“Mendel’s Quest”, alias “Angry Jew”, mi ha aiutato ad abbracciare la mia eredità

Nel 2014, tre Rilasciati amici israeliani Ebreo arrabbiato, un gioco su un ebreo furioso, ma carino, che torna indietro nel tempo fino alla Russia del 1894 per prendere a calci i cosacchi. Originariamente un’app Android Android, è disponibile anche l’ultima iterazione nell’Apple Store. Il piccolo eroe, Mendel, è alla ricerca di recuperare libri religiosi rubati, prendendo a pugni e calciando i cattivi armati di falce mentre urla “Goyim!” “Dreck!” “Gevaldo!” o “Sheigetz!” con un forte accento yiddish, proprio come me nei miei sogni.

Quando Avishai De Vries ha presentato l’idea del gioco ai suoi amici di programmazione Gil Elnekave ed Edo Frankel, l’hanno trovato esilarante e folle. “È l’espediente perfetto”, pensò Elnekave, ma “non ha alcun motivo per fare soldi”. Tuttavia, credeva nel talento dei suoi amici e stava cercando un progetto parallelo, quindi è saltato a bordo.

L’aspetto più importante del gioco è l’aspetto di Mendel. Oscilla uno shtreimel, il cappello di pelliccia rotondo e sfocato che indossano gli ebrei ortodossi, e ha una barba che farebbe ingelosire Drake. I suoi capelli sono neri come l’inchiostro e il suo naso è enorme. Quando ero più giovane, mi è stato insegnato che quelle caratteristiche erano orribili, che le persone che mi somigliavano, che provenivano da ambienti simili, non erano eroi, eravamo imbroglioni.

Gli ebrei hanno usato l’umorismo per elaborare i traumi nel vaudeville, nei film, nei libri, nel teatro. Ma Ebreo arrabbiatoi creatori di non l’avevano visto nei videogiochi. “È un’altra rappresentazione dello stesso discorso”, ha detto De Vries. Il nebbish che reagisce. Ha spiegato che i non ebrei sono stati quelli che hanno creato questo stereotipo, “quindi prenderò il potere su di esso”.

Nel mio caso, lo stereotipo mi è stato inculcato dopo che i miei genitori hanno trasferito la mia famiglia da Niskayuna, New York, dove c’erano molti ebrei, a Voorheesville, New York, dove sono stato indicato come uno dei pochi semiti della mia quinta -classe. Durante gli anni ’90 (e ogni altra epoca), i bambini erano (sono) molto cattivi. Divento super difensivo riguardo alla normalizzazione dei “discussioni negli spogliatoi” (ti vedo Trump) perché so quanto siano razzisti, omofobi, sessisti, islamofobici, e antisemita è. Alle medie mi hanno sparato addosso dei centesimi. Una volta ho visto un compagno di classe mettere un quarto di dollaro tra il pollice e l’anulare e dare un colpetto. La moneta roteò lungo il corridoio, segandomi il sopracciglio, lasciando una cicatrice.

La mia famiglia è una tipica storia di immigrato ebreo. Mio nonno si recò in America dalla Polonia all’inizio del 1900 per sfuggire ai pogrom e al crescente antisemitismo. A New York, è passato dallo spaccio di rottami al proprietario di un negozio di carta da parati, che è stato rilevato da mio padre. Dopo il mio bar mitzvah, sono diventato il fattorino, imbrattando barattoli di vernice, tirando giù adesivi con i prezzi e spolverando gli scaffali.

Gli spot pubblicitari di Deitcher’s Wallpaper Outlet sono stati trasmessi sporadicamente sulle emittenti televisive locali. I miei coetanei mi seguivano nei corridoi del liceo, prendendo in giro la voce nasale di mio padre nelle pubblicità: “Come ta Deitcha’s Wallpaper Outlet. Non saremo svenduti”. Disprezzavo i ragazzi che mi prendevano in giro, ma detestavo anche la mia famiglia, chiedendomi come ci fossimo infiltrati nell’America bianca e cristiana. Anche se mio padre lavorava 60 ore settimanali, mi sentivo ancora come se non avessimo guadagnato il nostro successo.

Ho provato a contrattaccare, ma non riuscivo a capire come tirare un pugno che sentiva il mio avversario. In terza media, ho escogitato un nuovo modo di sopravvivere: prendermi in giro prima che potessero farlo gli altri. Mi sono precipitato per pochi centesimi nella hall. Mi chiamavo l’Ebraico Hammer (anni prima del film), il Killer Kike e il Juggernaut ebreo, tutti divertenti perché ero un magro fagiolino.

Dopo il diploma, ho accettato di essere legato alla mia eredità. L’ho persino studiato durante gli studi universitari, mentre mi abbuffavo di bevande notturne e entravo e uscivo dalla disintossicazione. Ci sono stati molti Mendel che mi hanno protetto in quegli anni, molti Mendel che mi hanno aiutato a guarire dopo che ero diventato sobrio a 25 anni. Mi hanno dato da mangiare a cene di shabbat. Ha studiato Torah con me. Mi ha insegnato a incartare i tefillin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.