Niente più matrimoni Zoom a New York dopo che Cuomo ha revocato l’ordine esecutivo

I matrimoni virtuali, una delle tradizioni più accattivanti emerse durante i blocchi legati alla pandemia dello scorso anno, non sono più legali a New York ora che il governatore Andrew Cuomo ha revocato il suo ordine esecutivo di aprile. Segnalato per la prima volta da New York Times, l’ordine firmato da Cuomo era destinato allo stato di emergenza e ha revocato l’OE con effetto dal 25 giugno.

New York la legge statale richiede che una coppia che intende sposarsi “deve dichiarare alla presenza di un funzionario pubblico autorizzato o di un membro autorizzato del clero e di almeno un altro testimone che ciascuno prende l’altro come proprio coniuge”. Quindi, per mantenere legali Zoom e altri matrimoni virtuali, sarebbe necessaria una nuova legislazione.

I matrimoni Zoom hanno permesso alle spose e agli sposi di mantenere i loro piani di matrimonio in qualche modo intatti al culmine della pandemia di coronavirus lo scorso anno, fornendo un modo per la famiglia e gli amici di partecipare al giorno speciale rispettando i requisiti di distanza sociale. L’ordine di Cuomo ha persino permesso alle coppie fidanzate di New York di gestire le pratiche burocratiche per ottenere una licenza di matrimonio tramite video nell’ambito del programma Project Cupid. Le persone hanno viaggiato da altri stati per sposarsi a New York poiché è stato uno dei primi a consentire ufficialmente i matrimoni virtuali, il Volte segnalato, e il cambiamento di status ha colto di sorpresa molti newyorkesi, compresi gli officianti.

L’ufficio del governatore ha detto al Volte che lo stato non stava impedendo alle persone “di trasmettere in live streaming un viaggio sicuro al municipio o all’ufficio del clero”. Il Marriage Bureau della città a Manhattan, che ha chiuso lo scorso marzo in mezzo ai blocchi, è ancora chiuso ai matrimoni walk-in, il Volte notato. Tuttavia, il sindaco di New York City Bill de Blasio ha detto giovedì che l’Ufficio Matrimonio riaprirà il 19 luglio e le coppie potranno fissare gli appuntamenti del matrimonio già dal 23 luglio.

“E’ l’estate di New York City”, ha detto de Blasio durante l’annuncio. “Molte persone sperimenteranno cose incredibili qui, perché non sposarsi?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.