‘Se vinciamo, sarai triste’: la Little Italy di Londra ha strappato la finale di Euro 2020 | Euro 2020


T‘La prospettiva della finale di Euro 2020 di domenica tra Inghilterra e Italia è una “situazione tragica”, secondo un sacerdote della chiesa italiana a Londra. Con un’espressione sofferente dice: “Sono italiano, ma vivo in Inghilterra e amo gli inglesi, ma ora siete diventati nostri nemici”.

Il prete è così turbato dall’imminente partita che si rifiuta di dare il suo nome. Intervenendo dopo aver celebrato una messa nella chiesa di San Pietro, nel cuore di Little Italy a Clerkenwell, aggiunge: “L’Inghilterra è l’unica squadra che non vogliamo affrontare. Se vinciamo, sarai triste e non voglio che gli inglesi siano tristi. Se vinci, sarò triste e non potrai consolarmi”.

Molti italiani a Little Italy sono combattuti allo stesso modo. Giovanna Gualti ha assistito alla semifinale di mercoledì sera tifando per la Danimarca. “Semplicemente non volevo che l’Inghilterra e l’Italia fossero in finale”, dice, seduta dietro una scrivania alla Holborn School of Motoring, un’azienda di famiglia che è stata fondata nel 1965 come Scuola Italiana di Motorizzazione ed è ancora decorata in il verde, bianco e rosso della bandiera italiana.

“Se l’Inghilterra vincerà sarà solo yap, yap, yap”, dice mentre mima una bocca che si apre e si chiude con la mano. “Gli inglesi la prendono troppo sul serio. Se vincerà l’Italia sarò felice e indosserò la mia maglia italiana per un paio di giorni, ma non me ne vanterò”.

Gualti aggiunge: “Questa è una delle migliori squadre italiane che abbiamo da tanto tempo”. Ma si aspetta comunque che gli Azzurri perdano. “L’Inghilterra è in casa e avrà tanti tifosi. Darà loro la motivazione per vincere”.

Gualti è cresciuto a Little Italy negli anni ’80 e da adolescente trascorreva ogni sabato nel club italiano sopra la chiesa. “Ora è solo un posto dove gli anziani possono giocare a carte”, dice.

Bandiere italiane in mostra alla gastronomia e cafè Terrroni di Clerkenwell
Bandiere italiane in mostra presso la gastronomia e il caffè Terrroni di Clerkenwell, dove Euro 2020 ha fatto bene agli affari. Fotografia: Martin Godwin/The Guardian

Come molti dei suoi amici d’infanzia, si è trasferita fuori dalla zona dopo essere uscita di casa. Guarderà la partita con suo marito e due figli adolescenti a casa a Camden. “Ho detto loro che se perdiamo non ci sarà la cena domenica sera.”

Accanto all’autoscuola, Antonio Verruto, il proprietario di Malletti’s Pizza, è più fiducioso sulle possibilità dell’Italia a causa della loro unione come squadra.

“Siamo fortunati perché non abbiamo primedonne nella squadra ora”, dice. “Abbiamo solo 11 soldati bravi ed efficienti che sono pronti a correre e combattere. È stata una rivelazione per l’Italia giocare così senza alcun timore. Si tuffano ancora, ma questo è nel nostro DNA. Non possiamo farne a meno”.

E aggiunge: “Certo che voglio che vinca l’Italia, ma vivo in Inghilterra da quasi 40 anni, è il mio secondo Paese. Mi arrabbierò se l’Italia perderà e magari i miei amici inglesi mi prenderanno la pipì, ma va bene, farò lo stesso se vincerà l’Italia.

“Il calcio è come una valvola di scarico per scaricare tutto lo stress e l’ansia. Ed è eccitante averlo dopo essere stato limitato per 18 mesi nell’orribile situazione di paura di contrarre la malattia, la paura di morire e la paura di perdere lavoro e affari”.

Descrive il suo ristorante come “che funziona sui fumi” e aggiunge: “È ancora morto come un dodo finché la gente non torna al lavoro”.

Un tifoso italiano celebra la vittoria dell'Italia sulla Spagna nella fan zone di Potters Field a Londra.
Un tifoso italiano celebra la vittoria dell’Italia sulla Spagna nella fan zone di Potters Field a Londra. Fotografia: Thanassis Stavrakis/AP

Ma il calcio è andato bene per gli affari alla gastronomia italiana e al caffè Terroni di Clerkenwell poche porte più in basso. Secondo il comproprietario Zin Sula, 48 anni, circa 100 persone hanno visto la vittoria della semifinale dell’Italia martedì sulla TV del deli. “Siamo stati un po’ fortunati in semifinale, ma vediamo quanto saremo fortunati domenica”.

Sula sta subendo pressioni da parte dei clienti per aprire domenica sera per la partita. “Se riesco a trovare un pizzaiolo sostitutivo, apro”, dice. In caso contrario, starà a guardare a casa a Golders Green con i suoi figli sostenitori dell’Inghilterra.

Anche la famiglia di Les Giovanni, 62 anni, avrà diviso le alleanze domenica.

Giovanni è stato battezzato nella chiesa italiana e ricorda di essere stato “viziato” dalla cucina della nonna italiana. “Entrambe le mie nonne sono venute qui negli anni ’20, una dalla Sicilia, l’altra da Napoli. E hanno fatto la loro vita qui”.

Giovanni ora vive a Mill Hill, ma ha colto l’occasione per visitare di nuovo la chiesa e i suoi ritrovi d’infanzia durante una pausa dal lavoro per riparare un vicino appartamento popolare. “È cambiato così tanto; allora nessuna porta era chiusa a chiave”.

Nonostante le sue radici italiane, Giovanni tiferà l’Inghilterra domenica.

“Avrò molto dolore dal resto della famiglia se l’Italia vincerà. Sta già esplodendo su SMS e WhatsApp con le battute. Prendo sempre il bastone per sostenere l’Inghilterra”.

Ma Giovanni sarà contento qualunque sia l’esito: all’inizio del torneo ha scommesso sulla vittoria dell’Italia “con buone quote”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.