L’esercito del Myanmar adotta “quattro tagli” per eliminare gli oppositori del golpe | Notizie sui conflitti


Il 24 maggio nello stato Kachin del Myanmar, la tredicenne Awng Di si è recata a casa di sua zia verso mezzogiorno per dar da mangiare ai suoi polli. Trenta minuti dopo, l’artiglieria pesante si abbatté sul pollaio; Awng Di è morto prima di raggiungere la vicina clinica.

“La nostra famiglia non è mai stata coinvolta in politica… Stiamo solo cercando di sopravvivere”, ha detto la madre di Awng Di ad Al Jazeera. “Ora, voglio maledire [the military soldiers] ogni volta che li vedo».

La cittadina di Momauk, da cui proveniva Awng Di, è stata teatro di scontri tra il Tatmadaw, l’esercito del Myanmar, e l’Esercito per l’Indipendenza Kachin, il braccio armato di un’organizzazione armata etnica, da aprile. L’aumento della violenza a Momauk e in altre parti dello Stato Kachin ha provocato lo sfollamento di oltre 11.000 persone, secondo le stime delle Nazioni Unite.

Gli scontri a Momauk segnano una più ampia escalation dei combattimenti in tutto il paese dal colpo di stato militare del 1 febbraio, poiché i conflitti decennali tra i Tatmadaw e le organizzazioni armate etniche nelle aree di confine del Myanmar riprendono o accelerano e le forze di difesa civile emergono nelle township che non avevano combattimento visto in precedenza.

In risposta all’aumento della resistenza armata, il Tatmadaw ha lanciato attacchi aerei e terrestri indiscriminati su aree civili, sfollando 230.000 persone dal golpe. Le forze di sicurezza hanno anche saccheggiato e bruciato case, bloccato l’accesso agli aiuti e il trasporto di beni di prima necessità, limitato le forniture di acqua, tagliato le reti di telecomunicazioni, bombardato i luoghi di rifugio e ucciso e arrestato volontari che cercavano di fornire assistenza umanitaria.

Secondo Naw Htoo Htoo, direttore del programma del Karen Human Rights Group, i modelli di violenza del Tatmadaw dal golpe segnano la continuazione di una strategia nota come quattro tagli, che i militari hanno iniziato a usare nello stato di Karen negli anni ’60 e da allora hanno schierato contro popolazioni civili di altre minoranze etniche.

“[The Tatmadaw] non usa più le parole ‘quattro tagli’, ma la strategia è sicuramente la stessa dei quattro tagli che hanno usato sulle persone etniche per oltre 70 anni”, ha detto Naw Htoo Htoo.

Attraverso mezzi che includono la limitazione dell’accesso a cibo, fondi, intelligence e reclute, la strategia cerca di affamare la base di supporto della resistenza armata e di mettere i civili contro i gruppi di resistenza.

Oltre allo Stato di Karen, le forze armate hanno utilizzato la strategia anche in aree tra cui gli Stati di Kachin e Rakhine, più notoriamente nello Stato settentrionale di Rakhine nel 2017, quando le sue “operazioni di sdoganamento” hanno fatto fuggire centinaia di migliaia di Rohingya per lo più musulmani attraverso il confine verso il Bangladesh .

Secondo Kim Jolliffe, ricercatore indipendente focalizzato sulla sicurezza e sui conflitti in Myanmar, la strategia dei quattro tagli “tratta i civili non solo come ‘danni collaterali’, ma come una risorsa centrale sul campo di battaglia.

“Sono presi di mira direttamente con estrema violenza e vedono i loro mezzi di sussistenza distrutti intenzionalmente in modo che i gruppi armati non possano trovare rifugio e sostegno civile”, ha detto ad Al Jazeera.

Violenza indiscriminata

Dal colpo di stato, il Tatmadaw sembra aver ampliato il suo uso di quattro tagli in tutto il paese, anche nelle aree prevalentemente popolate dalla maggioranza etnica Bamar. Alla fine di marzo, dopo che le forze di sicurezza hanno saccheggiato le case nella cittadina di Gangaw, nella regione centrale di Magway, la gente del posto ha iniziato a combattere con fucili da caccia. Il Tatmadaw ha risposto con esplosivi pesanti e mitragliatrici che hanno ucciso quattro persone e ne hanno lasciate più di 10.000 in fuga nella foresta, secondo il gruppo di media locali Myanmar Now.

Anche la cittadina di Pauk, nella regione di Magway, ha visto violenze indiscriminate la notte del 15 giugno, quando più di 200 case nel villaggio di Kinma sono state rase al suolo, uccidendo una coppia di anziani intrappolata all’interno della loro casa. Due residenti di Kinma che hanno parlato con Al Jazeera in condizione di anonimato hanno detto di non essere a conoscenza di scontri che hanno portato all’incendio, ma secondo Myanmar Now, l’incidente è avvenuto giorni dopo le scaramucce tra combattenti della resistenza locale, polizia e soldati in borghese.

Uno degli abitanti del villaggio ha raccontato ad Al Jazeera di aver visto almeno nove persone in borghese entrare nel villaggio verso le 23:00 del 15 giugno, dando fuoco alle case e sparando al bestiame, ai maiali e ai bufali del villaggio.

Il Tatmadaw ha attribuito l’incidente a 40 “terroristi” e ha affermato che i media che lo hanno accusato di aver incendiato il villaggio stavano cercando di screditarlo.

Il portavoce militare non ha risposto alle ripetute chiamate di Al Jazeera in cerca di commenti sugli episodi di violenza o sull’uso della strategia dei “quattro tagli”.

Ora, gli abitanti di Kinma sono sparsi nei villaggi vicini o alloggiano in rifugi di fortuna nella giungla, dove stanno esaurendo cibo e provviste, secondo Than Tun Aung, lo pseudonimo di uno dei due abitanti di Kinma intervistati da Al Jazeera . “Raccogliere gli aiuti è impegnativo perché potrebbero esserci polizia o soldati lungo la strada”, ha detto. “Siamo sempre vigili e pronti a correre”.

“Tutte le vite sono minacciate”

Lo Stato di Kayah e il vicino Stato meridionale di Shan, che era stato pacifico prima del golpe, sono stati anche l’obiettivo di intensi attacchi di Tatmadaw dal 23 maggio, quando un gruppo che si fa chiamare Karenni People’s Defense Force ha invaso una stazione di polizia nella città di Moebye nello Shan La township di Pekon e i combattimenti si diffusero rapidamente in tutta la regione. Mentre i combattenti della difesa civile hanno condotto imboscate mirate con armi fatte in casa, il Tatmadaw ha lanciato quelli che le Nazioni Unite hanno descritto come “attacchi indiscriminati”, sparando artiglieria e pistole in aree civili e sfollando 100.000 persone, la maggior parte delle quali ora vive nelle foreste vicine.

Chiese, dove alcuni hanno cercato rifugio, sono state ripetutamente attaccate, inclusa la chiesa del Sacro Cuore nella cittadina di Loikaw nello stato di Kayah, che è stata bombardata il 24 maggio, uccidendo quattro persone.

La consegna degli aiuti a Kayah e Shan è difficile e pericolosa. Il Tatmadaw ha bloccato il flusso di merci nelle township colpite dal conflitto, ucciso e arrestato volontari per gli aiuti e ucciso due sfollati mentre cercavano di prendere il riso dalle loro case.

L’esercito del Myanmar ha intensificato gli attacchi contro i civili e le consegne di aiuti mentre l’opposizione al colpo di stato è cresciuta. I residenti di Loikaw dicono che questa chiesa, dove le persone si erano rifugiate, è stata bombardata dalle forze armate [File: Kantarawaddy Times via AFP]

Joseph Reh, un operatore umanitario volontario nella cittadina di Pekon che ha preferito che il suo vero nome non fosse divulgato per motivi di sicurezza, ha detto ad Al Jazeera che il suo gruppo inizialmente ha usato bandiere bianche quando ha fornito aiuti nella speranza che li avrebbe protetti, ma che le forze di sicurezza hanno sparato loro Comunque.

Il suo gruppo ha accumulato cibo e generi di prima necessità in una scuola, ma inizialmente non è stato in grado di distribuire le merci a causa del rischio di essere attaccato. Nel pomeriggio dell’8 giugno, quando i volontari hanno tentato di portare sacchi di riso agli sfollati nascosti in montagna, ha detto che le forze di sicurezza hanno sparato al furgone del gruppo, costringendolo a tornare indietro.

“Per questo motivo, hanno scoperto dove teniamo il nostro cibo e le nostre provviste”, ha detto Joseph Reh. “Sono venuti a scuola, hanno portato tutte le nostre provviste in un campo e le hanno bruciate” quella sera. In totale, ha affermato che più di 80 sacchi di riso sono stati distrutti, oltre a scorte di altri prodotti alimentari secchi, forniture mediche, un’ambulanza e un’auto.

“Hanno distrutto cose che non avrebbero dovuto distruggere e che non erano collegate alle forze di difesa del popolo che stanno combattendo”, ha detto Joseph Reh. “Le scorte di cibo che hanno bruciato erano puramente per gli sfollati… L’ambulanza che hanno bruciato non era affatto collegata alla lotta. Diceva RESCUE e aveva il logo della croce rossa”.

Secondo Joseph Reh, le forze di sicurezza hanno sparato sulle montagne per i successivi due giorni, limitando ulteriormente la consegna degli aiuti.

Oltre alla carenza di cibo e rifornimenti, gli sfollati devono affrontare ripari e cure mediche insufficienti. Nella cittadina di Mindat, nello stato di Chin, dove le forze di difesa civile hanno impiegato fucili da caccia e armi fatte in casa a metà maggio, i Tatmadaw hanno lanciato attacchi con armi pesanti che hanno provocato lo sfollamento di oltre 20.000 persone. Secondo Radio Free Asia, da allora almeno sei sfollati sono morti per mancanza di accesso all’assistenza sanitaria.

“Tutto è sotto controllo militare e tutte le vite sono minacciate”, ha detto Salai Shane, lo pseudonimo del capo di un gruppo di volontari di risposta alle emergenze a Mindat. Ha descritto “estrema difficoltà” quando si cerca di accedere agli sfollati.

I manifestanti a Mandalay si preparano a bruciare una finta bara per il capo dell’esercito Min Aung Hlaing il 3 luglio. L’uso estremo della forza da parte dell’esercito contro i manifestanti sta aumentando ulteriormente la rabbia contro il regime [File: Time For Revolution via Reuters]

Il 13 giugno, uno dei veicoli del suo gruppo è stato sequestrato in viaggio da Pakokku, nella regione di Magway, a Mindat, mentre trasportava cibo e impermeabili; Salai Shane da allora ha perso il contatto con l’autista. Le forze di sicurezza hanno arrestato un altro membro del gruppo il 19 giugno e hanno confiscato la sua moto e i soccorsi che stava trasportando agli sfollati. Durante una settimana di detenzione, è stato picchiato e interrogato, secondo il racconto di Salai Shane.

Con i volontari umanitari uccisi a colpi di arma da fuoco nello stato di Kayah, Salai Shane afferma di temere particolarmente di fornire aiuti a piedi. “A volte non c’è un percorso per le moto e dobbiamo trasportare gli oggetti da soli durante diversi viaggi”, ha detto. “Se siamo nella foresta o nella giungla, possiamo essere uccisi e i nostri corpi scomparire”.

I militari alimentano la rabbia

Secondo il ricercatore indipendente Kim Jolliffe, il Tatmadaw è disposto a fare “cose ​​insondabili” al pubblico in generale per mantenere il controllo. “Conosce solo un modo per affrontare l’opposizione ed è quello di sottomettere ogni elemento dissidente della società con la forza estrema”, ha detto.

Ma mentre la strategia dei quattro tagli può cercare di mettere il pubblico contro la resistenza armata o indebolire la determinazione, Naw Htoo Htoo del Karen Human Rights Group afferma che è probabile che l’approccio si ritorcerà contro.

“A breve termine, potrebbe esserci un impatto sulla resistenza armata a causa della carenza di cibo e acqua e dell’accesso limitato alle risorse, ma a lungo termine, [the Tatmadaw] non sarà in grado di governare da nessuna parte”, ha detto. “Più opprimono la gente, più i civili diventano più forti, perché quando attaccano deliberatamente tutti, la gente li odia di più”.

Le vittime della violenza di Tatmadaw dopo il golpe hanno detto ad Al Jazeera che le esperienze hanno cementato il loro odio per le forze di sicurezza e le hanno rese ancora più determinate a garantire la loro caduta.

I resti bruciati di Kinma Village. I residenti locali dicono che i militari hanno dato fuoco alle loro case. Una coppia di anziani non è riuscita a fuggire ed è morta nell’incendio [File: Pauk Township News via AFP]

“Non sarà mai possibile per noi vedere i militari in modo positivo”, ha detto ad Al Jazeera Than Tun Aung del villaggio di Kinma. “Vogliamo solo continuare a vivere pacificamente come agricoltori… Dobbiamo porre fine a questo regime militare o soffriremo per tutta la nostra vita”.

A Mindat, Salai Shane è giunto a una conclusione simile. “Se le forze di difesa civile potessero sconfiggere i militari e rimuoverli dall’area, potremmo riprendere liberamente le attività commerciali e agricole e vivere una vita migliore”, ha affermato. “Non possiamo separare i due: i gruppi di resistenza armata sono composti da civili, perché tutti odiamo il regime militare e miriamo ad abolirlo. Limitare gli aiuti ai civili ritarderà solo il movimento di resistenza armata, ma non può fermarlo”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.