La Russia stabilisce un nuovo record di morti giornaliere per COVID | Notizie sulla pandemia di coronavirus


La Russia sta combattendo una grave terza ondata di COVID-19, guidata dalla variante Delta altamente infettiva.

La Russia ha riportato sabato 752 morti per coronavirus, un record nazionale di decessi legati alla pandemia in un periodo di 24 ore, mentre il paese combatte una terza ondata di coronavirus.

La Russia ha ora stabilito sette nuovi massimi di pandemia per i decessi per coronavirus negli ultimi 12 giorni mentre combatte un focolaio in aumento guidato dalla variante altamente infettiva del Delta e una lenta campagna di vaccinazione.

Il numero di casi di virus ufficiali del paese ha superato i 5,75 milioni sabato, diventando la quinta nazione più colpita al mondo, secondo un conteggio dell’agenzia di stampa AFP.

A partire da sabato, solo 18,9 milioni della popolazione russa di circa 146 milioni di persone erano stati completamente vaccinati, secondo il sito web di Gogov, che conteggia i dati sul coronavirus delle regioni.

A Mosca, l’epicentro dell’epidemia in Russia, solo 1,8 milioni dei circa 12 milioni di persone della città erano stati completamente vaccinati nonostante i vaccini gratuiti fossero disponibili da dicembre.

Scetticismo

Le autorità hanno affrontato una popolazione scettica ai vaccini, con un sondaggio indipendente questa settimana che mostra che il 54% dei russi non ha intenzione di ottenere un vaccino COVID-19.

Fred Weir, un corrispondente del Christian Science Monitor a Mosca, ha detto ad Al Jazeera: “È un po’ una selvaggia ironia che l’establishment russo sia stato in grado di produrre un vaccino abbastanza buono e di farlo presto, ma non sono completamente riusciti a convincere la popolazione a prenderlo.

“I tassi di vaccinazione qui sono un abissale 16%, molto indietro rispetto alla maggior parte dei paesi sviluppati. Anche a Mosca, dove c’è una popolazione molto più istruita e cosmopolita, il tasso è solo del 20 percento circa.

“Il governo sta cercando di fare tutto il possibile per vaccinare le persone, ma i russi sono un po’ reticenti”.

Secondo Weir, lo scetticismo è alto tra i cittadini più anziani, che diffidano dello stato. “La maggior parte della popolazione anziana, che è la più vulnerabile, si rifiuta di farlo”, ha affermato Weir.

Mosca in ripresa

Nonostante la sfida, il ritmo della campagna di vaccinazione è comunque aumentato dopo che il sindaco di Mosca Sergei Sobyanin il mese scorso ha imposto che il 60% dei lavoratori del settore dei servizi debba essere completamente vaccinato entro metà agosto, con un certo numero di regioni russe che hanno seguito l’esempio.

Venerdì, Sobyanin ha affermato che 3,5 milioni di moscoviti avranno ricevuto almeno la loro prima dose di vaccino entro la fine del fine settimana.

Il sindaco ha anche ordinato agli uffici della capitale russa di mandare a casa un terzo dei loro dipendenti e ristoranti non vaccinati per consentire l’ingresso solo ai clienti che sono stati vaccinati o infettati negli ultimi sei mesi.

Il Cremlino, tuttavia, ha respinto le vaccinazioni obbligatorie per tutti i gruppi della popolazione, nonché i suggerimenti di reimporre un blocco a livello nazionale.

Con 142.253 morti per il virus, la Russia ha il più alto bilancio ufficiale del coronavirus in Europa, anche se le autorità sono state accusate di minimizzare la gravità dell’epidemia nel Paese.

Con una definizione più ampia di decessi legati al coronavirus, l’agenzia di statistica Rosstat alla fine di aprile ha affermato che la Russia ha visto almeno 270.000 morti.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.