Le morti in eccesso dell’India durante COVID potrebbero essere oltre 4 milioni: Studio | Notizie sulla pandemia di coronavirus


L’eccesso di morti dell’India durante la pandemia potrebbe essere un incredibile 10 volte il bilancio ufficiale di COVID-19, rendendolo probabilmente la peggiore tragedia umana moderna dell’India, secondo la ricerca più completa finora sulle devastazioni del virus nel paese dell’Asia meridionale.

La maggior parte degli esperti ritiene che il bilancio ufficiale dell’India di oltre 414.000 morti sia un enorme sottostima, ma il governo ha respinto tali preoccupazioni come esagerate e fuorvianti.

Il rapporto pubblicato martedì stimava i decessi in eccesso – il divario tra quelli registrati e quelli che ci si sarebbe aspettati – tra 3 e 4,7 milioni tra gennaio 2020 e giugno 2021.

In questa foto del 24 aprile 2021, più pire funerarie di coloro che sono morti di COVID-19 bruciano in un terreno che è stato convertito in un crematorio a Nuova Delhi [File: Altaf Qadri/AP]

Pubblicato da Arvind Subramanian, l’ex capo consigliere economico del governo indiano e altri due ricercatori del Center for Global Development e dell’Università di Harvard, il rapporto afferma che una cifra accurata potrebbe “risultare sfuggente” ma il vero bilancio delle vittime “è probabile che sia un ordine di grandezza maggiore del conteggio ufficiale”.

Il rapporto afferma che il conteggio potrebbe aver mancato i decessi verificatisi negli ospedali sopraffatti o mentre l’assistenza sanitaria è stata ritardata o interrotta, specialmente durante la devastante seconda ondata della pandemia all’inizio di quest’anno.

“È probabile che le vere morti siano nell’ordine di diversi milioni e non centinaia di migliaia, il che rende questa probabilmente la peggiore tragedia umana dell’India dalla spartizione e dall’indipendenza”, afferma il rapporto.

La spartizione del subcontinente indiano governato dai britannici in India e Pakistan indipendenti nel 1947 ha portato all’uccisione di un milione di persone mentre indù, sikh e folle musulmane si massacravano a vicenda.

Come è stata condotta la ricerca?

Il rapporto sul bilancio dei virus in India ha utilizzato tre metodi di calcolo: dati dal sistema di registrazione civile che registra nascite e decessi in sette stati, esami del sangue che mostrano la prevalenza del virus in India insieme ai tassi di mortalità globale COVID-19 e un’indagine economica di quasi 900.000 persone fatte tre volte l’anno.

In questa foto del 25 aprile 2021, un parente di una persona morta di COVID-19 si rompe durante la cremazione a Jammu, nel Kashmir amministrato dall’India. [File: Channi Anand/AP]

I ricercatori hanno avvertito che ogni metodo aveva punti deboli, come l’indagine economica che omette le cause della morte.

Invece, i ricercatori hanno esaminato i decessi per tutte le cause e hanno confrontato quei dati con la mortalità negli anni precedenti, un metodo ampiamente considerato una metrica accurata.

I ricercatori hanno anche avvertito che la prevalenza del virus e i decessi per COVID-19 nei sette stati studiati potrebbero non tradursi in tutta l’India, poiché il virus potrebbe essersi diffuso maggiormente negli stati urbani rispetto a quelli rurali e poiché la qualità dell’assistenza sanitaria varia notevolmente in India.

Mentre si ritiene che anche altre nazioni abbiano sottostimato i decessi nella pandemia, si ritiene che l’India abbia un divario maggiore a causa del fatto che ha la seconda popolazione mondiale più alta di 1,4 miliardi e la sua situazione è complicata perché non tutti i decessi sono stati registrati anche prima della pandemia .

“Enorme sottostima dei decessi”

Il dottor Jacob John, che studia i virus presso il Christian Medical College di Vellore, nel sud dell’India, ha esaminato il rapporto per l’agenzia di stampa Associated Press e ha affermato che sottolinea l’impatto devastante che il COVID-19 ha avuto sul sistema sanitario poco preparato del paese.

“Questa analisi ribadisce le osservazioni di altri giornalisti investigativi senza paura che hanno evidenziato la massiccia sottostima delle morti”, ha detto Jacob.

In questa foto dell’11 maggio 2021, familiari e volontari portano il corpo di una vittima del COVID-19 per la cremazione a Nuova Delhi [File: Amit Sharma/AP]

Il rapporto ha anche stimato che quasi due milioni di indiani sono morti durante la prima ondata di infezioni lo scorso anno e ha affermato che il non “aver compreso la portata della tragedia in tempo reale” potrebbe aver “generato un compiacimento collettivo che ha portato agli orrori” dell’ondata all’inizio di quest’anno. .

Negli ultimi mesi, alcuni stati indiani hanno aumentato il bilancio delle vittime di COVID-19 dopo aver trovato migliaia di casi precedentemente non segnalati, sollevando preoccupazioni sul fatto che molti altri decessi non siano stati registrati ufficialmente.

Diversi giornalisti indiani hanno anche pubblicato numeri più alti da alcuni stati utilizzando i dati del governo. Gli scienziati affermano che queste nuove informazioni li stanno aiutando a capire meglio come si è diffuso il COVID-19 in India.

Murad Banaji, che studia matematica alla Middlesex University e ha esaminato i dati sulla mortalità del COVID-19 in India, ha affermato che i dati recenti hanno confermato alcuni dei sospetti sulla sottostima.

Banaji ha affermato che i nuovi dati mostrano anche che il virus non era limitato ai centri urbani, come avevano indicato i rapporti contemporanei, ma che anche i villaggi indiani erano stati gravemente colpiti.

“Una domanda che dovremmo porci è se alcune di quelle morti fossero evitabili”, ha detto.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.