Biden mette una taglia di $ 10 milioni sugli hacker stranieri Foreign

Regolatori in Germania sono pronti a bloccare uno dei più grandi siti porno del mondo, secondo un rapporto dei nostri colleghi di WIRED UK. Il paese ha recentemente imposto controlli di verifica dell’età per i siti per adulti, che alcuni devono ancora implementare. Il blocco dovrebbe essere effettuato dagli ISP e dai fornitori di dati mobili, che potrebbero tentare di contrastare gli ordini in tribunale in caso di necessità.

Questa settimana a Cuba si è verificata una forma più aggressiva di censura di Internet, poiché le autorità hanno interrotto l’accesso ai principali social media e piattaforme di messaggistica come Facebook e WhatsApp a causa dei disordini civili in corso. Come l’Iran, la Cina e altri regimi oppressivi, Cuba ha il controllo centralizzato su Internet, il che significa che può bloccare siti specifici o l’accesso all’ingrosso a suo piacimento. È una tecnica sempre più diffusa, resa possibile dalla balcanizzazione in corso di Internet.

Mentre le aziende di tutto il mondo sono alle prese con una catastrofe di ransomware in corso, abbiamo esaminato il modo in cui gli hacker si sono sempre più rivolti al software di gestione IT per sferrare attacchi su larga scala. Anche gli zero-day rimangono popolari, anche per il russo Cozy Bear, che ne ha usato uno per prendere di mira gli iPhone in una campagna scoperta di recente. E anche il buon vecchio catfishing rimane di moda, in particolare per l’Iran, che Facebook (ancora una volta) ha colto mentre cercava di ingannare obiettivi in ​​industrie di alto valore con account falsi. La buona notizia è che Biden ha un team all-star di sicurezza informatica in atto. La parte più difficile è capire come possono lavorare tutti insieme.

Anche i bravi hacker hanno avuto una settimana produttiva, dimostrando come avrebbero potuto ingannare una webcam di terze parti per consentire loro di aggirare il riconoscimento facciale di Windows Hello. Microsoft ha risolto il problema. E WhatsApp ha affrontato una frustrazione di lunga data per i suoi utenti, consentendo finalmente l’uso multi-dispositivo senza dover instradare tutto attraverso il telefono.

Non dimenticare di dedicare un po’ di tempo questo fine settimana per assicurarti che le tue ricerche web siano private e sicure.

E c’è di più. Ogni settimana raccogliamo tutte le notizie sulla sicurezza che WIRED non ha trattato in modo approfondito. Fare clic sui titoli per leggere le storie complete e stare al sicuro là fuori.

Non esiste una soluzione semplice al flagello globale del ransomware. Ma l’amministrazione Biden ha almeno adottato alcune misure proattive, inclusa una nuova ricompensa che offre fino a $ 10 milioni in cambio di informazioni sugli hacker criminali che prendono di mira le infrastrutture statunitensi. Il Dipartimento di Giustizia istituirà un sistema per segnalare suggerimenti sul dark web e ha indicato che è aperto a pagare informatori con criptovaluta.

La scorsa settimana, REvil è riuscito a bloccare oltre 1.000 aziende in una campagna di ransomware di proporzioni storiche. Questa settimana, le operazioni del gruppo sono andate offline. Ci sono alcune possibilità qui. Il Dipartimento di Giustizia potrebbe aver sequestrato i server di REvil, o la Russia potrebbe aver finalmente fatto un po’ di applicazione. (OK, probabilmente non quello.) Lo scenario più probabile, tuttavia, potrebbe essere che REvil l’abbia semplicemente impacchettato di fronte a un esame sgradito. Non aspettarti che se ne vadano per sempre, però; questi gruppi spesso si limitano a cambiare nome e riemergono una volta che la pressione si è calmata. Nel frattempo, però, le vittime non hanno modo di pagare il riscatto e riavere i loro sistemi.

Abbiamo parlato della balcanizzazione di Internet in precedenza e il Great Firewall cinese è l’esempio più evidente. I ricercatori questa settimana hanno gettato nuova luce su quanto sia esteso il blocco dell’azienda. Non solo nega l’accesso a circa 311.000 domini su 534 milioni testati, ma sembra che circa 41.000 di questi siano stati bloccati per errore. Circa 1.800 dei siti censurati sono tra i primi 100.000 siti più visitati del web.

Il Citizen Lab dell’Università di Toronto questa settimana ha pubblicato un rapporto, insieme a un’indagine Microsoft, che indica che lo spyware di una società nota come Candiru è stato utilizzato per prendere di mira almeno 100 attivisti, giornalisti, dissidenti e politici in 10 paesi. È una conferma preoccupante che il software di sorveglianza di società losche sia sempre più utilizzato dai regimi autoritari per reprimere il dissenso.


Altre grandi storie WIRED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.