Decine di palestinesi feriti negli scontri con le forze israeliane | Notizie sul conflitto israelo-palestinese


Centinaia di palestinesi si sono radunati a Beita, nella Cisgiordania occupata, per protestare contro l’avamposto illegale israeliano nelle vicinanze.

Più di 140 palestinesi sono stati feriti in scontri con le truppe israeliane nel villaggio di Beita, nella Cisgiordania occupata, hanno detto i medici, durante le proteste contro un avamposto di insediamento israeliano illegale.

L’esercito israeliano ha detto che anche due soldati sono stati “leggermente feriti” nelle violenze di venerdì.

Centinaia di palestinesi si sono radunati a Beita, situata nel nord della Cisgiordania occupata da Israele, per protestare contro il vicino avamposto illegale di Eviatar, ha detto un corrispondente dell’AFP.

L’area ha visto regolari manifestazioni contro l’espansione illegale degli insediamenti in terra palestinese.

L’esercito israeliano ha affermato che “nelle ultime ore è stata istigata una rivolta nell’area dell’avamposto di Givat Eviatar, a sud di Nablus”.

“Centinaia di palestinesi hanno lanciato pietre contro le truppe dell’IDF (esercito), che hanno risposto con mezzi di dispersione antisommossa”, ha detto in una nota, aggiungendo che i due soldati “leggermente feriti” sono stati portati in ospedale.

La Mezzaluna Rossa Palestinese ha detto che 146 palestinesi sono stati feriti durante gli scontri, di cui nove da fuoco, 34 da proiettili ricoperti di gomma e 87 da gas lacrimogeni.

I coloni ebrei hanno creato l’avamposto illegale di Eviatar all’inizio di maggio, costruendo rudimentali case e baracche di cemento in poche settimane.

La costruzione è avvenuta in violazione del diritto internazionale e israeliano e ha suscitato feroci proteste da parte dei palestinesi che hanno insistito sul fatto che fosse costruita sulla loro terra.

Ma a seguito di un accordo raggiunto con il nuovo governo del primo ministro nazionalista Naftali Bennett, i coloni hanno lasciato l’avamposto il 2 luglio, mentre le strutture che avevano costruito sarebbero rimaste sotto la sorveglianza dell’esercito.

Il ministero della Difesa israeliano ha detto che studierà l’area per valutare se possa, secondo la legge israeliana, essere dichiarata terra demaniale.

In tal caso, Israele potrebbe autorizzare la costruzione di una scuola religiosa a Eviatar, con residenze per il personale e gli studenti.

Circa 475.000 coloni ebrei ora vivono nella Cisgiordania occupata, che Israele ha occupato dal 1967.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.