Netflix pensa che i giochi contino più dell’acquisto di studi cinematografici

Poiché i rivali dello streaming di Netflix come Prime Video e WarnerMedia di HBO Max si concentrano sul consolidamento e sulle acquisizioni di studi, Netflix sta invece dando la priorità al proprio servizio e investimento nei giochi rispetto all’acquisizione di qualsiasi IP di studio disponibile. È un cambiamento rinfrescante dall’acquisto di studi cinematografici in difficoltà o cataloghi dimenticati da tempo. Ma funzionerà?

Netflix ha spiegato la sua strategia di streaming nel suo lettera del secondo trimestre ai suoi azionisti. Citando le recenti fusioni tra WarnerMedia e Discovery e l’ultimo decennio di acquisizioni e fusioni tra le principali proprietà dei media – ad esempio con Disney e Fox o Viacom e CBS – la società ha affermato che “non crede che questo consolidamento abbia influenzato molto la nostra crescita, se affatto.” (Se sono un servizio di streaming in questo momento, sicuramente quello deve pungere.)

Inoltre, Netflix non sta acquistando gli studi nello stesso modo in cui lo sono stati i suoi rivali. La strategia di Netflix invece continua a essere semplicemente quella di migliorarsi. In altre parole, Netflix vuole essere più simile alle app social rispetto ad altri servizi di streaming. Il suo principale concorrente nello spazio, secondo Netflix, è se stesso.

“Mentre valutiamo continuamente le opportunità, non consideriamo alcun asset come ‘must-have’ e non abbiamo ancora trovato alcuno su larga scala sufficientemente convincente su cui agire”, ha scritto la società nella sua lettera agli azionisti. “Nella corsa per intrattenere i consumatori di tutto il mondo, continuiamo a competere per il tempo sullo schermo con una vasta gamma di aziende come YouTube, Epic Games e TikTok (solo per citarne alcune). Ma per lo più siamo in competizione con noi stessi per migliorare il nostro servizio il più velocemente possibile”.

Per una società che non sembra interessata allo shopping per studi cinematografici, i dirigenti di Netflix hanno toccato più volte la corsa all’acquisizione e al consolidamento durante la chiamata agli utili di martedì. Sebbene Netflix sia aperto alle giuste opportunità, i vertici dell’azienda hanno affermato che Netflix è “pignolo” quando si tratta di risorse e IP.

Per essere chiari, Netflix è ancora in testa nella battaglia in corso per i nostri occhi (e i nostri soldi). Netflix, che ha circa 209 milioni di abbonamenti a pagamento, è seguito più da vicino da Disney Plus, che ha circa la metà di quel numero di abbonamenti a pagamento. Con il suo vantaggio di oltre un decennio su altri servizi di streaming, Netflix ha più piste per sperimentare il suo prodotto e correre i tipi di rischi che i servizi più piccoli semplicemente non possono.

Questo ci porta ai giochi. Sebbene Netflix non ci abbia fornito una tempistica specifica per le versioni dei giochi, oltre a dire che l’iniziativa sarebbe un’impresa pluriennale, la società ha affermato che crede che “il momento sia giusto” per esplorare l’espansione. Netflix ha affermato più volte di ritenere che i suoi principali concorrenti siano luoghi ad alto coinvolgimento come TikTok e Fortnite. Ma l’immersione di Netflix nei giochi sul serio, piuttosto che attraverso esperimenti una tantum come un Cose più strane gioco o addirittura Bandersnatch – arriva in un momento di transizione per il gigante dello streaming mentre il mondo inizia a riaprirsi e lo streaming affronta nuovi ostacoli per agganciare e trattenere gli abbonati.

La società ha affermato di aver aggiunto 1,5 milioni di abbonamenti pagati nel secondo trimestre del 2021 rispetto alla previsione di 1 milione di linee guida, anche se ha perso circa 400.000 annunci netti pagati. Ma mentre la società ha affermato che la sua attività è sana e il suo tasso di abbandono – il numero di membri che lasciano il servizio – è in calo rispetto a un trimestre più “comparabile” del 2019, il CFO Spencer Neumann ha affermato durante l’intervista sugli utili della società che Netflix si sente ancora “Un po’ di quel freno in termini di crescita della nostra acquisizione mentre stiamo lavorando su ciò che speriamo sia – e non possiamo esserne sicuri – ma ciò che speriamo sia la fine di questa instabilità covid.”

Guardando in questo modo alle sfide future dell’azienda, la grande scommessa di Netflix sui circuiti di gioco. Crea nuovi modi per prolungare la durata di conservazione di contenuti e personaggi che stanno già risuonando tra gli spettatori. Ma come sarebbero i giochi Netflix?

Parlando della strategia dell’azienda per il futuro dei giochi, il COO di Netflix e il chief product officer Greg Peters hanno ribadito durante la chiamata che la società considerava i giochi come “un’estensione dell’offerta di intrattenimento principale su cui ci siamo concentrati negli ultimi 20 anni”. Prevede di sviluppare prima giochi per dispositivi mobili, sebbene altri formati possano essere considerati in futuro. E mentre Netflix prevede di sperimentare il suo approccio ai giochi, Peters ha affermato che includerà opportunità di licenza, giochi basati sulla sua IP esistente e giochi autonomi. Secondo Peters, ciò potrebbe anche includere un gioco che genera abbastanza clamore da essere trasformato in un film o una serie.

“Proprio come abbiamo continuamente ampliato la nostra offerta aggiungendo nuovi generi, film non sceneggiati, programmazione in lingua locale, animazione e così via, pensiamo di avere l’opportunità di aggiungere giochi a quell’offerta e offrire più valore di intrattenimento ai nostri membri. “, ha detto Peters. Ha aggiunto che la società prevedeva di “iniziare in modo relativamente piccolo” e che l’incursione di Netflix nello spazio di gioco sarebbe stata uno “sforzo pluriennale”.

Al momento è impossibile dire se la ludicizzazione dei contenuti di Netflix lo aiuterà a scalare in modo significativo. Ma l’attenzione di Netflix sui contenuti e sui prodotti rispetto alle acquisizioni e alle fusioni IP – il gioco preferito dalla maggior parte dei suoi colleghi di streaming al momento – indica che Netflix sta ancora operando in un campionato a parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *