Quali sono le cause dei lampi di raggi gamma? I loro lampi ultra luminosi contengono indizi

Nel luglio 1967, al culmine della Guerra Fredda, i satelliti americani che erano stati lanciati per cercare test sulle armi nucleari sovietiche ho trovato qualcosa di completamente inaspettato. I satelliti Vela 3 e 4 hanno osservato brevi lampi di fotoni ad alta energia, o raggi gamma, che sembravano provenire dallo spazio. Più tardi, in un documento del 1973 che hanno compilato più di una dozzina di tali eventi misteriosi, gli astronomi li avrebbero soprannominati lampi di raggi gamma. “Da allora, abbiamo cercato di capire cosa fossero queste esplosioni”, ha detto Andrew Taylor, fisico presso il German Electron Synchrotron (DESY) ad Amburgo.

Dopo la scoperta iniziale, gli astronomi hanno discusso da dove provenissero questi lampi di radiazioni gamma, un indizio fondamentale per ciò che li alimenta. Alcuni pensavano che tali fonti luminose dovessero essere vicine, nel nostro sistema solare. Altri hanno sostenuto che sono nella nostra galassia, altri ancora nel cosmo al di là. Le teorie abbondavano; i dati no.

Poi nel 1997 un satellite italiano e olandese chiamato BeppoSAX confermato che i lampi di raggi gamma erano extragalattici, in alcuni casi originati a molti miliardi di anni luce di distanza.

Questa scoperta è stata sconcertante. Per spiegare quanto fossero luminosi questi oggetti, anche osservandoli da tali distanze, gli astronomi si sono resi conto che gli eventi che li hanno causati devono essere quasi inimmaginabilmente potenti. “Pensavamo che non ci fosse modo di ottenere quella quantità di energia in un’esplosione da qualsiasi oggetto nell’universo”, ha detto Sylvia Zhu, un’astrofisica di DESY.

Un lampo gamma emetterà la stessa quantità di energia di una supernova, causata dal collasso e dall’esplosione di una stella, ma in secondi o minuti anziché in settimane. La loro luminosità di picco può essere 100 miliardi di miliardi di volte quella del nostro sole e un miliardo di volte superiore anche alle supernove più luminose.

Si è rivelata una fortuna che fossero così lontani. “Se ci fosse un lampo di raggi gamma nella nostra galassia con un getto puntato su di noi, la cosa migliore che potresti sperare è una rapida estinzione”, ha detto Zhu. “Spereresti che le radiazioni distruggano l’ozono e friggano immediatamente tutto a morte. Perché lo scenario peggiore è che se è più lontano, potrebbe causare la trasformazione di parte dell’azoto e dell’ossigeno nell’atmosfera in biossido di azoto. L’atmosfera diventerebbe marrone. Sarebbe una morte lenta”.

I lampi di raggi gamma sono di due tipi, lunghi e corti. Si pensa che il primo, che può durare fino a diversi minuti, derivi dalle stelle più di 20 volte la massa del nostro sole collassando in buchi neri ed esplodendo come supernove. Questi ultimi, che durano solo fino a circa un secondo, sono causati dalla fusione di due stelle di neutroni (o forse una stella di neutroni che si fonde con un buco nero), che è stata confermato nel 2017 quando gli osservatori di onde gravitazionali hanno rilevato una fusione di stelle di neutroni e il telescopio spaziale a raggi gamma Fermi della NASA ha catturato il lampo di raggi gamma associato.

In ogni caso, il lampo di raggi gamma non proviene dall’esplosione stessa. Piuttosto proviene da un getto che si muove a una frazione al di sotto della velocità della luce che viene emessa dall’esplosione in direzioni opposte. (L’esatto meccanismo che alimenta il jet rimane una “domanda molto fondamentale”, ha detto Zhu.)

La vista di questo artista mostra i momenti prima e i nove giorni dopo una kilonova. Due stelle di neutroni si muovono a spirale verso l’interno, creando onde gravitazionali (archi pallidi). Dopo la fusione, un getto produce raggi gamma (magenta), mentre i detriti radioattivi espandendosi producono luce ultravioletta (viola), ottica (blu-bianca) e infrarossa (rossa).

“È quella combinazione della velocità ad alta energia e della messa a fuoco in un getto che li rende estremamente luminosi”, ha detto Nial Tanvir, astronomo dell’Università di Leicester in Inghilterra. “Ciò significa che possiamo vederli molto lontano.” In media, si pensa che ci sia un lampo gamma osservabile nell’universo visibile ogni giorno.

Fino a poco tempo, l’unico modo per studiare i lampi di raggi gamma era osservarli dallo spazio, poiché lo strato di ozono della Terra impedisce ai raggi gamma di raggiungere la superficie. Ma quando i raggi gamma entrano nella nostra atmosfera, si scontrano con altre particelle. Queste particelle vengono spinte più velocemente della velocità della luce nell’aria, il che le porta ad emettere un bagliore blu noto come radiazione Cherenkov. Gli scienziati possono quindi eseguire la scansione di queste esplosioni di luce blu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.