Tencent aggiunge ampie scansioni facciali solo per catturare i bambini che giocano oltre il coprifuoco

Tencent, la più grande azienda di giochi al mondo, sta implementando una tecnologia di riconoscimento facciale che probabilmente scansionerà i volti di molti giocatori ogni singola sera, con l’obiettivo di catturare i minori che infrangono il coprifuoco e aiutare a prevenire la dipendenza dai videogiochi (tramite Gizmodo). Ci sono molti concetti controversi in una frase, no?

Ecco cosa sta succedendo, secondo l’azienda e l’analista del settore dei giochi cinesi Daniel Ahmad.

In Cina, la prevenzione della dipendenza da videogiochi è letteralmente la legge del paese, una legge che si è evoluta per molti anni ma che recentemente ha raggiunto alcuni importanti traguardi. Nel 2019, La Cina ha introdotto una legge che vietava ai minori di giocare ai videogiochi tra le 22:00 e le 8:00 o di giocare più di 90 minuti in un giorno feriale. E a partire dal 1° giugno 2021, ogni gioco nel paese è tenuto ad aggiungere un nuovo sistema di autenticazione che controlli l’identità nazionale cinese di un giocatore (compresa l’età) per impedire ai giocatori minorenni di superare tali limiti, il tutto in nome della prevenzione dipendenza da videogiochi.

Tencent in realtà utilizzava già da un paio d’anni documenti d’identità cinesi, tra gli altri tentativi di frenare la dipendenza, ma la società ci dice che i giocatori minorenni continuavano a trovare modi per aggirarli, come usare gli account dei loro genitori.

Il cosiddetto sistema di riconoscimento facciale “Midnight Patrol” è un tentativo di verificare che un “adulto” sia effettivamente un adulto. È stato lanciato il 5 luglio in oltre 60 giochi per dispositivi mobili, inclusi i successi Onore dei Re e Gioco per la pace — alias la versione più patriottica cinese di PUBG. Il sistema di riconoscimento facciale è solo per la Cina e solo per i giochi mobili, conferma l’azienda, quindi i giochi per PC come League of Legends sono attualmente esenti. Fa tutto parte dell’iniziativa in corso dell’azienda “Balanced Online Entertainment System”, dice Tencent Il Verge, che comprende anche la sua “Parental Guardian Platform” e “Healthy Gameplay System” progettati rispettivamente per far sapere ai genitori cosa stanno facendo i loro figli e ricordare agli utenti quando hanno giocato troppo a lungo.

Secondo Ahmad, la cui ditta Niko Partners a volte lavora con Tencent, ecco come funziona la parte del sistema di riconoscimento facciale: “Essenzialmente rileverà se la persona che gioca dopo la mezzanotte lo fa da molto tempo o spende una certa quantità di soldi nel gioco e segnerà una casella nel backend di Tencent e chiederà all’utente di verificare la propria identità tramite il riconoscimento facciale, tramite quel database o tramite un database che hanno già utilizzato”, afferma Ahmad.

Tencent dice che non memorizza nessuna delle nuove scansioni; invece, sembra che si stia basando sul sistema di sorveglianza di riconoscimento facciale già stabilito in Cina e qualsiasi scansione che gli utenti cinesi avranno già fatto a Tencent. Ahmad afferma che tutti i giochi di Tencent in Cina utilizzano gli ID WeChat per l’accesso, e anche la “Midnight Patrol” può utilizzare il database nazionale cinese delle foto dei volti da confrontare. Il motore di sorveglianza cinese è stato utilizzato anche per cose più preoccupanti, ovviamente, come le violazioni dei diritti umani del Paese contro i musulmani uiguri.

Tencent fa sembrare che non scansionirà necessariamente i volti dei minori, però. Quando a un utente che gioca fuori orario viene richiesta una scansione facciale, può semplicemente rifiutare, a quel punto verrà trattato come un minorenne e cacciato dal gioco, secondo una traduzione automatica del comunicato stampa di Tencent.

Tencent in realtà ha iniziato a provare questo sistema di riconoscimento facciale nel 2018, e Ahmad dice che non è cambiato molto da allora. Dice che la società ha anche iniziato a eseguire questo tipo di controllo l’anno scorso, quando Tencent si è resa conto che molti bambini stavano probabilmente rubando i conti dei loro nonni. “Molti bambini vivono con i nonni, perché i genitori lavorano in città, quindi è probabile che utilizzino l’account dei nonni a loro insaputa”, afferma Ahmad.

Ahmad pensa che la mossa non sarà così controversa in Cina perché, sebbene invadenti, i controlli facciali colpiscono principalmente gli adulti e il sentimento online finora sembra abbastanza prevedibile. “Se guardi online e leggi i commenti, molti genitori anziani dicono che è fantastico, perché il gioco è terribile”, dice. “Sono sempre le generazioni più anziane che dicono che i giochi stanno rovinando tutto per i nostri figli, quindi c’è un po’ di accettazione tra le generazioni più anziane in quanto è così che dovrebbe essere.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.