Tampa Bay Lightning Repeat come campioni della Stanley Cup


In uno dei riti più amati dall’hockey, la Stanley Cup di solito trascorre la bassa stagione a ballare con i giocatori nei villaggi del Canada e nelle frazioni della Scandinavia e nei paesi degli Stati Uniti. Ma con la pandemia di coronavirus che infuriava lo scorso autunno, il calice d’argento è rimasto a lungo vicino a Tampa, in Florida, dove i Lightning hanno apprezzato così tanto il loro tempo che sono andati avanti e l’hanno vinto ancora una volta.

Tampa Bay ha chiuso una caotica stagione NHL dominata da un flagello virale, con orari troncati e divisioni riconfigurate e squadre di allenamento in viaggio, sconfiggendo i Montreal Canadiens quattro partite a una nelle finali al meglio delle sette Stanley Cup per vincere il suo terzo titolo.

Nove mesi e mezzo dopo aver sopportato un soggiorno di 65 giorni nelle bolle dei playoff canadesi per issare la Coppa, i Lightning hanno superato Montreal, 1-0, davanti a un pubblico di casa abbastanza capiente all’Amalie Arena mercoledì per completare il loro secondo consecutivo scatenarsi attraverso una postseason NHL. In tal modo, hanno seguito i Tampa Bay Buccaneers della NFL aggiungendo un altro titolo a una regione improvvisamente rovinata dai campionati, e si sono uniti anche ai Pittsburgh Penguins, nel 2016-17, come le uniche squadre dall’alba dell’era del tetto salariale in la stagione 2005-6 per ripetersi da campioni.

“Era proprio come se lo stessimo facendo di nuovo per la prima volta”, ha detto il Lightning Coach Jon Cooper. “È stato fantastico avere dei fan nell’edificio. E quindi è come se avessimo vinto due Stanley Cup completamente diverse. Questo è ciò che lo rende estremamente speciale per noi”.

Vincendo le ultime otto serie di playoff, i Lightning non hanno mai perso partite consecutive. In questa serie, non si sono trascinati fino alla fine del primo periodo di Gara 4 contro i Canadiens, che si sono piazzati 18° su 31 squadre durante la stagione regolare – e con una differenza reti negativa – ma hanno dato energia a Montreal con una gloriosa carica alla loro prima apparizione in finale in quasi tre decenni.

Tentando di diventare il primo campione del Canada dal 1993, i Canadiens hanno superato Toronto, Winnipeg e Vegas. Ma non hanno potuto contrastare l’eccellenza complessiva del Lightning, che ha surclassato Montreal in ogni posizione, in particolare il portiere.

Anche se Carey Price ha salvato i Canadiens in gara 4 lunedì e ha fermato 29 tiri su 30 mercoledì, non è riuscito a eguagliare Andrei Vasilevskiy, che ha rafforzato la sua posizione come miglior portiere della lega. Ha avuto una percentuale di parata di 0,943 contro Montreal, permettendo otto goal su 140 tiri, e ha concluso questa serie con uno shutout, come ha fatto lo scorso turno contro gli Islanders, e nel secondo turno contro i Carolina Hurricanes, e nel primo turno contro le pantere della Florida.

“Ancora non riesco a crederci”, ha detto Vasilevskiy, a cui è stato assegnato il Conn Smythe Trophy, assegnato al giocatore più prezioso dei playoff. “Se lo merita tutta la squadra, sicuramente. Per avere cinque esclusioni in un playoff, è tutta una questione di squadra”.

I Lightning rappresentano l’ideale moderno di una squadra NHL, carica di marcatori, difensori d’élite e un portiere brillante, e si sono scatenati nei playoff dopo aver riconquistato l’ala stella Nikita Kucherov, che ha perso la stagione di 56 partite mentre si stava riprendendo da un intervento chirurgico all’anca. Tutto quello che ha fatto è stato accumulare 32 punti in 23 partite per unirsi a Wayne Gretzky e Mario Lemieux come gli unici giocatori ad accumulare almeno 30 punti in postseason consecutivi.

“Non conosco nessun altro che potrebbe perdere l’intera stagione regolare, tornare e fare quello che ha fatto”, ha detto l’attaccante dei Lightning Blake Coleman.

Tuttavia, la risorsa più imponente di Tampa Bay potrebbe essere la sua profondità. Anthony Cirelli e Barclay Goodrow hanno bloccato tiro dopo tiro, Erik Cernak e Jan Rutta hanno tirato indietro con vigore, e David Savard e il debuttante Ross Colton – gli unici due giocatori in formazione a non aver vinto una Coppa – uniti per l’unico gol di mercoledì: Savard , un’acquisizione di fine stagione, ha ricevuto il disco da Ryan McDonagh e ha inviato un elegante passaggio nella piega verso Colton, che ha superato il difensore di Montreal Joel Edmundson per posizione e ha reindirizzato il disco oltre Price con 6 minuti e 33 secondi rimanenti nel secondo periodo. L’impegno difensivo dei Lightning, incarnato dal blocco di Goodrow su un tiro a segno di Shea Weber, ha assicurato che non avevano bisogno di segnare di nuovo.

“In pratica piangevo in panchina a 40 minuti dalla fine”, ha detto l’attaccante Patrick Maroon, che ha alzato la Coppa per tre stagioni consecutive. “Non potevo nemmeno buttare via le mie cose.”

L’ultima squadra canadese a vincere la Coppa è stata Montreal, nel 1993, lo stesso anno in cui Tampa Bay, annunciando l’espansione della Sun Belt della NHL, ha completato la sua stagione inaugurale. I Lightning hanno vinto il loro primo titolo nel 2004, poi hanno vagato nella natura selvaggia della NHL per il decennio successivo, vincendo solo due serie di playoff fino a intraprendere questo tratto dinastico.

Nessuna squadra ha vinto più partite dalla stagione 2014-15, sia nella stagione regolare che nei playoff, di Tampa Bay, che ha raggiunto almeno il quinto turno di semifinale della lega negli ultimi sette anni. Il talento dei Lightning per lo sviluppo dei loro giovani giocatori ha ricostituito la loro base di talenti e la loro magistrale manipolazione del tetto salariale ha preservato gran parte del nucleo che ha perso nelle finali a Chicago nel 2015, un nucleo che si è trasformato e si è evoluto, nello stile e nello spirito e personale.

Una squadra che aveva abbracciato quello che Cooper ha definito un atteggiamento da “tipo di più grande spettacolo sul ghiaccio”, che ha cercato di segnare il maggior numero possibile di gol mentre dipendeva dal suo portiere per salvarlo, aveva bisogno di diventare “più grintoso” dopo aver assorbito nel 2019 uno dei i crolli più sconcertanti della postseason nella storia dei principali sport professionistici: dopo aver raggiunto 62 vittorie in 82 partite, pareggiando un record di campionato, i Lightning sono stati spazzati via in quattro partite da Columbus al primo turno.

“Siamo passati dai nuovi ragazzi del quartiere che, oh mio Dio, nel 2015, questi ragazzi sono così divertenti da guardare, all’improvviso si è inclinato e ora siamo la squadra che non può farlo per ora stai lanciando la parola dinastia in giro”, ha detto Cooper. “Questa è un’enorme ondata di emozioni in un arco di sette, sei anni, da attraversare. Ma questo nucleo l’ha attraversato insieme”.

In risposta all’umiliazione dei Blue Jackets, i Lightning eliminarono parte del rischio nel loro gioco, sottolineando le responsabilità difensive. Hanno aggiunto attaccanti di fondo sei robusti ma abili come Goodrow e Coleman, che hanno fornito il momento decisivo di questa serie, in Gara 2, con un goal in tuffo negli ultimi secondi del secondo periodo. Quei giocatori si sono uniti a sostenitori come Alex Killorn, Steven Stamkos, Ondrej Palat e Tyler Johnson, che è tra i tanti giocatori che difficilmente torneranno la prossima stagione, vittima delle circostanze.

I Lightning hanno aggirato il sistema di tetto salariale della lega aggiungendo Kucherov per i playoff, ma non saranno in grado di trattenere tutti – specialmente non con l’imminente bozza di espansione del Kraken di Seattle – una situazione che Cooper ha detto che ha conferito a questa corsa un certo “ ultimo giorno di scuola”.

Stamkos, il capitano della squadra, ha affermato che è impossibile sopravvalutare quanto sia stata una forza motivante l’imminente rottura della squadra mentre inseguivano un altro campionato. Hanno discusso di sfruttare questa opportunità a metà dei playoff e di tornare in gara 5 della loro serie di semifinali contro gli Islanders.

“Non capita molto spesso di avere la possibilità di giocare con una squadra di talento come abbiamo fatto noi, e ci credevamo”, ha detto Stamkos, che ha perso la maggior parte dei playoff del 2020 a causa di un infortunio. “È così difficile vincere la Stanley Cup e poi lo fai per due anni di seguito. Voglio dire, meritiamo di entrare nella storia. E questo gruppo, qualunque cosa accada da qui in poi, questo gruppo rimarrà impresso nella storia per sempre”.

In seguito, tra abbracci, strette di mano e lacrime sul ghiaccio, Vasilevskiy ha fatto FaceTime ai suoi genitori in Russia, e Cooper ha parlato con suo padre, e i giocatori tutt’intorno hanno cercato familiari e amici, le persone non autorizzate a condividere la loro gioia lo scorso settembre quando Tampa Bay ha battuto Dallas in un’arena vuota a Edmonton, Alberta. Non è chiaro se, a differenza di allora, giocatori e allenatori potranno trascorrere una giornata con la Coppa nelle loro città. Maroon, però, ha avuto un’idea.

“Quello che speriamo è ottenere due giorni con la Coppa, giorni consecutivi, perché abbiamo perso la nostra giornata l’anno scorso”, ha detto Maroon. “Allora, NHL, svegliati.”

Due giorni per due campionati. L’ultima incoronazione del Fulmine, del tutto nuova e identica, è avvenuta mercoledì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.