La tecnologia incontra la tradizione: i burattini robotici in pelle del Kerala | Arte e Cultura


Koonathara, Palakkad – Una brezza fresca, versi di preghiera pieni di sentimento e spettacoli di marionette accattivanti incantano il pubblico di oltre 25 persone seduto su sedie sotto il cielo notturno di Koonathara, un villaggio nel distretto di Palakkad nel Kerala, in India. Sono un mix di gente del posto e turisti provenienti da tutto il mondo.

Tholpavakoothu (thol che significa pelle, pava che significa burattino e koothu che significa gioco) è una forma di teatro delle ombre eseguita durante eventi e festival tenuti nei templi dedicati alle dee Durga o Kaali. La forma d’arte si trova solo a Palakkad, Thrissur e nei villaggi vicini del Kerala.

Eseguito tre o quattro volte al mese tra gennaio e maggio, nei locali del tempio viene allestito un palcoscenico speciale lungo 42 piedi chiamato koothumadam. Mostra figure mitologiche retroilluminate da fuoco o luci dietro uno schermo.

L’aria festosa è palpabile quando inizia un ritmo ritmico di batteria e gli artisti emergono portando una lampada accesa. I fuochi d’artificio si accendono per annunciare l’inizio dello spettacolo e poi, nel buio più totale tranne che per la luce della lampada, prevale un senso di calma.

Dietro lo schermo è accesa una fila di 21 stoppini posti in gusci di cocco, costituiti da un panno bianco teso sul koothumadam, bordato da un panno nero.

Tholpavakoothu è basato su Kamba Ramayana (la versione Tamil dell’epica Ramayana), che racconta la storia del dio indù Sri Rama dalla sua nascita alla sua incoronazione come re di Ayodhya.

Si dice che il tholpavakoothu venga eseguito per compiacere la dea Bhadrakali, poiché non ha potuto assistere all’uccisione del re demone Ravana da parte di Rama, motivo per cui un idolo della dea è posto su un piedistallo davanti al palco.

Una vista dei burattini da dietro lo schermo [Photo courtesy of Sajeesh Pulavar]

Circa 160 pupazzi sono usati per rappresentare i 70 e dispari personaggi di Kamba Ramayana, narrati in una dizione che è un mix di Malayalam e Tamil, con canzoni e poesie chiamate Adalpattu.

Dieci artisti – il maestro burattinaio, cantanti, narratori e altri burattinai – sono altamente qualificati nella forma d’arte.

Il sessantaduenne Lakshman Pulavar è uno di loro. Si esibisce da quando era bambino, seguendo le orme di suo padre, suo nonno e quelli prima di loro.

La sua famiglia è l’unica detentrice della forma d’arte di 300 anni e la esegue da otto generazioni.

Il maestro burattinaio è chiamato il “pulavan”, che deriva dal loro cognome Pulavar, che significa studioso erudito.

I pupazzi in pelle, alti circa 80 cm, sono realizzati da Lakshman e dai suoi figli, con l’aiuto di altri membri della famiglia. Sono ritagliati dalle pelli di bufalo e daino, dipinti con coloranti vegetali e fissati con bastoncini.

Manipolarli richiede destrezza e concentrazione ed è una delle parti più difficili dello spettacolo, in cui devono essere memorizzati anche un totale di 2.100 sloka (versi) e i loro significati.

Una squadra di spettacolo davanti a un palco [Sajeesh Pulavar/Al Jazeera]

In totale, la famiglia Pulavar si esibisce in 82 templi in tutta Palakkad, con Lakshman e i suoi figli responsabili di 20 templi, e i suoi fratelli e cugini che coprono il resto.

Lo spettacolo dura normalmente 21 giorni intorno al Pooram, il festival annuale che cade la prima settimana di aprile, ma può durare anche di più. La famiglia esegue anche altri spettacoli in cui vengono raccontate storie diverse in occasione di eventi e funzioni intorno a Palakkad. Queste esibizioni sono più brevi, alcune durano solo 30 minuti e richiedono meno artisti.

“Gli artisti devono sottoporsi ad anni di rigoroso addestramento prima di padroneggiare questa forma d’arte”, spiega Lakshman, che sta addestrando alcuni studenti e tiene in mano un burattino mentre parla. “Mi ci è voluto molto tempo per recitare tutti i versi alla lettera”, aggiunge.

“Mi piace farne parte”

L’Harisree Kannan Tholpavakoothu Kalakendram a Koonathara è un istituto dedicato agli spettacoli di tholpavakoothu ed è gestito da Lakshman e dai suoi figli, Sajeesh di 31 anni e Sajith di 22 anni.

L’istituto organizza sessioni di formazione e campi estivi per insegnare la forma d’arte, nonché come realizzare i burattini, formando da 10 a 20 studenti adulti e da 150 a 200 scolari in un dato momento. Conducono anche workshop per studenti internazionali che studiano la cultura indiana. Dalla pandemia, Sajeesh ha tenuto lezioni online utilizzando un palcoscenico improvvisato in casa sua.

Lakshman Pulavar durante una sessione di allenamento con i suoi studenti [Sajeesh Pulavar/Al Jazeera]

“I tamburi e la musica aggiungono un senso di euforia ed eccitazione alla performance, e adoro farne parte”, dice Sajith, con gli occhi che brillano mentre parla.

Suo fratello Sajeesh lasciò il villaggio per studiare ingegneria meccanica e lavorare per un’azienda automobilistica, ma presto tornò per continuare la tradizione di famiglia.

“Ho imparato l’arte del tholpavakoothu da mio padre e mio nonno dall’età di sei anni e sono stato coinvolto in questa tradizione di famiglia fin dalla mia infanzia”, ​​dice.

Lakshman e i suoi figli sono appassionati della forma d’arte e si dedicano a preservarla.

Ma da quando è iniziata la pandemia di COVID-19, la famiglia è in difficoltà.

A causa delle restrizioni, la durata degli spettacoli è stata ridotta da sette o otto ore al giorno a sole quattro, e un minor numero di partecipanti. Durante i periodi di lockdown, gli spettacoli si fermano del tutto. La mancanza di turismo nell’ultimo anno ha significato anche un pubblico più piccolo.

Prima della pandemia, guadagnavano dalle 150.000 alle 200.000 rupie ($ 2.057-$ 2.744) al mese per le esibizioni al tempio. Ora guadagnano 50.000-60.000 rupie (686-$ 823) al mese. Ma ogni spettacolo costa da 20.000 a 35.000 rupie ($ 274-$ 480) per essere messo in scena – e ciò che rimane dei loro guadagni deve essere diviso tra le otto e le dieci persone coinvolte in ogni produzione.

Con un minor numero di esibizioni dal vivo, i Pulavar dipendono da workshop online per integrare le loro entrate. Hanno anche iniziato ad affittare i loro burattini, a venderli ai turisti e hanno persino iniziato a coltivare. “Stiamo coltivando riso per aumentare il nostro reddito”, spiega Lakshman.

Sajeesh Pulavar con un burattino a guanti [Sajeesh Pulavar/Al Jazeera]

La tecnologia incontra la tradizione

Un altro problema che la famiglia ha riscontrato è un calo di interesse per la forma d’arte tra le generazioni più giovani. Ma la tecnologia potrebbe venire in soccorso in questo senso.

Inker Robotics, con sede a Thrissur, è una startup tecnologica fondata nel 2018 dal 38enne Rahul Balachandran. Forma studenti di scuole e college in automazione e robotica, oltre a sviluppare robot per lavorare in agricoltura, industria e altri settori.

Alcuni anni fa, dopo aver visto la mole di lavoro necessaria per manipolare i burattini, Rahul suggerì ai Pulavar di provare a usare dei robot per azionare i burattini.

Sajeesh e Lakshman furono immediatamente attratti dall’idea, poiché credevano che introdurre qualcosa di così moderno in questa forma d’arte tradizionale avrebbe attirato più persone.

“Speravamo di creare consapevolezza sulla conservazione delle tradizioni e della cultura autoctone”, spiega Lakshman.

Ma poiché ogni robot sarebbe costato diverse centinaia di migliaia di rupie, non potevano permetterselo.

Poi, qualche mese fa, il District Heritage Museum di Palakkad, che ospita una delle più grandi collezioni di strumenti musicali dell’India, si è avvicinato a Sajeesh. Voleva ospitare una mostra permanente di marionette tholpavakoothu. Sajeesh ha visto l’opportunità di usare i burattini azionati dal robot e ha parlato con Rahul.

Insieme, hanno iniziato a creare il primo spettacolo di burattini gestito da robot. Sajeesh ha mostrato i movimenti delle mani a Rahul e al suo team, che a loro volta hanno scritto il codice per sincronizzare i movimenti.

Testare il funzionamento dei burattini robotici presso Inker Robotics [Photo courtesy of Rahul Balachandran]

“Sajeesh e io abbiamo discusso per ore con il mio team per ottenere le migliori prestazioni dai robot in modo che riflettano lo stile originale dei burattini”, spiega Rahul.

Ci sono voluti tre mesi per completarlo.

È andato in mostra per la prima volta davanti a 100 persone al museo a febbraio.

“Le persone erano stupite ed entusiaste di vedere lo spettacolo di marionette gestito da robot perché era una nuova esperienza per loro”, afferma Milton Francis, il direttore del museo.

I pupazzi sono programmati in modo tale che quando un sensore rileva la presenza di un visitatore riproduca una delle storie di Kamba Ramayana, della durata compresa tra 30 minuti e due ore. È stato un enorme successo sin dalla sua installazione e ha attirato grandi folle prima del blocco più recente.

“Il robot controllerà i movimenti degli arti dei burattini, che è la parte più difficile”, afferma Sajeesh, aggiungendo: “È stato surreale vedere il robot manipolare i burattini, è stato come un sogno diventato realtà”.

Lakshman e Sajeesh Pulavar danno un’occhiata alla mostra al museo [Photo courtesy of Sajeesh Pulavar]

Ora stanno valutando nuovi posti in cui usare i robot.

“Abbiamo utilizzato un prototipo nel museo e stiamo lavorando al prodotto per installarlo all’aeroporto di Kochi, che ha un’enorme affluenza”, afferma Rahul. “Sono entusiasta delle prospettive della tecnologia e della sua portata”.

Ma, nonostante il successo dei burattini azionati da robot, i Pulavar non vogliono perdere il tocco umano e hanno deciso di limitare il loro uso alle rappresentazioni teatrali mantenendo i tradizionali burattini manuali per le rappresentazioni al tempio per rispetto del “ credenze e tradizioni dei nostri anziani”.

“Riteniamo che tali forme d’arte tradizionali dovrebbero essere diffuse e insegnate alle generazioni più giovani, per vedere che non si estinguono”, afferma Lakshman.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.