Le città siciliane rischiano la bancarotta per i costi di bonifica dell’Etna | Italia


Decine di città siciliane rischiano la bancarotta a causa dei costi per ripulire le ceneri vulcaniche lasciate dall’Etna, che erutta regolarmente da febbraio.

Il governo italiano lunedì ha stanziato 5 milioni di euro per risarcire diversi villaggi che faticano a pagare per sbarazzarsi delle ceneri vulcaniche, il cui costo può raggiungere più di 1 milione di euro per ogni eruzione.

“La situazione è molto grave”, ha detto Alfio Previtera, consigliere comunale del comune di Giarre, uno dei paesi più colpiti dalle ceneri dell’Etna. ”Strade, piazze, tetti, balconi, automobili: tutto è ricoperto di cenere. Da marzo sulla nostra cittadina sono cadute circa 25.000 tonnellate di cenere. La gente usa gli ombrelli come protezione.”

Secondo la legge italiana, la cenere è considerata rifiuto speciale, il che aumenta il costo del suo smaltimento a circa 20 euro (£ 17) al metro cubo.

Un'auto ricoperta dalla cenere vulcanica dell'Etna.  I proprietari di auto a Giarre devono coprirli con teli di plastica per proteggerli.
Un’auto ricoperta di cenere vulcanica dell’Etna. I proprietari di auto a Giarre utilizzano teli di plastica per proteggere i loro veicoli. Fotografia: Alessio Mamo

“Ad ogni eruzione, l’Etna emette da decine di migliaia a 200.000 metri cubi di cenere”, afferma Boris Behncke, vulcanologo presso l’Istituto Nazionale di Geofisica di Catania. “È un problema serio per i comuni”.

“Per far fronte a questa emergenza, diversi comuni hanno accumulato un ingente debito”, ha detto Previtera. “Stiamo affrontando un collasso finanziario”.

Per evitare la bancarotta dei villaggi, la scorsa settimana il Senato ha approvato una legge secondo cui le ceneri non devono più essere considerate rifiuti speciali.

“La legge ridurrà notevolmente i costi di smaltimento”, afferma Silvio Grasso, ingegnere e capo della protezione civile di Giarre. “La legge prevede, ad esempio, che il frassino possa essere utilizzato in agricoltura per rendere più fertile il terreno, oppure in edilizia come materiale di cementazione o di riempimento. Certo, il problema persiste anche perché l’Etna non ha ancora finito di eruttare».

Da febbraio, l’Etna, che si trova a 3.300 metri (10.800 piedi) sul livello del mare, sta eruttando in modo spettacolare, con fontane di lava alte 2.000 metri. I vulcanologi dell’Istituto Nazionale di Geofisica di Catania che stanno studiando la cenere dicono che riflette quello che chiamano “magma primitivo”, che proviene dalle viscere della montagna e porta una maggiore carica di gas, il che spiega le eruzioni insolitamente alte.

A fresh eruption at Etna behind the Santa Maria della Guardia church in Belpasso, Catania
A fresh eruption at Etna behind the Santa Maria della Guardia church in Belpasso, Catania. Fotografia: Agenzia Anadolu/Getty Images

Migliaia di abitanti e contadini vivono e lavorano sul vulcano, e devono fare i conti con una pioggia quasi costante di ceneri sui tetti e sui balconi.

“Sta diventando davvero fastidioso”, dice Pinella Astorina, 74 anni, che vive a Trecastagni, un piccolo paese alle pendici del vulcano. “Passiamo la giornata a rimuovere le ceneri dalle nostre case. Il problema è quando si accumula sui tetti, rischiando di intasare i tubi di scarico. Potrebbe costare 300-400 euro per rimuovere le ceneri dal tetto”.

Il servizio nazionale di protezione civile ha programmato una riunione d’urgenza per discutere del disagio ai cittadini. Le autorità locali hanno consigliato alle persone di indossare nuovamente maschere protettive all’aperto dopo che il governo italiano all’inizio di questo mese ha revocato l’obbligo di indossarle contro il Covid-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.