L’Aston Martin Valhalla è una spettacolare supercar ibrida da 937 cavalli

Due anni dopo che l’Aston Martin ha presentato il concept sorprendente ma maldestramente intitolato AM-RB 003, la versione di produzione finale è arrivata con un nome molto più semplice: Valhalla.

La casa automobilistica ha rivelato la supercar ibrida giovedì in vista del Gran Premio di Gran Bretagna di questo fine settimana, dove Aston Martin gareggerà come produttore per la prima volta in oltre 60 anni. Aston Martin è tornata in F1 quest’anno con un team co-sponsorizzato da Cognizant, la società di servizi professionali al centro dell’indagine in più parti di Casey Newton sul problema della moderazione dei contenuti di Facebook. Nel 2020, la società è stata rilevata dal miliardario canadese Lawrence Stroll, il cattivo de facto della terza stagione di Netflix. Guida per sopravvivere serie.

Stroll si è allontanato con l’Aston Martin dopo una drammatica resa dei conti con Geely (la più grande casa automobilistica privata della Cina), che aveva presentato un’offerta in competizione per la casa automobilistica di lusso in difficoltà. La prima mossa di Stroll è stata quella di ritardare alcuni dei progetti di veicoli elettrici di Aston Martin. Quindi il fatto che il progetto Valhalla sia sopravvissuto alla turbolenza è un piccolo miracolo.

Comunque… alla macchina! È una bestia ibrida da 937 cavalli, con una velocità massima di 217 miglia all’ora e la capacità di andare da 0 a 100 chilometri all’ora (62mph) in meno di 2,5 secondi. Lo fa accoppiando un motore V8 biturbo da 740 cavalli con una coppia di motori elettrici (uno su ciascun asse) e sfruttando l’aerodinamica attiva nella parte anteriore dell’auto e con lo spoiler posteriore, nonché i tunnel sotto l’auto che può dirigere l’aria — trucchi che Aston Martin ha sviluppato sul predecessore del Valhalla, il Valkyrie.

Un corpo per lo più in fibra di carbonio mantiene le cose abbastanza leggere a 1.550 chilogrammi (3.417 libbre), anche se ci sono più angoli e fessure nel design che si possono trovare nella Valkyrie ultra-liscia. Aston Martin afferma che, all’interno, c’è un nuovo sistema di infotainment in esecuzione su un touchscreen centrale che supporta anche Apple CarPlay e Android Auto, il che significa che il sistema montato su smartphone del concept AM-RB 003 è stato misericordiosamente scartato. (La società sfortunatamente non ha rilasciato alcuna immagine della cabina di pilotaggio.)

Tutto sommato, il Valhalla sembra abbinarsi bene ad altre supercar ibride come la SF90 Stradale della Ferrari, per quel che vale. Ne verranno realizzati pochissimi, e costeranno una cifra astronomica. Per la maggior parte di noi, è solo qualcosa da guardare.

Considerando la storia recente di Aston Martin, però, potrebbe non sorprenderti che ci sia un ultimo pezzo di intrigo con questa macchina. Il motore a combustione interna proviene da Mercedes-Benz, che fornisce l’unità di potenza complessiva al team di F1 di Aston Martin. mi fa pensare che aspetto hanno i condotti dei freni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.