L’aereo passeggeri scompare nell’estremo oriente della Russia | Notizie sull’aviazione


L’aereo russo AN-26 con almeno 28 persone a bordo è scomparso nella penisola di Kamchatka, riportano i media locali.

Un aereo russo AN-26 con almeno 28 persone a bordo è scomparso nella penisola di Kamchatka, nell’estremo oriente russo, secondo le agenzie di stampa citate dalle autorità regionali.

Stava volando da Petropavlovsk-Kamchatsky a Palana nella penisola di Kamchatka quando non ha effettuato una chiamata programmata, secondo quanto riferito dalle agenzie Interfax, RIA Novosti e TASS, secondo quanto riferito dai funzionari locali.

L’aereo ha perso il contatto con il controllo del traffico aereo durante il tentativo di atterrare, secondo quanto affermato da TASS separatamente.

Ci sono state notizie contrastanti su ciò che potrebbe essere accaduto, con una fonte che ha detto a TASS che l’aereo potrebbe essersi schiantato in mare e un’altra che ha detto a Interfax che potrebbe essere caduto vicino a una miniera di carbone vicino alla città di Palana.

È stata avviata una ricerca che ha coinvolto almeno due elicotteri e i soccorritori erano in attesa, affermano i rapporti.

La Russia, un tempo nota per gli incidenti aerei, ha migliorato il suo record di sicurezza del traffico aereo negli ultimi anni.

Ma la scarsa manutenzione degli aerei e gli standard di sicurezza lassisti persistono ancora e negli ultimi anni il paese ha assistito a diversi incidenti aerei mortali.

L’ultimo grave incidente aereo è avvenuto nel maggio 2019, quando un Sukhoi Superjet appartenente alla compagnia di bandiera Aeroflot è precipitato e ha preso fuoco sulla pista di un aeroporto di Mosca, uccidendo 41 persone.

Più presto.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.