Cina e Corea del Nord promettono cooperazione “di fronte all’ostilità straniera” | Cina Notizie


Kim afferma che i legami tra Cina e Corea del Nord sono vitali di fronte alle forze straniere ostili, mentre Xi promette di portare la cooperazione “a una nuova fase”,

I leader della Corea del Nord e della Cina si sono scambiati messaggi impegnandosi a rafforzare la cooperazione nel 60° anniversario della firma del loro Trattato di amicizia, cooperazione e mutua assistenza.

In un messaggio di domenica al cinese Xi Jinping, il leader nordcoreano Kim Jong Un ha affermato che la loro relazione è vitale di fronte alle forze straniere ostili, mentre Xi ha promesso di portare la cooperazione “a una nuova fase”, secondo l’agenzia di stampa nordcoreana KCNA.

La Cina è stata l’unico grande alleato della Corea del Nord da quando le due parti hanno firmato il trattato nel 1961 e le sanzioni internazionali imposte sulle armi nucleari e sui programmi di missili balistici di Pyongyang l’hanno resa più che mai dipendente da Pechino per il commercio e altri aiuti.

Il patto di amicizia chiede ai due paesi di aiutarsi a vicenda in caso di attacco da parte di entrambe le parti.

“Nonostante la situazione internazionale complicata senza precedenti negli ultimi anni, la fiducia fraterna e l’amicizia militante tra la Corea del Nord e la Cina si rafforzano di giorno in giorno”, ha detto Kim nel suo messaggio, secondo KCNA, usando le iniziali del nome ufficiale della Corea del Nord.

Il trattato sta difendendo il socialismo e la pace in Asia “ora che le forze ostili diventano più disperate nella loro sfida e nelle loro mosse ostruttive”, ha detto Kim.

Il messaggio di Xi ha affermato che intende fornire maggiore felicità ai due paesi e alla loro gente rafforzando la comunicazione con Kim e “portando costantemente le relazioni di amicizia e cooperazione tra i due paesi a una nuova fase”, ha affermato KCNA.

Il trattato Cina-Corea del Nord ha un periodo di validità di 20 anni ed è stato rinnovato nel 1981 e nel 2001.

NK News, un sito web che monitora la Corea del Nord, ha affermato che si aspettava che Xi e Kim estendessero il trattato per altri 20 anni.

Lo scambio di messaggi di Xi e Kim è l’ultimo segno di rinnovati legami tra i vicini, che secondo gli analisti è rivolto agli Stati Uniti in mezzo ai colloqui sul nucleare bloccati tra Pyongyang e Washington e al peggioramento delle tensioni tra Stati Uniti e Pechino.

“È un matrimonio di convenienza”, ha detto all’AFP Park Won-gon, professore di studi nordcoreani alla Ewha Womans University.

I rapporti tra i due alleati sono discordi dalla fine della guerra di Corea, ha aggiunto, e “non si fideranno mai veramente l’uno dell’altro”.

Ma hanno bisogno l’uno dell’altro per affrontare Washington, ha aggiunto Park.

“E più si avvicinano, più sarà difficile denuclearizzare la Corea del Nord”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.