Palestinesi chiedono il rilascio del deputato incarcerato per il funerale della figlia | Notizie sul conflitto israelo-palestinese


I gruppi per i diritti umani affermano che Israele dovrebbe consentire a Khalida Jarrar di partecipare ai funerali di sua figlia Suha, 31 anni, che è stata trovata morta nella sua casa di Ramallah.

Attivisti palestinesi e gruppi per i diritti hanno chiesto alle autorità israeliane di rilasciare Khalida Jarrar, una legislatore palestinese che sta scontando una pena detentiva, in modo che possa partecipare al funerale di sua figlia.

Secondo gli attivisti palestinesi, lunedì le autorità israeliane avrebbero negato la richiesta di Jarrar, un prigioniero politico, di partecipare al funerale.

Suha Jarrar, 31 anni, è stata trovata morta domenica sera nella sua casa nella città occupata di Ramallah, in Cisgiordania, secondo quanto riportato dai media palestinesi. Secondo i rapporti, Jarrar è morto per un attacco di cuore.

Il giovane Jarrar lavorava come ricercatore legale e advocacy officer presso l’Al-Haq, un’organizzazione palestinese per i diritti umani, con sede a Ramallah. Alcuni dei suoi lavori più importanti si sono concentrati sugli effetti ambientali dell’occupazione israeliana.

In un rapporto del 2019, ha sostenuto che le politiche discriminatorie israeliane impediscono ai palestinesi nella Cisgiordania occupata di adattarsi ai cambiamenti climatici.

In un necrologio, Al-Haq ha affermato che Suha era “un feroce sostenitore dei diritti del popolo palestinese all’autodeterminazione, alla libertà e alla dignità”.

Al-Haq ha detto di aver inviato un appello urgente alle Nazioni Unite chiedendo il rilascio “immediato e incondizionato” di Jarrar dalle carceri israeliane per dire addio a sua figlia.

Gli attivisti palestinesi hanno anche diffuso una petizione online chiedendo il suo rilascio. Altri hanno organizzato manifestazioni a sostegno degli appelli nella Cisgiordania occupata e nella Striscia di Gaza.

“Avendo ripetutamente detenuto Khalida [Jarrar] in violazione dei suoi diritti, le autorità israeliane dovrebbero almeno permetterle di dire addio a sua figlia”, ha scritto Omar Shakir, direttore di Israele e Palestina di Human Rights Watch in un necrologio per Suha.

La prigionia di Jarrar

A marzo, un tribunale militare israeliano ha condannato Jarrar a due anni di carcere per “incitamento alla violenza” e appartenenza a un'”organizzazione vietata”. La sua uscita è prevista per settembre.

L’eminente politico palestinese è in detenzione da quando le forze israeliane l’hanno arrestata dalla sua casa nella città occupata di Ramallah in Cisgiordania nell’ottobre 2019.

Jarrar, che è anche membro del defunto Consiglio Legislativo Palestinese (PLC), il parlamento sospeso della Palestina, è stato arrestato numerose volte e ha fatto diversi periodi di detenzione amministrativa israeliana, in base alla quale i palestinesi della Cisgiordania e della Striscia di Gaza sono detenuti senza accusa o prova per un periodo massimo di sei mesi.

Il 58enne è associato al Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP), di sinistra, considerato un gruppo “terrorista” da Israele.

Jarrar è stato arrestato per la prima volta nel 1989 e trattenuto per un mese senza processo. Per la sua seconda detenzione nel 2014, è stata condannata a 15 mesi di carcere. Alla fine è stata rilasciata nel febbraio 2019, prima di essere arrestata di nuovo nove mesi dopo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.