‘Ho passato tutta la notte a festeggiare’: i tifosi dell’Italia festeggiano il trionfo a Euro 2020 | Italia


WNei momenti della parata decisiva di Gianluigi Donnarumma, le urla di decine di migliaia di tifosi sono esplose in tutte le città italiane. I festeggiamenti sono continuati fino a notte fonda, con molti italiani che hanno perso una notte di sonno tra il suono di fuochi d’artificio, fumogeni, canti e clacson.

A Roma, fan euforici si erano radunati accanto al Colosseo e ad altri monumenti chiave, sventolando la bandiera italiana, ballando e cantando canzoni tra cui Notti Magiche (Notti magiche) di Gianna Nannini ed Edoardo Bennato.

“Anche se la prima cosa che ho fatto è stata postare un messaggio su Facebook: Brexit”, ha scherzato Cristal Gerardi. “Mi sono sentito così scoraggiato quando l’Inghilterra ha segnato così presto all’inizio della partita, ma poi l’Italia si è svegliata nel secondo tempo”.

La squadra italiana guidata dal loro allenatore, Roberto Mancini, è tornata a Roma di prima mattina dopo aver portato il trofeo di Euro 2020. Le celebrazioni si erano spente lunedì con la tradizionale parata della vittoria cancellata a causa delle restrizioni di Covid, ma molte persone potevano ancora essere viste indossare le magliette dell’Italia mentre camminavano per la città.

Roberto Mancini porta il trofeo dall'aereo
Roberto Mancini porta il trofeo dall’aereo, accompagnato dal capitano Giorgio Chiellini. Photograph: Massimo Insabato/Mondadori Portfolio/ZUMA/REX/Shutterstock

Sotto il caldo torrido di luglio, circa 100 tifosi hanno accolto i loro beniamini al loro arrivo all’Hotel Parco dei Principi di Roma, mentre altri si sono radunati vicino al palazzo presidenziale nella speranza di intravedere o fotografare la squadra mentre si recavano a presentare il trofeo a Il presidente italiano Sergio Mattarella, che era tra gli spettatori a Wembley.

A Palermo tanti Azzurri i tifosi avevano assistito alla finale su maxischermi nelle piazze e nei bar.

“Sai quando ho capito che avremmo vinto? Quando ho sentito i tifosi inglesi fischiare l’inno nazionale italiano”, ha detto Carla Gasperini, 50 anni, residente a Palermo. “Ha alimentato i nostri giocatori. Non era solo irrispettoso, era controproducente. Voglio dire, non puoi inginocchiarti per il movimento Black Lives Matter e poi fischiare l’inno nazionale di un altro paese”.

Fino all’ultimo Onofrio Raimondi, di Sutera, un piccolo paese della provincia siciliana di Caltanissetta, non credeva che l’Italia avrebbe trionfato. “Soprattutto dopo quel primo errore ai rigori”, ha detto. “Per non parlare dell’errore di Jorginho. Donnarumma ci ha salvato. Ho passato tutta la notte a festeggiare nei vicoli della città, con i miei figli. Non dimenticherò mai questo momento”.

Raimondi ha aggiunto: “L’Inghilterra si è cacciata dall’Unione Europea e noi l’abbiamo cacciata dalla Coppa dei Campioni”.

Bandiere italiane a Roma domenica sera
Bandiere italiane a Roma domenica sera. Fotografia: Alessandro Serranò/AGF/Rex/Shutterstock

Donnarumma, 22 anni, è il primo portiere ad essere nominato giocatore del torneo. Ha detto che lo spirito combattivo della squadra è stata la chiave della loro vittoria. “Non abbiamo mai mollato un centimetro, siamo una squadra fantastica e meritiamo tutto questo”, ha detto.

I tifosi erano d’accordo. “Sono stati fantastici”, ha detto Liliana Bonfiglio, che vive a Roma. “Mi ha fatto davvero emozionare vedere [Roberto] Mancini piange”.

Il torneo ha contribuito a risollevare il morale, ha aggiunto, soprattutto dopo 18 mesi di pandemia di coronavirus. “Avevamo bisogno di un po’ di ottimismo”.

Massimo, anche lui residente a Roma, ha detto che l’Inghilterra è un’opposizione dura. “L’Inghilterra ha giocato bene, forse anche un po’ meglio di noi”, ha detto. “Ma quello che non mi piaceva vedere erano i giocatori dell’Inghilterra che rimuovevano il loro [runners-up] medaglie dopo la sconfitta. Non mostrava una buona sportività ed era poco sofisticato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.