Le Olimpiadi di Tokyo si aprono a un mare di posti vuoti


TOKYO — Gli atleti hanno marciato nell’arena mascherati e salutando esuberanti. Ballerini in costumi e cappelli color pastello hanno applaudito e agitato le braccia in aria per suscitare eccitazione. Ma non c’erano fan e nessun pubblico acclamato, solo file e file di posti per lo più vuoti che si estendevano fino ai confini del vasto Stadio Olimpico nel centro di Tokyo.

Un anno dopo il programma originale, la cerimonia di apertura delle 32 32 Olimpiadi estive si è svolta nel mezzo di una tenace pandemia, con una partecipazione limitata a meno di 1.000 dignitari e altri ospiti invitati in uno stadio costruito per ospitare 68.000.

Il pubblico giapponese è diventato esausto con la pandemia e si è ampiamente opposto ai Giochi. Ma la cerimonia ha cercato di proiettare un mondo che passa da più di un anno di battaglia contro il virus, come colombe di coriandoli sono cadute dal cielo e un’interpretazione di “Imagine” su Jumbotron ha risuonato attraverso l’enorme stadio con esibizioni di Angélique Kidjo, John Legend e Keith Urban.

Gli organizzatori hanno cosparso la cultura tradizionale giapponese attraverso i festeggiamenti, mettendo in scena quello che sembrava un tipico festival estivo con lanterne e una colonna sonora di tamburi taiko, nonché un estratto da una famosa commedia Kabuki.

Ma in altri modi hanno abbracciato una prospettiva più moderna, selezionando Naomi Osaka, l’atleta più famosa del Giappone, per accendere il calderone olimpico, e Rui Hachimura, la star del basket che gioca per i Washington Wizards, come uno dei portabandiera del Giappone. Sono solo due dei numerosi atleti di razza mista che rappresentano un Giappone in gran parte omogeneo alle Olimpiadi.

Sebbene alcune competizioni siano iniziate all’inizio di questa settimana, la cerimonia di venerdì ha rappresentato l’inizio ufficiale delle Olimpiadi, con più di 11.000 atleti provenienti da 205 paesi dovrebbero partecipare a 33 sport nelle prossime due settimane.

Quasi tutti gli eventi, come la cerimonia di apertura, si svolgeranno senza spettatori e gli atleti gareggeranno secondo rigidi protocolli che ne limitano i movimenti.

Di solito sono gli olimpionici ad affrontare notevoli difficoltà, ma questa volta sono stati anche gli organizzatori a condurre una dura battaglia per arrivare a questo momento. Quella che doveva essere una vetrina della brillante efficienza, della cultura del servizio superiore e del fascino del Giappone come destinazione turistica è stata invece sommersa dai timori di infezione e dagli scandali del comitato ospitante.

La cerimonia di apertura è spesso l’occasione per la nazione ospitante di mettersi in mostra: pensate ai tamburini irreggimentati di Pechino nel 2008 o alle infermiere del National Health Service che ballano a Londra quattro anni dopo. Ma gli organizzatori di Tokyo hanno messo in scena uno spettacolo più cupo.

In un momento di silenzio, un presentatore ha chiesto a coloro che guardavano in tutto il mondo di ricordare le persone perse a causa del Covid-19 e gli atleti morti nelle precedenti Olimpiadi, compresi gli atleti israeliani uccisi durante un attacco terroristico ai Giochi di Monaco nel 1972.

Sebbene non sia stato esplicitamente menzionato fino a quando gli organizzatori non hanno pronunciato i loro discorsi, la cerimonia ha invocato l’inquadratura originale della candidatura olimpica di Tokyo, come simbolo della ripresa del paese dal devastante terremoto, tsunami e disastro nucleare di Fukushima nel 2011. Un’unica figura vestita bianchi e con un trucco spettrale danzavano su una piattaforma in mezzo al campo mentre onde di luce scorrevano intorno allo stadio.

E con i droni illuminati sopra lo stadio che formano un gigantesco globo rotante, gli organizzatori stavano chiaramente cercando di deviare il messaggio dei Giochi lontano dalla pandemia e dagli scandali e verso i temi più anodini della pace e dell’armonia globale.

Ma quel messaggio potrebbe avere poca risonanza con il pubblico giapponese, poiché le infezioni da coronavirus a Tokyo sono salite al massimo in sei mesi e il lancio del vaccino domestico è proceduto lentamente.

Nei momenti più tranquilli durante la cerimonia, si sentivano i manifestanti fuori dallo stadio urlare “Stop alle Olimpiadi” attraverso i megafoni.

“Non riesco davvero a pensare a nessun significato o significato del motivo per cui stiamo facendo tutto questo”, ha detto Kaori Hayashi, professore di sociologia e studi sui media presso l’Università di Tokyo. “Abbiamo iniziato con il recupero di Fukushima, ma è stato completamente dimenticato. E ora vogliamo mostrare al mondo che abbiamo superato il Covid-19, ma non l’abbiamo ancora superato affatto”.

Sebbene la pandemia abbia presentato una sfida senza precedenti agli organizzatori dei Giochi, è stata tutt’altro che l’unica.

Appena un giorno prima dei festeggiamenti di apertura, il comitato organizzatore ha licenziato il direttore creativo della cerimonia dopo che è emerso che aveva fatto battute sull’Olocausto anni fa durante una scenetta comica televisiva.

Il suo licenziamento è arrivato pochi giorni dopo che un compositore per la cerimonia si è dimesso – e gli organizzatori hanno ritirato un pezzo di quattro minuti che aveva scritto – in risposta a una rumorosa campagna sui social media che lo criticava per aver maltrattato gravemente i compagni di classe disabili durante i suoi anni di scuola.

E questi erano solo gli ultimi scandali di una lunga serie di battute d’arresto.

Due anni dopo aver vinto la gara, il governo ha abbandonato un elegante design dello stadio di un famoso architetto, Zaha Hadid, a causa dei costi di mongolfiera. Gli organizzatori hanno dovuto demolire il loro primo logo dopo le accuse di plagio. I pubblici ministeri francesi hanno incriminato il presidente del Comitato olimpico giapponese per accuse di corruzione legate alla procedura di gara. Temendo il caldo estremo di Tokyo, il Comitato Olimpico Internazionale ha spostato la maratona a Sapporo, sull’isola settentrionale del Giappone, a 500 miglia dallo Stadio Olimpico. E il presidente del comitato organizzatore di Tokyo è stato costretto a dimettersi dopo aver fatto commenti sessisti.

Mentre la decisione di portare avanti i Giochi in mezzo a una pandemia ha focalizzato l’attenzione sui miliardi di dollari in gioco per il Comitato Olimpico Internazionale, a volte i riflettori internazionali sono stati duri anche per il Giappone.

Il ritardo di un anno nei Giochi ha messo in luce problemi sociali come il sessismo in un paese in cui quasi tutti i migliori posti di lavoro sono occupati da uomini più anziani, così come la resistenza del governo conservatore ai diritti per le persone gay e transgender.

Tuttavia, ora che i Giochi sono finalmente arrivati, il puro spettacolo del più grande evento sportivo del mondo ha iniziato a mettere da parte questi problemi.

La notte prima della cerimonia di apertura, Aya Kitamura, 37 anni, musicista tradizionale giapponese, è andata in bicicletta allo Stadio Olimpico per individuare il miglior punto di osservazione dall’esterno della sede.

“Certo, capisco che ci sono molte opinioni sulle Olimpiadi”, ha detto la signora Kitamura, che ha affermato che i suoi genitori hanno spesso raccontato storie sull’osservazione delle Olimpiadi di Tokyo del 1964. “Ma man mano che i Giochi si avvicinano, penso che tutti siano un po’ più eccitati giorno dopo giorno”.

La quasi assenza di spettatori ha deluso alcuni che hanno affermato di non capire perché le Olimpiadi fossero diverse da altri recenti eventi sportivi a cui hanno partecipato grandi folle in Europa, dove i tassi di infezione rimangono più alti che in Giappone.

“E’ un po’ ingiusto che solo un numero limitato di persone possa assistere alla cerimonia di apertura”, ha detto Hinako Tamai, 19 anni, una volontaria olimpica che ha aiutato a guidare i media nello stadio venerdì sera. “Ma a causa del Covid non c’è molto che possiamo fare”.

Tra le diverse centinaia di persone che si sono sedute allo Stadio Olimpico da 1,4 miliardi di dollari per la cerimonia di apertura di venerdì c’era l’imperatore del Giappone, Naruhito, che ha aperto ufficialmente i Giochi; la first lady americana, Jill Biden; il presidente francese Emmanuel Macron, la cui capitale, Parigi, ospiterà i prossimi Giochi estivi, nel 2024; e Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Ma diversi potenziali partecipanti di alto profilo hanno dichiarato che non sarebbero stati presenti, tra cui Akio Toyoda, amministratore delegato di Toyota, un importante sponsor delle Olimpiadi che aveva deciso di non pubblicare annunci televisivi a tema olimpico in Giappone. Anche Shinzo Abe, l’ex primo ministro che ha aiutato Tokyo ad assicurarsi l’offerta per i Giochi, ha deciso di stare alla larga.

Diversi dignitari d’oltremare, tra cui la principessa Anna d’Inghilterra e il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, hanno deciso di non venire, citando le restrizioni del coronavirus. Il presidente della Corea del Sud Moon Jae-in ha annullato una visita programmata dopo essere stato insultato da un diplomatico giapponese.

Anche se le Olimpiadi evitano di diventare un evento superdiffusore, sarà difficile per loro sfuggire all’ombra della pandemia mentre la variante Delta si diffonde e conteggio giornaliero di nuovi casi nel Villaggio Olimpico amplificare l’ansia.

“Sento davvero che la pandemia, in ogni caso, lasci l’impressione di dare la priorità al denaro rispetto alla salute pubblica”, ha affermato Jessamyn R. Abel, professore associato di studi asiatici presso la Pennsylvania State University.

E la fanfara dei Giochi può arrivare solo fino a un certo punto con un pubblico diffidente. Kentaro Tanaka, 28 anni, un consulente di Tokyo che la sera prima dell’inaugurazione stava portando a spasso il suo cane vicino allo Stadio Olimpico, ha detto che gli piaceva il calcio e aveva intenzione di guardare le partite, ma ha messo in dubbio le priorità delle autorità.

“Non c’è qualche altra cosa su cui il governo deve lavorare?” ha detto il signor Tanaka, prima di chiedersi ad alta voce quando potrebbe finalmente essere in grado di ottenere un appuntamento per la vaccinazione.

Hikari Hida ha contribuito alla segnalazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.