L’OMS aggiunge farmaci “salvavita” per i pazienti gravemente malati di COVID-19 | Notizie sulla pandemia di coronavirus


L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha aggiunto i bloccanti del recettore dell’interleuchina-6 “salvavita” al suo elenco di trattamenti per COVID-19 – solo i secondi farmaci raccomandati come efficaci contro la malattia – mentre la pandemia continua ad accelerare in tutto il mondo.

L’OMS ha affermato che i farmaci hanno funzionato particolarmente bene se usati insieme ai corticosteroidi, raccomandati dall’OMS nel settembre 2020.

“Questi farmaci offrono speranza ai pazienti e alle famiglie che stanno soffrendo per l’impatto devastante del COVID-19 grave e critico”, ha affermato in una nota il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.

I pazienti con casi gravi di COVID-19 spesso soffrono di una reazione eccessiva del sistema immunitario e i farmaci bloccanti l’interleuchina-6 – tocilizumab e sarilumab – agiscono per sopprimere la reazione eccessiva.

L’OMS ha affermato che gli studi hanno dimostrato che nei pazienti gravemente malati, la somministrazione dei farmaci ha provocato 15 decessi in meno ogni 1.000 pazienti. Per i malati critici l’uso dell’interleuchina-6 ha significato ben 28 morti in meno ogni 1.000 pazienti. I farmaci hanno anche permesso di ridurre del 28% la possibilità che i pazienti gravi e in condizioni critiche vengano messi su un ventilatore, rispetto alle cure standard.

La raccomandazione arriva mentre paesi di tutto il mondo, tra cui Sudafrica, Indonesia e Bangladesh, combattono contro nuove ondate devastanti del virus alimentate dalla variante Delta che è emersa per la prima volta in India. È già in corso uno sforzo presso l’Organizzazione mondiale del commercio per rimuovere le protezioni brevettuali sui vaccini COVID-19 per migliorare l’accesso per i paesi più poveri e ci sono richieste per eliminare le barriere di proprietà intellettuale sui farmaci cruciali per il trattamento efficace del coronavirus grave.

Una scatola di tocilizumab, che viene solitamente utilizzata nel trattamento dell’artrite reumatoide, è stata ora raccomandata per i pazienti gravemente malati di COVID-19 [File: Pascal Rossignol/Reuters]

Tocilizumab appartiene a una classe di farmaci chiamati anticorpi monoclonali (mAb) utilizzati nel trattamento di varie malattie tra cui l’artrite e il cancro ed è prodotto dal colosso farmaceutico svizzero Roche. Vende il farmaco con il marchio Actemra.

Seguendo la raccomandazione dell’OMS, Medici senza frontiere (nota con le sue iniziali francesi, MSF) ha esortato Roche ad abbassare il prezzo del farmaco per renderlo accessibile e conveniente e condividere il know-how, le linee cellulari principali e la tecnologia per consentire ad altri produttori in tutto il mondo per fare anche la medicina.

“Questo farmaco potrebbe diventare essenziale per il trattamento di persone con casi critici e gravi di COVID-19 e ridurre la necessità di ventilatori e ossigeno medico, risorse scarse in molti luoghi”, ha affermato Julien Potet, consigliere politico per le malattie tropicali trascurate presso la Access Campaign di MSF. in una dichiarazione. “Roche deve smettere di seguire un approccio normale e adottare misure urgenti per rendere questo farmaco accessibile e alla portata di tutti coloro che ne hanno bisogno riducendo il prezzo e trasferendo la tecnologia, il know-how e le linee cellulari ad altri produttori. Sono in gioco troppe vite”.

La maggior parte degli mAb esistenti sono costosi, il che li rende fuori dalla portata dei paesi a basso e medio reddito.

MSF ha affermato che mentre il tocilizumab è sul mercato dal 2009, il prezzo è rimasto molto alto nella maggior parte dei paesi: da $ 410 in Australia a $ 646 in India e $ 3.625 negli Stati Uniti per una dose di 600 mg per COVID-19. Il costo per la produzione di tocilizumab è stimato a partire da $ 40 per dose di 400 mg, ha aggiunto.

Sarilumab, il secondo mAb raccomandato dall’OMS, è prodotto dalla società farmaceutica statunitense Regeneron e dal produttore farmaceutico francese Sanofi, che commercializzano il prodotto con il marchio Kevzara. Secondo MSF, Regeneron ha richiesto e ottenuto brevetti su sarilumab e sulla sua formulazione in almeno 50 paesi a basso e medio reddito.

L’OMS ha anche invitato i produttori a ridurre il prezzo dei farmaci, accettare accordi di licenza trasparenti e non esclusivi o rinunciare ai diritti di esclusiva.

“I bloccanti del recettore dell’IL-6 rimangono inaccessibili e inaccessibili per la maggior parte del mondo”, ha affermato Ghebreyesus.

“L’iniqua distribuzione dei vaccini significa che le persone nei paesi a basso e medio reddito sono più suscettibili alle forme gravi di COVID-19. Quindi, il maggior bisogno di questi farmaci è nei paesi che attualmente hanno il minor accesso. Dobbiamo urgentemente cambiare questo”.

La raccomandazione segue l’analisi dei dati di oltre 10.000 pazienti coinvolti in 27 studi clinici.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.