Le auto a guida autonoma di Ford saranno disponibili sulla piattaforma di Lyft a Miami e Austin

I clienti Lyft a Miami potranno chiamare un robotaxi di Argo AI, una startup AV supportata da Ford e Volkswagen, entro la fine dell’anno, hanno annunciato mercoledì le società. L’anno prossimo, i piloti di Austin, in Texas, potranno fare lo stesso. È l’ultima mossa per rendere disponibili più veicoli autonomi per l’uso pubblico dopo che le previsioni iniziali sulla disponibilità su larga scala di AV non si sono materializzate.

Per anni, Ford ha promesso che avrebbe lanciato un’attività di veicoli autonomi su vasta scala, inclusi robotaxi e consegne senza conducente, entro il 2021. Ciò è stato successivamente spostato al 2022, con la casa automobilistica che cita i ritardi dovuti alla pandemia di coronavirus. Ha anche affermato che utilizzerà un veicolo autonomo appositamente costruito senza volante o pedali per alimentare le sue ambizioni commerciali, che deve ancora rivelare.

L’accordo con Lyft è il primo segno che Ford sta ancora cercando di mantenere le sue promesse iniziali. Sarà la prima volta che Ford o Argo inviteranno il pubblico a fare un giro nei loro veicoli autonomi.

La dimensione della flotta sarà inizialmente “modesta”, con “meno di 100 veicoli” collettivamente in entrambe le città entro il prossimo anno, ha affermato un portavoce di Argo. Ma la società afferma che sta “gettando le basi” per l’implementazione di 1.000 veicoli autonomi in più mercati nei prossimi cinque anni.

Entro la fine dell’anno, i veicoli autonomi di Argo saranno disponibili sulla piattaforma Lyft a Miami, dove Argo ha testato la sua tecnologia negli ultimi anni. Se i clienti Lyft si trovano all’interno di un’area geografica definita, verrà loro offerta la possibilità di viaggiare in un veicolo autonomo verso la loro destinazione. Questi veicoli includeranno ancora due conducenti di sicurezza nei sedili del conducente e del passeggero anteriore.

L’annuncio segnala anche che, nonostante abbia venduto la sua attività di guida autonoma a Toyota all’inizio di quest’anno, Lyft è ancora interessata a mantenere un punto di vista nel settore AV. La compagnia di ride-hailing media già viaggi in auto a guida autonoma a Las Vegas con Aptiv e a Phoenix con Waymo.

Ma la società non avrà una mano nello sviluppo della tecnologia, dopo aver scaricato la sua divisione di ricerca sui veicoli autonomi di livello 5 alla Woven Planet Holdings di proprietà di Toyota per $ 550 milioni lo scorso aprile. La società ha seguito il suo rivale Uber nella vendita della sua costosa divisione di veicoli autonomi nel tentativo di asportare le parti in perdita della sua attività. L’anno scorso, Uber ha venduto il suo progetto AV ad Aurora, una startup fondata dall’ex capo del progetto di guida autonoma di Google.

Ma Lyft non è solo un giocatore passivo in questo affare. Le società hanno firmato un “accordo di accesso alla rete” che darà a Lyft una partecipazione del 2,5% in Argo in cambio dei dati della società di ride-hailing sui viaggi a guida autonoma. Ford, Argo e Lyft affermano che utilizzeranno i dati generati da Miami e Austin per capire come far crescere un’attività di robotaxi su vasta scala. Secondo il comunicato stampa:

Argo utilizzerà servizi anonimi e dati della flotta di Lyft che consentiranno ad Argo di superare le sfide affrontate da altre società di veicoli autonomi concentrandosi su dove possono costruire un’attività sostenibile e convalidare l’implementazione attraverso dati di sicurezza localizzati.

Ciò potrebbe rivelarsi piuttosto redditizio per Lyft, se Argo seguirà i suoi piani per diventare pubblico per un valore di $ 7 miliardi. Secondo Bloomberg, la startup potrebbe seguire la tradizionale rotta dell’offerta pubblica iniziale, oppure potrebbe tentare una fusione inversa con una società di acquisizione speciale, o SPAC. Ford ha investito $ 1 miliardo in Argo nel 2017 e VW ha effettuato un proprio investimento di $ 2,6 miliardi l’anno scorso.

Argo, che negli ultimi anni ha testato i suoi veicoli di quarta generazione a Miami, Austin e Washington, DC, oltre a Pittsburgh, Detroit e California. La società si sta inoltre preparando a lanciare un servizio di microtransito e consegna autonomo con VW in Germania, utilizzando la sua tecnologia autonoma di quinta generazione, a partire dal 2025.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.