Secondo quanto riferito, Intel è in trattative per acquistare la società di fonderia da 30 miliardi di dollari che AMD ha scorporato un decennio fa

Nel 2008, i produttori di chip Intel e AMD hanno intrapreso due strade distinte: Intel ha continuato a produrre i propri chip per mantenere il pieno controllo, mentre AMD ha deciso di scorporare la propria attività di semiconduttori come GlobalFoundries, facendo affidamento su di essa e su altri produttori per fornire il silicio effettivo. Adesso, Il giornale di Wall Street sta segnalando che Intel sta cercando di accaparrarsi anche gli ex fab di AMD, in un accordo che potrebbe valutarli a $ 30 miliardi.

È chiaro dal WSJ storia che l’accordo non è una cosa sicura, e GLOBALFOUNDRIES ha negato apertamente di essere in trattative con Intel. Ma è possibile che Intel stia negoziando con la società di investimento che possiede invece GLOBALFOUNDRIES, come il WSJ sottolinea. È anche intrigante che il rivista non ha un “no comment” da parte di Intel stessa: a volte è un canarino per indicare un’azienda fatto commento, appena fuori dal verbale o su uno sfondo profondo.

(“Rifiuteremo di commentare voci e speculazioni”, ha detto un portavoce di Intel il bordo, anche se.)

C’è un’ovvia ragione per cui Intel potrebbe volere GlobalFoundries: in realtà sta aumentando la sua attività di fonderia ora. Nel tentativo di invertire la rotta della società in difficoltà, il nuovo CEO di Intel Pat Gelsinger ha annunciato a marzo che la società non sarebbe più andata da sola, esternalizzando una parte maggiore della sua produzione di chip a fonderie di terze parti, accettando di produrre più chip per altre società utilizzando il suo proprie fonderie e investendo anche in nuove fabbriche. Ciò includeva un investimento di 20 miliardi di dollari in nuove strutture in Arizona, ma potrebbero volerci molti anni prima che i nuovi edifici vengano costruiti e si sviluppino.

Nel frattempo, suona come la fonderia n. 4 al mondo (secondo TrendForce) potrebbe essere in palio, uno che rappresenta il 7% di tutte le attività di fonderia per fatturato. Ciò non metterà Intel sullo stesso piano di un gigante TSMC o Samsung (che insieme rappresentano circa il 74 percento), ma sarebbe un inizio.

Il Washington Post ha preso un tour della struttura di GlobalFoundries a Malta, NY solo la scorsa settimana, se vuoi sentire com’è.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.