito che In-Fa potrebbe portare più acquazzoni torrenziali in alcune parti della provincia nei prossimi giorni.

La Cina ha subito una stagione delle inondazioni annuali per millenni, ma le precipitazioni record nell’Henan hanno sollevato domande su come le città cinesi potrebbero essere meglio preparate per eventi meteorologici bizzarri, che secondo gli esperti stanno accadendo con maggiore frequenza e intensità a causa dei cambiamenti climatici.

La provincia di Henan è striata da fiumi, dighe e bacini idrici, costruiti molti decenni fa per gestire il flusso delle acque alluvionali e irrigare la regione agricola, ma la rapida espansione urbana ha messo a dura prova i sistemi di drenaggio esistenti.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.