Altri 10 corpi trovati nelle macerie del condominio di Miami mentre il bilancio sale a 46 | Notizie sulle infrastrutture


I soccorritori mercoledì hanno recuperato altri 10 corpi dalle macerie di un condominio fuori Miami che è crollato il mese scorso, portando il bilancio delle vittime a 46, mentre le speranze svanivano che una delle 94 persone ancora disperse sarebbe stata trovata viva.

Lo sforzo per localizzare i sopravvissuti al crollo dell’edificio delle Champlain Towers South è continuato in condizioni calde e secche con la minaccia della tempesta tropicale Elsa, che ha colpito il lato opposto della Florida, essendosi ritirata.

Il sindaco di Miami-Dade Daniella Levine Cava ha detto in un briefing che oltre ai 46 morti accertati, altri 94 che potrebbero essere stati all’interno dell’edificio a Surfside quando è parzialmente crollato il 24 giugno erano ancora dispersi.

oltre ai 46 morti accertati, altri 94 che potrebbero essere stati all’interno dell’edificio a Surfside quando è parzialmente crollato il 24 giugno erano ancora dispersi [Marco Bello/Reuters]

Levine Cava, che ha pianto mentre ripeteva le sue affermazioni in spagnolo, ha affermato che lo sforzo di salvataggio è stato reso più facile dalla demolizione pianificata domenica notte della metà dell’edificio che era rimasta in piedi.

“La squadra continua a fare progressi nelle aree del mucchio che erano inaccessibili prima della demolizione”, ha detto Levine Cava.

Mentre parlava, un nuovo turno di lavoratori passava in piccoli gruppi, indossando uniformi pulite e senza scambiarsi una parola, mentre un gruppo che lasciava il cumulo di macerie sembrava esausto e madido di sudore.

Sebbene i funzionari locali affermino di non aver perso la speranza di trovare sopravvissuti, nessuno è stato scoperto vivo tra le macerie dalle prime ore dopo che l’edificio è crollato nelle prime ore del 24 giugno, mentre molti dei suoi residenti dormivano.

Alla domanda se continuare la ricerca stesse dando false speranze alle famiglie, Levine Cava ha detto: “Sono stati sostenuti per arrivare alla chiusura il prima possibile”.

Un funzionario ha affermato che i soccorritori non hanno ancora scoperto nuovi “vuoti” o tasche tra le macerie che potrebbero aver ospitato sopravvissuti [Marco Bello/Reuters]

L’assistente capo dei vigili del fuoco Raide Jadallah di Miami-Dade ha raccontato ai membri della famiglia i resti appena scoperti mercoledì mattina in un briefing privato.

I soccorritori non hanno ancora scoperto nuovi “vuoti” o tasche tra le macerie che avrebbero potuto ospitare sopravvissuti, ha detto Jadallah.

Jadallah ha detto alle famiglie che il lavoro continua a essere un’operazione di ricerca e salvataggio e non è ancora passato a una missione di recupero.

“Non siamo ancora arrivati”, ha detto.

Più tardi, il capo dei vigili del fuoco di Miami-Dade, Alan Cominsky, ha sospirato quando gli è stato chiesto durante la conferenza stampa se i funzionari stessero dando alle famiglie un falso senso di speranza.

Martedì i lavoratori hanno scavato nel cemento polverizzato dove un tempo sorgeva l’edificio Champlain Towers South a Surfside, riempiendo i secchi che venivano fatti passare lungo una linea per essere svuotati e poi restituiti [Courtesy of Miami-Dade Fire Rescue Department/Handout via Reuters]

“Ovviamente, è molto difficile”, ha detto. “Abbiamo estenuato ogni sforzo, ed è lì che siamo adesso, sta esaurendo ogni sforzo e partiremo da lì”.

Maggie Castro, vigile del fuoco e paramedico di Miami-Dade, ha affermato che le famiglie sono esauste fisicamente ed emotivamente.

“Sono state molte, molte montagne russe emotive, cercando solo di rimanere positivi e resistere all’attesa”, ha detto Castro, che ha fornito aggiornamenti quotidiani alle famiglie.

“C’è stato una sorta di cambiamento, penso, verso l’accettazione, ma ovviamente anche con questo arriva un po’ di tristezza”, ha detto all’Associated Press in un’intervista.

Martedì i lavoratori hanno scavato nel cemento polverizzato dove un tempo sorgeva l’edificio delle Champlain Towers South a Surfside, riempiendo i secchi che venivano fatti passare lungo una linea per essere svuotati e poi restituiti.

Lo sguardo ravvicinato alla ricerca, in un video pubblicato martedì dal dipartimento di soccorso antincendio della contea di Miami-Dade, è arrivato quando la pioggia e il vento della tempesta tropicale Elsa hanno interrotto lo sforzo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.