La nuova proposta anti-doxxing di Hong Kong potrebbe mettere a rischio le aziende tecnologiche, afferma una nuova lettera

Una nuova lettera di un gruppo dell’industria tecnologica sta portando a casa i rischi delle regole anti-doxxing proposte da Hong Kong.

Inviata al commissario per la privacy di Hong Kong per i dati personali dall’Asia Internet Coalition (che conta Google, Apple e Facebook come membri), la lettera sostiene che le nuove misure avranno un impatto estremo sul giusto processo a Hong Kong e potrebbero comportare gravi Le società tecnologiche statunitensi smettono di operare lì. La lettera era ottenuto per la prima volta da Il giornale di Wall Street.

La lettera arriva in risposta a una serie di modifiche all’ordinanza sui dati personali (privacy) di Hong Kong (PDPO), proposte dal commissario per la privacy in risposta alle preoccupazioni sul doxxing online. Una volta in vigore, gli emendamenti richiederebbero il rapido rispetto di qualsiasi richiesta di rimozione da parte del governo e una formulazione ambigua nel testo del disegno di legge ha suscitato preoccupazioni sul fatto che i dipendenti tecnologici possano essere perseguiti individualmente se non si conformano.

“L’introduzione di sanzioni severe e in particolare della responsabilità personale in relazione alla valutazione delle richieste di rimozione dei contenuti ha la conseguenza di incoraggiare le piattaforme online a condurre una revisione minima o nulla delle richieste e di bloccare eccessivamente i contenuti”, si legge nella lettera. “L’unico modo per evitare queste sanzioni per le aziende tecnologiche sarebbe astenersi dall’investire e offrire i propri servizi a Hong Kong”.

La lettera solleva nuove domande sul futuro dei dipendenti delle società tecnologiche statunitensi a Hong Kong. Il rivista stima che Google, Facebook e Twitter da soli mantengano centinaia di dipendenti a Hong Kong, i quali potrebbero essere tutti a rischio in base alla nuova legislazione. Amazon, Apple, Yahoo e Rakuten sono anche membri dell’Asia Internet Coalition.

I nuovi emendamenti arrivano dopo anni di crescenti pressioni sulle libertà civili a Hong Kong, poiché il governo centrale cinese cerca di esercitare maggiore influenza sulla politica della città. L’anno scorso, l’approvazione di una nuova legge sulla sicurezza ha costretto Google, Facebook e Twitter a bloccare tutte le richieste di produzione di dati mentre la legge poteva essere rivista. TikTok (che non opera in Cina) ha cessato completamente le sue operazioni in città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *