Israele sonda un possibile attacco missilistico su una nave da carico: rapporti | Notizie di spedizione


I media israeliani affermano che la nave da carico era precedentemente di proprietà di un magnate israeliano ed è stata attaccata mentre si dirigeva verso gli Emirati Arabi Uniti.

Una nave mercantile battente bandiera liberiana in viaggio dall’Arabia Saudita agli Emirati Arabi Uniti è stata attaccata nell’Oceano Indiano, secondo i media israeliani e libanesi.

L’equipaggio non è rimasto ferito e la nave, forse colpita da un missile sabato, non è stata gravemente danneggiata e ha continuato il suo viaggio, ha detto la televisione israeliana N12, citando fonti anonime all’interno dell’establishment della difesa israeliana.

I funzionari della difesa hanno affermato che stavano controllando se le forze iraniane fossero dietro il presunto attacco, secondo N12.

Il canale televisivo libanese filo-iraniano Al Mayadeen aveva riportato l’incidente in precedenza. Il canale dice che la nave è stata attaccata con un’arma sconosciuta.

I media israeliani hanno identificato la nave portacontainer come la CSAV Tyndall e inizialmente hanno affermato che era di proprietà di Zodiac Maritime Ltd, una società di gestione navale internazionale con sede a Londra di proprietà del magnate israeliano Eyal Ofer. La società, tuttavia, ha rilasciato una dichiarazione affermando che non gestiva più né possedeva la CSAV Tyndall.

I dati di monitoraggio della nave di Refinitiv Eikon hanno mostrato che la nave è stata attraccata l’ultima volta a Jeddah ed è ora al largo della costa di Dubai.

Un portavoce del governo degli Emirati Arabi Uniti non ha risposto a una richiesta di commento.

L’incidente di sabato è stato l’ultimo presunto attacco in una regione di corsi d’acqua sensibili, dove gli acerrimi nemici Iran e Israele hanno scambiato accuse di colpi sulle navi dell’altro.

Le navi di proprietà israeliana sono state attaccate nel Golfo di Oman a febbraio e aprile, con Israele che ha accusato l’Iran delle esplosioni.

Una nave mercantile iraniana è stata nel frattempo leggermente danneggiata in un apparente attacco di una mina nel Mar Rosso ad aprile. Il New York Times ha riferito che Israele aveva detto agli Stati Uniti di essere dietro l’esplosione.

Nello stesso mese, l’Iran ha riferito di un attacco al suo piano di arricchimento dell’uranio di Natanz, per il quale ha accusato Israele.

Anche la più grande nave della marina iraniana è affondata all’inizio di giugno dopo aver preso fuoco nel Golfo di Oman. I funzionari non hanno ancora detto se l’affondamento del Kharg sia stato un atto di sabotaggio o un incidente.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *