Secondo quanto riferito, alcuni accusati nella rivolta del Campidoglio hanno cercato di cancellare informazioni dai loro telefoni e social media

Circa 49 persone accusate di aver preso parte alla rivolta del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti hanno cercato di cancellare immagini, video e testi dai loro telefoni e account di social media, il Associated Press riportato, citando una revisione degli atti giudiziari. Le autorità hanno detto al AP che le persone potrebbero aver capito che le numerose foto e video pubblicati sui social media dalle persone che partecipano alla rivolta potrebbero essere utilizzate come prove contro di loro.

Il AP ha citato diversi casi in cui i post sui social media dei rivoltosi accusati apparentemente contraddicevano ciò che hanno detto alle autorità sul loro coinvolgimento nell’attacco.

Centinaia di sostenitori dell’ex presidente Trump hanno preso d’assalto il Campidoglio il 6 gennaio mentre i membri del Congresso si preparavano a certificare i risultati delle elezioni presidenziali. Più di 500 persone sono state arrestate in relazione alla rivolta, procuratore generale Merrick Garland ha detto il mese scorso.

Nei giorni successivi all’attacco, il senatore Mark Warner (D-Virginia), ha chiesto ai gestori di telefonia mobile e alle piattaforme di social media di preservare “contenuti e metadati associati” che potrebbero essere stati collegati all’attacco.

Il Washington Post ha riferito sabato che il Dipartimento di Giustizia ha iniziato ad arrestare le persone che hanno attaccato i giornalisti che documentano la rivolta, danneggiando le loro attrezzature. Il Inviare riferisce che le persone sarebbero state accusate di aver commesso violenza o distruzione di proprietà sul terreno del Campidoglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *