Incidente aereo svedese uccide otto paracadutisti e pilota



Un piccolo aereo con un pilota che trasportava otto paracadutisti si è schiantato alle 19:23 ora locale giovedì poco dopo il decollo e poi ha preso fuoco, uccidendo tutti a bordo “in un incidente molto grave”, ha detto alla CNN Erik Hiding della polizia di Orebro.

“Non c’erano vite da salvare” quando il servizio di soccorso è arrivato sul luogo dell’incidente, ha detto ai giornalisti il ​​capo dei vigili del fuoco Per-Ove Staberyd.

Secondo l’affiliato della CNN Expressen, Peter Swaffer dell’Accident Investigation Board ha affermato che l’aereo ha avuto problemi all’inizio del suo volo. “È successo in una fase molto precoce all’inizio, quindi [the plane] non è mai arrivato molto in alto”, ha detto.

La polizia non ha confermato alla CNN quale modello di aereo fosse coinvolto, ma i media locali hanno affermato che si trattava di un DHC-2 Turbo Beaver.

L’aereo era stato noleggiato dal club di paracadutismo di Orebro, Anna Oscarson, responsabile delle comunicazioni presso la Swedish Parachute Association, ha dichiarato all’emittente svedese TV4. “Di solito ti paracaduti di più nei fine settimana, ma ora avevano noleggiato un aereo per saltare più intensamente durante la settimana”, ha detto.

La polizia ha aperto un’indagine sull’incidente e non può confermarne la causa fino a quando non sarà completata, ha detto alla CNN Erik Hiding della polizia di Orebro.

Orebro è una delle più grandi città dell’entroterra svedese, situata a circa 125 miglia a ovest della capitale, Stoccolma.

Giovedì il primo ministro svedese Stefan Lofven ha espresso le sue condoglianze su Twitter.

Ha detto: “È con grande tristezza e sgomento che stasera ho ricevuto la tragica informazione sull’incidente aereo di Orebro. Penso alle vittime, alle loro famiglie e ai loro cari in questo momento molto difficile. Voglio esprimere il mio più profondo compassione per il loro dolore».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.