Il bilancio delle vittime sale a 170 nelle inondazioni in Germania e Belgio | Notizie meteo


Il bilancio delle vittime delle devastanti inondazioni nella Germania occidentale e in Belgio è salito ad almeno 170 sabato dopo lo scoppio dei fiumi e le inondazioni improvvise di questa settimana, che hanno fatto crollare case e strappato strade e linee elettriche.

Circa 143 persone sono morte nell’alluvione nel peggior disastro naturale della Germania in più di mezzo secolo. Ciò includeva circa 98 nel distretto di Ahrweiler a sud di Colonia, secondo la polizia.

Centinaia di persone erano ancora disperse o irraggiungibili poiché diverse aree erano inaccessibili a causa dell’alto livello dell’acqua mentre la comunicazione in alcuni punti era ancora interrotta.

Residenti e imprenditori hanno lottato per raccogliere i cocci nelle città martoriate.

“Tutto è completamente distrutto. Non riconosci il paesaggio”, ha detto Michael Lang, proprietario di un’enoteca nella città di Bad Neuenahr-Ahrweiler ad Ahrweiler, trattenendo le lacrime.

Il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier ha visitato Erftstadt, nello stato del Nord Reno-Westfalia, dove il disastro ha ucciso almeno 45 persone.

“Piangiamo con coloro che hanno perso amici, conoscenti, familiari”, ha detto. “Il loro destino sta strappando i nostri cuori”.

Circa 700 residenti sono stati evacuati nella tarda serata di venerdì dopo la rottura di una diga nella città di Wassenberg, vicino a Colonia, hanno detto le autorità.

Ma il sindaco di Wassenberg, Marcel Maurer, ha affermato che i livelli dell’acqua si sono stabilizzati dalla notte. “E’ troppo presto per dare il via libera, ma siamo cautamente ottimisti”, ha detto.

La diga di Steinbachtal nella Germania occidentale, tuttavia, è rimasta a rischio di breccia, hanno detto le autorità dopo che circa 4.500 persone sono state evacuate dalle case a valle.

Steinmeier ha affermato che ci vorranno settimane prima che l’intero danno, che dovrebbe richiedere diversi miliardi di euro in fondi per la ricostruzione, possa essere valutato.

Armin Laschet, premier statale della Renania settentrionale-Vestfalia e candidato del partito al governo CDU alle elezioni generali di settembre, ha detto che nei prossimi giorni parlerà con il ministro delle finanze Olaf Scholz del sostegno finanziario.

Il cancelliere Angela Merkel avrebbe dovuto recarsi domenica in Renania-Palatinato, lo stato che ospita il villaggio devastato di Schuld.

In Belgio, il bilancio delle vittime è salito a 27, secondo il Centro nazionale di crisi, che sta coordinando le operazioni di soccorso.

Ha aggiunto che 103 persone erano “disperse o irraggiungibili”. Alcuni erano probabilmente irraggiungibili perché non potevano ricaricare i telefoni cellulari o erano in ospedale senza documenti d’identità, ha detto il centro.

Comunità tagliate

Negli ultimi giorni le inondazioni, che hanno colpito soprattutto gli stati tedeschi della Renania-Palatinato e del Nord Reno-Westfalia e il Belgio orientale, hanno tagliato intere comunità dal potere e dalle comunicazioni.

Il più grande produttore di energia della Germania ha dichiarato sabato che la sua miniera a cielo aperto a Inden e la centrale elettrica a carbone di Weisweiler sono state gravemente colpite, aggiungendo che l’impianto funzionava a una capacità inferiore dopo che la situazione si era stabilizzata.

Nelle province meridionali del Belgio di Lussemburgo e Namur, le autorità si sono affrettate a fornire acqua potabile alle famiglie.

I livelli di inondazione sono diminuiti lentamente nelle parti più colpite del Belgio, consentendo ai residenti di smistare i beni danneggiati. Sabato pomeriggio il primo ministro Alexander De Croo e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen hanno visitato alcune aree.

L’operatore della rete ferroviaria belga Infrabel ha pubblicato piani di riparazione delle linee, alcune delle quali sarebbero tornate in servizio solo alla fine di agosto.

Massima allerta nei Paesi Bassi

Anche i servizi di emergenza nei Paesi Bassi sono rimasti in allerta poiché i fiumi in piena hanno minacciato città e villaggi in tutta la provincia meridionale del Limburgo.

Decine di migliaia di residenti nella regione sono stati evacuati negli ultimi due giorni, mentre soldati, vigili del fuoco e volontari hanno lavorato freneticamente per tutta la notte di venerdì per far rispettare gli argini e prevenire le inondazioni.

I Paesi Bassi sono finora sfuggiti a un disastro sulla scala dei suoi vicini e, a partire da sabato mattina, non sono state segnalate vittime.

Gli scienziati hanno da tempo affermato che il cambiamento climatico porterà a acquazzoni più pesanti. Ma per determinare il suo ruolo in queste piogge incessanti ci vorranno almeno diverse settimane per la ricerca, hanno detto gli scienziati venerdì.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.