Il bilancio delle vittime di due rivolte carcerarie in Ecuador sale a 22 | Notizie criminali


Il presidente Guillermo Lasso dichiara lo stato di emergenza nel sistema carcerario del Paese mentre scoppia una nuova ondata di violenza.

Almeno 22 detenuti sono stati uccisi e diversi poliziotti feriti durante le rivolte in due delle più grandi prigioni dell’Ecuador, ha detto la nazione andina, segnando la seconda grande ondata mortale di violenza carceraria quest’anno.

Unità speciali di polizia sono state inviate nelle carceri della provincia meridionale di Guayas e della provincia di Cotopaxi, a sud di Quito, la capitale, per sedare le violenze, ha detto il governo giovedì.

“Voglio dire alle mafie che cercano di minacciare questo Paese che si sbagliano se pensano che questo governo agirà con la stessa debolezza dei precedenti”, ha detto il presidente Guillermo Lasso in un discorso nella città di Latacunga.

Lasso, che ha prestato giuramento come presidente a maggio, ha dichiarato lo stato di emergenza nel sistema carcerario del paese.

Almeno 50 persone sono rimaste ferite, compresi alcuni agenti di polizia.

Le forze d’élite sono riuscite a riprendere il controllo delle due carceri mercoledì, ha affermato in una nota l’ente di gestione delle carceri SNAI.

Almeno 13 detenuti sono morti nella prigione di Cotopaxi e 35 prigionieri e sei agenti di polizia sono rimasti feriti, secondo un bilancio aggiornato giovedì.

La polizia e i soldati hanno impedito una fuga pianificata dalla struttura a 31 detenuti.

Nella prigione di Guayas, almeno otto detenuti hanno perso la vita nelle violenze e tre poliziotti sono rimasti feriti, ha detto SNAI.

Il ministro dell’Interno Alexandra Vela ha detto che 78 prigionieri sono stati catturati.

Carceri sovraffollate

A febbraio, almeno 79 detenuti sono morti in tre carceri – tra cui anche Guayas e Cotopaxi – in scontri tra bande rivali. Guayaquil, la città più grande dell’Ecuador, si trova a Guayas.

In quei disordini, i detenuti sono stati decapitati e bruciati con violenza che ha esposto il potere delle bande carcerarie e ha scioccato il paese.

I disordini in due carceri in Ecuador hanno lasciato almeno 22 morti, hanno detto le autorità giovedì [Rodrigo Buendia/AFP]

Il sistema carcerario dell’Ecuador ha circa 60 strutture progettate per 29.000 detenuti, ma è gravato da sovraffollamento e carenza di personale.

Secondo gli esperti, circa 38.000 detenuti sono sorvegliati da 1.500 guardie, un deficit di circa 2.500.

Il difensore civico per i diritti umani dell’Ecuador afferma che ci sono stati 103 omicidi nelle carceri dell’Ecuador nel 2020.

Nel tentativo di contrastare le violenze, l’allora presidente Lenin Moreno ha dichiarato più volte lo stato di emergenza, anche per tre mesi l’anno scorso.

Dall’inizio della pandemia di coronavirus, l’Ecuador ha utilizzato condanne alternative per reati minori. L’iniziativa ha ridotto il sovraffollamento nelle carceri dal 42% al 30%.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.