Roger Federer perde a Wimbledon, forse per l’ultima volta


Djokovic, un cinque volte campione di Wimbledon che è ancora in lizza per il Grande Slam in questa stagione, mercoledì ha sconfitto Marton Fucsovics 6-3, 6-4, 6-4 per sottolineare il suo status di forte favorito. Le altre semifinaliste non sono mai arrivate così lontano a Wimbledon. Shapovalov, un mancino canadese con un braccio vivo e un gioco appariscente, ha vinto la partita più avvincente dei quarti di finale, battendo la n. 25 Karen Khachanov 6-4, 3-6, 5-7, 6-1, 6 -4. Berretini, un italiano tozzo con potenza da vendere, ha sconfitto il connazionale di Shapovalov Felix Auger-Aliassime 6-3, 5-7, 7-5, 6-3.

Ma la grande sorpresa è stata consegnata da Hurkacz, un bonario polacco che ha sede alla Saddlebrook Academy di Wesley Chapel, in Florida, e ha un allenatore americano, Craig Boynton. Entrambi hanno dovuto riprendersi dal contratto di Covid-19 questa primavera dopo che Hurkacz ha vinto il Miami Open ad aprile.

“Mi ha colpito duramente”, ha detto Boynton. “Ma per Hubie era appena sufficiente per un vacillamento.”

Hurkacz non ha perso nessun torneo, ma ha subito un crollo prima di arrivare a Wimbledon, perdendo sei partite consecutive, una delle quali contro Dominic Stricker, un adolescente svizzero che sta muovendo i primi passi in tournée.

Mercoledì Hurkacz ha battuto il cittadino più famoso della Svizzera. Federer, testa di serie sesta a Wimbledon, è stato a lungo l’idolo del tennis di Hurkacz, e nel loro unico precedente match di singolare, Federer lo ha battuto 6-4, 6-4 nei quarti di finale del BNP Paribas Open a Indian Wells, California, a 2019.

Ma un quarto di finale di Wimbledon è un’occasione molto più grandiosa e Hurkacz, a suo merito, ha gestito il momento con potenza ed equilibrio controllati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *