Google ha multato di 500 milioni di euro in Francia per trattative in malafede con le agenzie di stampa

Google è accusato di uno storico Sanzione da 500 milioni di euro (589 milioni di dollari) da parte dell’Autorità francese della concorrenza (FCA) per non aver rispettato un ordine di aprile 2020 negoziare equamente con gli editori di notizie sull’uso e il pagamento per i loro articoli e altri contenuti (tramite CNBC).

Gli editori di notizie hanno ottenuto la possibilità di richiedere il pagamento per l’utilizzo dei loro contenuti su piattaforme di terze parti con il passaggio della controversa direttiva sul copyright dell’Unione Europea, adottata dalla Francia nel 2019 e che generalmente cerca di spostare il potere verso i produttori di contenuti piuttosto che le piattaforme che ricondividono il proprio lavoro. L’articolo 11 della direttiva, colloquialmente chiamato “Link Tax”, dà agli editori il diritto di chiedere il pagamento per frammenti di articoli e altri contenuti collegati in luoghi come Google News.

I risultati della ricerca di prova di Google che ha affermato di poter utilizzare dopo l’adozione della direttiva sul copyright dell’UE.
Credito: Google

In vista dell’approvazione della direttiva, Google ha testato le anteprime dei contenuti vuoti e nessuna descrizione di ricerca come una sorta di vaga minaccia di ciò che potrebbe essere costretto a fare in un mondo post-Articolo 11. La FCA lo ha visto come un abuso del monopolio di Google sulla ricerca e ha ordinato alla società di rispettare le regole e negoziare effettivamente per il diritto di visualizzare gli articoli. A quanto pare, quei negoziati non sono andati bene.

Secondo la FCA, Google ha imposto ai suoi accordi con gli editori di concentrarsi su News Showcase, un prodotto che non comprende tutti i luoghi in cui gli articoli degli editori possono essere visualizzati sulle piattaforme di Google. In secondo luogo, la FCA afferma che la società non è disposta a negoziare la condivisione delle entrate dagli annunci venduti rispetto ad altri luoghi in cui potrebbero essere visualizzati i contenuti degli editori, come i collegamenti e la descrizione della ricerca che vedi quando visualizzi i risultati di ricerca. Entrambi i problemi avrebbero dovuto essere affrontati nell’ordine generale della FCA per negoziare “la remunerazione dovuta a [publishers] ai sensi del Neighboring Rights Act per la ripresa dei loro contenuti protetti”, ma sembra che Google non la vedesse in questo modo.

In risposta alla notizia della multa, Google dice alla CNBC che in realtà stava per finalizzare un accordo con l’Agence France-Presse (AFP), l’organizzazione cooperativa francese di notizie, “che include un accordo di licenza globale, nonché la remunerazione dei loro diritti di vicinato per le loro pubblicazioni di stampa”. Sembra che questo sia più di un semplice problema di tempismo scadente, ma almeno in questa dichiarazione fornita a Il Verge, Google sta tenendo duro e afferma di non guadagnare molto dai risultati di ricerca di notizie in primo luogo:

Mentre ci impegniamo a rispettare la Direttiva sul copyright e gli ordini della FCA, questa multa ignora i significativi sforzi che abbiamo fatto per raggiungere accordi e la realtà di come funzionano le notizie sulle nostre piattaforme: Google lo scorso anno ha generato meno di 5 milioni di euro di entrate- senza scopo di lucro dai clic sugli annunci relativi a possibili query relative alle notizie in Francia. Vogliamo trovare una soluzione e raggiungere accordi definitivi ma questa multa è sproporzionata rispetto alla cifra che ricaviamo dalle notizie e valuteremo la decisione nel dettaglio.

Google ha due mesi per affrontare le questioni sollevate dalla FCA offrendo pagamenti per l’utilizzo di “contenuti protetti” agli editori. In caso contrario, dovrà affrontare ulteriori € 900,00 ($ 1 milione) al giorno di sanzioni in aggiunta alla sua già multa multimilionaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.