Samuel Luiz: la polizia spagnola arresta tre per sospetto omicidio omofobico



L’indagine sulla morte di Samuel Luiz, 24 anni, è in corso e nessun movente è stato escluso, compresa la possibilità che si tratti di un crimine omofobico, secondo Jose Minones, il capo delegato del governo a Spagna nordoccidentale dove Luiz è stato picchiato a morte sabato.

“Un giudice deciderà se si tratta di un crimine d’odio”, ha detto Minones alla radio spagnola SER in un’intervista mercoledì.

L’uccisione di Luiz – che è stato picchiato a morte fuori da un nightclub nella città nord-occidentale di A Coruna – ha provocato proteste a Madrid, Barcellona, ​​A Coruna e in numerose altre città spagnole questa settimana, attirando migliaia di persone che hanno denunciato attacchi alla comunità LBGTQ.

Secondo Minones, i due uomini e una donna che sono in arresto, di età compresa tra 20 e 25 anni, erano sospettati di partecipazione diretta all’attacco.

Una testimone identificata con il suo nome Lina – che sosteneva di essere un’amica di Luiz – ha detto ai media spagnoli che un insulto omofobo è stato usato all’inizio dell’attacco.

La polizia non esclude la possibilità di ulteriori arresti e sta basando le proprie indagini su dichiarazioni di 15 persone, video registrati con telefoni cellulari sulla scena e video delle telecamere di sicurezza nell’area gestite dalla polizia municipale e dalle imprese locali, ha affermato Minones.

Luiz, che lavorava in una casa per anziani, è stato picchiato a morte da persone che lo hanno preso a pugni e calci, ha detto alla CNN una portavoce nell’ufficio di Minones.

L’incidente è iniziato fuori da una discoteca sulla spiaggia di Riazor a La Coruna, secondo la portavoce.

Luiz è stato quindi in grado di spostarsi di diverse centinaia di piedi – dalla spiaggia fino al livello della strada e dall’altra parte della strada – dove è stato poi aggredito a morte, ha aggiunto.

L’equipaggio dell’ambulanza ha tentato di rianimare Luiz sulla scena e poi lo ha portato in ospedale dove è poi morto, ha aggiunto la portavoce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.