Gli Stati Uniti festeggiano un anno dalla morte dell’icona dei diritti civili John Lewis | Notizie sulle elezioni


In onore del deputato di lunga data, il presidente Joe Biden esorta nuovamente il Congresso ad approvare una legislazione che difenda il diritto di voto.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha rinnovato la sua richiesta al Congresso di approvare una legislazione che tuteli il diritto di voto in onore del leader dei diritti civili e membro del Congresso di lunga data John Lewis, morto un anno fa.

In una dichiarazione di sabato, nel primo anniversario della morte di Lewis, Biden ha affermato che è fondamentale continuare “la causa per la quale John era disposto a dare la vita: proteggere il sacro diritto di voto”.

“Era dai tempi del movimento per i diritti civili degli anni ’50 e ’60 che abbiamo visto attacchi così inesorabili ai diritti di voto e all’integrità delle nostre elezioni”, ha detto Biden, che ha sottolineato le false affermazioni del suo predecessore Donald Trump che le elezioni del 2020 sono state segnate da una diffusa esempio.

Ha anche criticato “nuove ondate di soppressione degli elettori”, un riferimento a una serie di leggi statali che mirano a limitare l’accesso al voto e che secondo i critici danneggerebbero in modo sproporzionato i neri e gli altri elettori di colore.

Leggi controverse vengono discusse in stati come il Texas e attuate dai legislatori repubblicani in altri stati, tra cui Arizona, Florida e Georgia.

Il Brennan Center for Justice della New York University, che tiene traccia delle leggi sulla soppressione degli elettori negli Stati Uniti, dice sul suo sito web che 17 stati hanno emanato 28 nuove leggi che limitano l’accesso al voto a partire dal 21 giugno.

“Chiedo nuovamente al Congresso di approvare il For the People Act e il John Lewis Voting Rights Advancement Act in modo da poterli firmare in legge”, ha detto Biden nella sua dichiarazione, riferendosi alla proposta di legge che rafforzerebbe i diritti di voto, ma è in fase di stallo al Congresso .

I democratici stanno spingendo per il For the People Act, un disegno di legge federale per il voto e le elezioni, ma i repubblicani del Senato si sono uniti per bloccarlo, affermando che viola la capacità degli stati di condurre le elezioni. La maggior parte dei repubblicani ha anche respinto il John Lewis Voting Rights Advancement Act, che ripristinerebbe sezioni del Voting Rights Act che erano state indebolite dalla Corte Suprema.

Lewis, che ha prestato servizio al Congresso per decenni, era un protetto di Martin Luther King Jr e ha continuato la lotta per i diritti civili e i diritti umani fino alla fine della sua vita.

Era forse meglio conosciuto per aver guidato circa 600 manifestanti nella marcia della Bloody Sunday attraverso l’Edmund Pettus Bridge a Selma, in Alabama, nel 1965. Le truppe statali hanno picchiato Lewis e altri attivisti che stavano marciando per i diritti di voto quel giorno.

Il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris ha descritto Lewis come “un eroe americano”.

“Il membro del Congresso Lewis ha combattuto instancabilmente per i più alti ideali del nostro paese: libertà e giustizia per tutti e per il diritto di ogni americano di far sentire la propria voce alle urne”, ha detto la Harris nella sua dichiarazione di sabato.

Le persone in lutto vedono un memoriale improvvisato al defunto membro del Congresso John Lewis, un pioniere del movimento per i diritti civili e membro di lunga data della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, ad Atlanta lo scorso anno [Dustin Chambers/Reuters]

Come studente universitario all’American Baptist College e poi alla Fisk University, Lewis ha anche aiutato a desegregare gli spazi pubblici a Nashville e ha spinto per la giustizia razziale in tutto il sud.

Nashville ha segnato l’anniversario della sua morte con eventi venerdì e sabato, rinominando gran parte della Fifth Avenue in Rep. John Lewis Way.

Tra gli stabilimenti lungo la strada c’è l’edificio del centro di Woolworth, dove Lewis e altri leader dei diritti civili neri sedevano con aria di sfida al bancone del pranzo segregato che non li avrebbe serviti nel 1960. Centinaia di persone hanno marciato lungo la strada prima di arrivare al Ryman Auditorium per una cerimonia di celebrazione.

Nel frattempo, i legislatori statunitensi e i membri della famiglia di Lewis si sono riuniti sabato a San Diego per il battesimo di una nave della Marina intitolata a Lewis.

“Questa nave sarà un faro per il mondo che ricorderà a tutti coloro che la vedranno la perseveranza e il coraggio di John Lewis”, ha detto la presidente della Camera democratica Nancy Pelosi al battesimo della USNS John Lewis.

Il nipote di Lewis, Marcus Tyner, ha detto che la famiglia era grata per l’onore, ma ha detto che “ciò che farebbe piacere a mio zio” è se il Congresso approvasse la legge sui diritti di voto che porta il suo nome.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.