Gli Stati Uniti mettono in guardia le aziende sugli affari dello Xinjiang, sollecitano l’uscita | Notizie sui diritti umani


La dichiarazione congiunta avverte di “prove crescenti” di lavoro forzato e sfide di due diligence.

Gli Stati Uniti hanno avvertito di maggiori rischi per le aziende che operano nello Xinjiang, dove accusano Pechino di un “genocidio in corso” e di “crimini contro l’umanità” contro gli uiguri e altre minoranze etniche principalmente musulmane, avvertendo che le aziende potrebbero essere perseguite secondo gli Stati Uniti legge.

In un avviso aziendale aggiornato pubblicato martedì, gli Stati Uniti hanno affermato che ci sono “prove crescenti” di lavoro forzato, così come altre violazioni dei diritti umani e sorveglianza “intrusiva”.

“Data la gravità e la portata di questi abusi, le imprese e gli individui che non escono da catene di approvvigionamento, iniziative e/o investimenti collegati allo Xinjiang potrebbero correre un alto rischio di violazione della legge statunitense”, ha affermato il Dipartimento di Stato in una dichiarazione congiunta con il Tesoro, Dipartimento del Commercio, Dipartimento della Sicurezza Nazionale. Anche il Dipartimento del lavoro e l’Ufficio del rappresentante per il commercio degli Stati Uniti hanno firmato per la prima volta l’advisory.

Le Nazioni Unite stimano che almeno un milione di persone siano state trattenute negli ultimi anni in una rete di campi di rieducazione nell’estremo ovest della regione, che secondo Pechino sono centri di formazione professionale necessari per combattere “l’estremismo”.

I ricercatori hanno anche documentato altri abusi tra cui la sterilizzazione forzata, la demolizione di moschee, lo sgombero dei cimiteri musulmani e le separazioni familiari. Il mese scorso Amnesty International ha accusato la Cina di aver creato un “paesaggio infernale distopico” nello Xinjiang.

L’advisory afferma che coloro che desiderano fare affari nello Xinjiang dovrebbero prestare attenzione ai potenziali rischi in relazione allo sviluppo di strumenti di sorveglianza, all’approvvigionamento di beni e manodopera dallo Xinjiang – o altrove lungo la catena di approvvigionamento in Cina – fornendo prodotti statunitensi incluso software o aiutando a la costruzione o il funzionamento di centri di internamento o fabbriche nelle vicinanze.

“Gli Stati Uniti continueranno a promuovere la responsabilità per le atrocità e altri abusi della Repubblica popolare cinese attraverso uno sforzo dell’intero governo e in stretto coordinamento con il settore privato e i nostri alleati e partner”. Lo ha detto in una nota il segretario di Stato Anthony Blinken.

Gli uiguri protestano davanti al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti a maggio, esortando la comunità internazionale ad agire contro le politiche della Cina nella regione occidentale dello Xinjiang [File: Leah Millis/Reuters]

L’advisory ha rilevato la mancanza di trasparenza, ma ha esortato le aziende a svolgere una due diligence “intensificata”, avvertendo che c’era il rischio di azioni legali per coloro che erano stati trovati – anche indirettamente – a sostenere il sistema di sorveglianza del governo cinese nella regione o a fornire sostegno finanziario alle imprese legati alle violazioni dei diritti umani.

Qualsiasi azienda con investimenti esistenti e operazioni commerciali che potrebbero essere interessate dovrebbe prendere in considerazione il “disinvestimento responsabile”, ha aggiunto.

Gli Stati Uniti hanno già inserito nella lista nera diverse società cinesi per le loro operazioni nello Xinjiang, oltre a imporre sanzioni a funzionari chiave per le presunte violazioni dei diritti.

Questa settimana dovrebbero essere aggiunte almeno altre 10 società cinesi alla lista nera.

Gli Stati Uniti hanno pubblicato per la prima volta lo Xinjiang Supply Chain Business Advisory nel luglio dello scorso anno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.