La Thailandia vieta le riunioni in quanto casi COVID, i decessi hanno raggiunto un nuovo record | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Le nuove infezioni superano la soglia dei 10.000 mentre 141 nuovi decessi sono stati segnalati dai funzionari sanitari del paese.

La Thailandia ha imposto un divieto a livello nazionale di riunioni pubbliche e sta valutando ulteriori restrizioni ai movimenti poiché le autorità hanno riportato sabato un numero record di nuovi casi e decessi di coronavirus, nonostante i blocchi parziali a Bangkok e in altre nove province questa settimana.

La task force COVID-19 del paese ha riportato 10.082 nuovi casi di coronavirus e 141 nuovi decessi, portando il numero totale di infezioni a 391.989 casi e 3.240 decessi dall’inizio della pandemia.

Giovedì scorso, le autorità hanno affermato che la variante Delta ora rappresenta quasi l’80% del carico di lavoro del paese.

È stato imposto un divieto di assembramenti pubblici, con una pena massima di due anni di carcere o una multa fino a 40.000 baht thailandesi ($ 1.219,88) o entrambi, ha mostrato un annuncio sulla Royal Gazette ufficiale pubblicato nella tarda serata di venerdì.

Sabato, il quotidiano Bangkok Post ha riferito che il primo ministro Prayut Chan-o-cha ha incaricato l’esercito e la polizia di aiutare i funzionari della capitale nello schieramento di 200 squadre che effettueranno test porta a porta nel peggiore dei casi. colpiscono parti della città.

La mossa mira a “trovare e isolare le persone infette per frenare le trasmissioni impennate”, ha riferito il Post.

Venerdì, Prayuth ha affermato che il governo sta prendendo in considerazione ulteriori restrizioni mentre il paese combatte il suo peggior focolaio di coronavirus, alimentato dalle varianti altamente trasmissibili Alpha e Delta COVID-19 dall’inizio di aprile.

“C’è bisogno di ampliare le misure per limitare il più possibile il movimento delle persone e chiudere più strutture lasciando solo l’essenziale”, ha scritto Prayuth sulla sua pagina Facebook ufficiale.

Le aree considerate ad alto rischio in Thailandia sono state sottoposte alle restrizioni più dure da più di un anno da lunedì, con limitazioni a movimenti e assembramenti, chiusura di centri commerciali e alcune attività commerciali e coprifuoco tra le 21:00 e le 4:00.

“bolla turistica”

Lo stesso Prayuth è in autoisolamento da quasi due settimane dopo essere entrato in contatto con un caso positivo durante una visita a Phuket per lanciare un programma turistico per stranieri.

Nonostante il nuovo blocco e l’aumento a livello nazionale di COVID-19, altre tre isole thailandesi sono state aperte ai turisti stranieri vaccinati nel paese.

Le isole – Samui, Tao e Phangan – hanno accolto i visitatori giovedì come parte della spinta del regno a rilanciare la sua malconcia industria del turismo.

La Thailandia ha lanciato il suo schema “sandbox” il 1 luglio, consentendo ai viaggiatori vaccinati di visitare l’isola di Phuket. I turisti non devono essere messi in quarantena in un hotel ma non possono lasciare Phuket per due settimane.

Il primo ministro Prayuth è andato in autoisolamento per quasi due settimane dopo essere entrato in contatto con un caso positivo durante una visita a Phuket per lanciare un programma turistico per stranieri [File: Thai Government Handout Photo via Reuters]

In base alla nuova espansione del piano turistico, i visitatori devono soggiornare in un hotel approvato a Samui per una settimana e possono lasciare il loro alloggio il quarto giorno.

Dovranno produrre un test COVID-19 negativo prima di potersi avventurare a Tao o Phangan dopo la loro prima settimana.

Da quando l’isola di Phuket è stata aperta, ha ricevuto almeno 5.000 turisti stranieri, 10 dei quali sono risultati positivi al COVID-19.

Le autorità non si aspettano un grande afflusso immediato a Samui e nelle altre due isole.

Il presidente dell’Associazione turistica di Koh Samui, Ratchaporn Poolsawadee, ha descritto lo schema “Samui Plus” come un’apertura morbida.

Ha detto che il 75% dei residenti sulle tre isole è stato vaccinato.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.