Uomini armati rapiscono lavoratori cinesi e mauritani nel centro del Mali | Notizie Asia Pacifico Asia


Gli assalitori hanno anche distrutto attrezzature appartenenti a società di costruzioni cinesi e mauritane.

Secondo le forze armate del paese, uomini armati hanno rapito tre cittadini cinesi e due mauritani da un cantiere nel sud-ovest del Mali.

Gli assalitori hanno preso d’assalto il sito a 55 chilometri (34 miglia) dalla città di Kwala sabato e sono fuggiti con cinque camioncini e gli ostaggi, hanno detto le forze armate del Mali (FAMA) in un dichiarazione su Facebook.

Secondo l’esercito, gli uomini hanno anche distrutto attrezzature tra cui una gru e autocarri con cassone ribaltabile appartenenti all’impresa di costruzioni cinese COVEC e alla società mauritana di costruzioni stradali ATTM.

Un funzionario dell’esercito maliano, che ha chiesto l’anonimato, ha detto all’agenzia di stampa Afp che le vittime stavano lavorando alla costruzione di strade nella regione.

“Il rilascio di tutti gli ostaggi è la nostra priorità”, ha detto.

L’agenzia di stampa mauritana Al-Akhbar ha riferito che gli uomini armati sono arrivati ​​in motocicletta e hanno bruciato attrezzature e serbatoi di carburante prima di ritirarsi con i prigionieri.

Gli amici e la famiglia del giornalista Olivier Dubois, rapito nel nord del Mali l’8 aprile, si riuniscono per una marcia di solidarietà a Bamako il 17 luglio 2021 [Annie Risemberg/ AFP]

Il Mali sta lottando dal 2012 per contenere la violenza legata ad Al-Qaeda e ai gruppi affiliati all’ISIS (ISIS). I combattenti hanno ora esteso le loro operazioni dalle loro roccaforti nel nord del deserto del paese al suo centro, così come nei vicini Burkina Faso e Niger.

Migliaia di persone sono state uccise e centinaia di migliaia sono fuggite dalle loro case.

Frequenti sono stati anche i rapimenti, sia di maliani che di stranieri.

L’8 aprile, un giornalista francese è stato rapito nel nord del Mali. In un video sugli ostaggi, Olivier Dubois ha affermato che il Gruppo a sostegno dell’Islam e dei musulmani (GSIM), la più grande alleanza di gruppi armati nel Sahel, lo aveva rapito.

Tra le crescenti violenze, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha chiesto al Consiglio di sicurezza di autorizzare ulteriori truppe di mantenimento della pace per il Mali. Guterres ha fatto la richiesta in un rapporto datato 15 luglio, secondo Reuters.

L’aumento proposto di 2.069 soldati e agenti di polizia porterebbe la dimensione autorizzata della missione, nota come MINUSMA, a 17.278 personale in uniforme, il più grande da quando è stata istituita nel 2013.

Guterres ha affermato che il piano potrebbe funzionare solo di concerto con gli sforzi intensificati delle autorità maliane per rafforzare la sicurezza e migliorare la governance.

Il Mali è impantanato nell’incertezza politica dopo che gli ufficiali militari a maggio hanno condotto il loro secondo colpo di stato in nove mesi.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.