Xavier Bettel: le condizioni di Covid-19 del primo ministro lussemburghese sono “gravi ma stabili”



Bettel rimarrà in ospedale da due a quattro giorni a causa della persistenza dei sintomi di Covid-19, ha aggiunto.

Il 48enne è risultato positivo poco più di una settimana fa, il 27 giugno, a seguito di un vertice dell’Unione europea, ed è stato ricoverato domenica per “ulteriori test e analisi”.

“Durante questo fine settimana, i sintomi osservati non sono diminuiti, il che ha portato il Primo Ministro a essere ricoverato in ospedale per precauzione. A quel tempo, è stata diagnosticata una saturazione di ossigeno insufficiente e da allora il Primo Ministro è stato sotto osservazione medica continua”, ha detto il governo. in una dichiarazione lunedì.

“Le attuali condizioni mediche del Presidente del Consiglio sono considerate gravi, ma stabili. Pertanto, il personale medico che circonda il Presidente del Consiglio ha deciso che al momento è necessario il ricovero in ospedale per poter continuare l’osservazione, questa per una durata stimata di 2-4 giorni. “

Bettel continuerà ad essere responsabile delle decisioni del governo mentre è in ospedale, ma il ministro delle finanze del paese sarà responsabile della firma dei documenti ufficiali in assenza di Bettel, secondo la dichiarazione.

“Al fine di garantire al meglio la continuità delle operazioni di attualità, il ministro delle Finanze, Pierre Gramegna, ha ricevuto la firma. Il presidente del Consiglio continuerà ad essere responsabile del coordinamento dei lavori di governo e svolgerà le sue funzioni a distanza”.

Bettel ha ricevuto la sua prima dose di un vaccino contro il coronavirus il 6 maggio.
Il Lussemburgo, una delle nazioni più piccole d’Europa con una popolazione di oltre 600.000 abitanti, ha registrato negli ultimi giorni un leggero aumento dei contagi, secondo i dati del governo. Nella settimana dal 21 al 27 giugno, 107 persone sono risultate positive al Covid-19.
Il paese ha riportato 71.429 infezioni e 818 decessi dall’inizio della pandemia, secondo Dati della Johns Hopkins University. Ad oggi è stato vaccinato il 34,99% della popolazione.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.