Le foto mostrano inondazioni catastrofiche e mortali in Cina


Mentre parti del mondo sono testimoni di devastanti siccità e ondate di calore dovute alla crisi climatica, la provincia cinese di Henan, che ha una popolazione di oltre 100 milioni di persone, ha subito piogge torrenziali e inondazioni. E la capitale Zhengzhou ha visto le peggiori condizioni, dove un commentatore meteorologico locale l’ha definita una “tempesta una volta ogni mille anni”.

Almeno 25 persone sono morte, tra cui 12 intrappolate in un treno della metropolitana allagato. Centinaia di treni sono stati fermati a causa dell’inondazione, lasciando alle persone poche opzioni se non quella di guadare (o nuotare) nelle strade piene d’acqua. È stata segnalata anche carenza di cibo in tutta la provincia poiché le autorità cinesi schierano operatori di emergenza.

I disastri meteorologici sono indissolubilmente legati al cambiamento climatico indotto dall’uomo. Il pianeta si è già riscaldato di 2,1 gradi Fahrenheit dal 1880, secondo la NASA, e questo sta peggiorando i disastri. Le stagioni degli incendi si stanno allungando. Gli uragani stanno diventando sempre più umidi e pericolosi. Le ondate di calore stanno diventando più calde, più frequenti e più durature. Le piogge più intense stanno provocando più inondazioni nell’entroterra. E il costo dei disastri climatici è alle stelle. Fermare questo circolo vizioso richiederà una drastica riduzione della nostra dipendenza dai combustibili fossili che inquinano il clima.

Ecco uno sguardo alla devastazione che stanno causando le acque alluvionali in Cina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.