Gli agricoltori indiani protestano vicino al parlamento per chiedere l’abrogazione delle leggi | Notizie sull’agricoltura


All’inizio della sessione dei monsoni del parlamento questa settimana, 200 manifestanti si riuniranno nel centro di Nuova Delhi per continuare le loro proteste.

Gli agricoltori indiani, protestando contro tre nuove leggi agricole che secondo loro minacciano i loro mezzi di sussistenza, avvieranno una manifestazione sit-in vicino al parlamento nel centro della capitale Nuova Delhi in una nuova spinta per fare pressione sul governo affinché abroghi le leggi.

Nella più lunga protesta dei coltivatori contro il governo del primo ministro Narendra Modi, decine di migliaia di agricoltori si sono accampati sulle principali autostrade che portano a Nuova Delhi da più di sette mesi.

All’inizio della sessione dei monsoni del parlamento indiano questa settimana, alcuni contadini in protesta hanno cercato di marciare verso il principale distretto governativo ma sono stati fermati dalla polizia a pochi chilometri dal parlamento.

Giovedì, 200 manifestanti si raduneranno a Jantar Mantar, un grande osservatorio dell’era Mughal nel centro di Nuova Delhi che funge anche da luogo di protesta per ogni tipo di causa.

“Durante la sessione dei monsoni del parlamento, 200 agricoltori si recheranno ogni giorno a Jantar Mantar per tenere il parlamento degli agricoltori per ricordare al governo la nostra richiesta da tempo in sospeso”, ha affermato Balbir Singh Rajewal, uno dei principali leader degli agricoltori.

La sessione dei monsoni del parlamento si concluderà all’inizio di agosto.

Dopo lunghe trattative, la polizia di Nuova Delhi ha acconsentito a far radunare 200 agricoltori durante il giorno a Jantar Mantar, ma i manifestanti devono seguire le linee guida sul coronavirus emesse dalla Delhi Disaster Management Authority, afferma una dichiarazione del governo.

Alla fine di gennaio, migliaia di contadini arrabbiati si sono scontrati con la polizia dopo aver guidato i loro trattori contro le barriere di sicurezza. Un manifestante è stato ucciso e più di 80 agenti di polizia sono rimasti feriti in tutta la città.

Gli agricoltori affermano che le leggi favoriscono i grandi rivenditori privati ​​che, prima delle nuove leggi, non erano autorizzati a procurarsi prodotti agricoli al di fuori dei mercati del grano all’ingrosso regolamentati dal governo.

Il governo afferma che le leggi, introdotte nel settembre 2020, libereranno gli agricoltori dal dover vendere i loro prodotti solo nei mercati all’ingrosso regolamentati.

Sostiene che gli agricoltori guadagneranno se i grandi commercianti, rivenditori e trasformatori alimentari possono acquistare direttamente dai produttori.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.