Facebook conferma i test di un nuovo avviso di avvertimento anti-estremismo

Facebook sta testando messaggi che collegheranno gli utenti al supporto e alle risorse anti-estremismo se l’azienda ritiene che l’utente conosca qualcuno che potrebbe essere sulla strada dell’estremismo o se l’utente è stato esposto a contenuti estremisti. secondo un rapporto di CNN Affari.

In una dichiarazione a Il Verge, un portavoce di Facebook ha affermato che il test fa parte del “lavoro più ampio dell’azienda per valutare i modi per fornire risorse e supporto alle persone su Facebook che potrebbero essere state coinvolte o essere state esposte a contenuti estremisti, o potrebbero conoscere qualcuno che è a rischio”.

Facebook afferma che continuerà a rimuovere i contenuti estremisti che viola le sue regole, sebbene la società abbia avuto problemi a rintracciare e rimuovere contenuti simili, anche da gruppi che ha attivamente provato a dare il via alla piattaforma. Facebook è stato a lungo oggetto di scrutinio da parte del pubblico e dei legislatori, poiché molti affermano che i suoi algoritmi dividono le persone e le spingono verso ideologie estreme, cosa che la stessa società ha riconosciuto.

Facebook dice che i test vanno d’accordo la sua iniziativa di reindirizzamento, che “aiuta a combattere l’estremismo violento e le organizzazioni pericolose” in diversi Paesi. Secondo la sua pagina web, il programma (come suggerisce il nome) reindirizza gli utenti a risorse educative invece di ulteriori contenuti odiosi. Dice anche che il test fa parte di la sua risposta alla campagna Call for Action di Christchurch, e il test identifica sia gli utenti che potrebbero aver visto contenuti estremisti, sia quelli che in passato sono stati oggetto di azioni di contrasto da parte di Facebook.

Il test si collega a risorse destinate ad aiutare qualcuno a intervenire se è preoccupato per una persona cara che si unisce a un gruppo o movimento estremista violento. Sopra una pagina di supporto su Facebook intitolato “Cosa posso fare per prevenire la radicalizzazione”, Facebook si collega al programma ExitUSA di Life After Hate, che secondo Facebook aiuta le persone a trovare “una via d’uscita dall’odio e dalla violenza”. La pagina di supporto fornisce anche suggerimenti su come interagire con qualcuno che sta cercando di lasciare un gruppo di odio.

Facebook, come altre piattaforme, ha avuto problemi con l’estremismo per molto tempo e, sebbene sia positivo che stia cercando di combatterlo, alcuni dei suoi sforzi sembrano che avrebbero dovuto essere implementati molto tempo fa. Questo è il caso di molte forme di cattivo comportamento online, poiché molte piattaforme stanno ancora lottando per ottenere un controllo sugli utenti che molestano le donne o mostrano altri comportamenti tossici generali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *