Il Regno Unito dice che navigherà di nuovo nelle acque della Crimea, un giorno dopo lo scontro navale con la Russia



Il segretario all’Ambiente George Eustice ha contestato le affermazioni di Mosca secondo cui gli aerei da guerra russi hanno sganciato bombe e una motovedetta ha sparato colpi di avvertimento contro un cacciatorpediniere britannico che sostiene sia entrato nelle sue acque territoriali nel Mar Nero.

“Questa è una cosa molto normale”, ha detto Eustice a Sky News. “È abbastanza comune, in realtà, quello che stava succedendo è che i russi stavano facendo un’esercitazione di artiglieria e, previo avviso, spesso lo fanno in quella zona. Quindi penso che sia importante non lasciarsi trasportare”.

Eustice ha insistito sul fatto che la nave stava effettuando un passaggio legale ai sensi del diritto internazionale in Georgia attraverso l’Ucraina. Alla domanda se il Regno Unito avrebbe navigato di nuovo attraverso le acque contese dell’Ucraina, ha risposto: “Sì … perché non abbiamo mai accettato l’annessione della Crimea”.

E il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab ha negato la versione di Mosca dell’incidente di mercoledì come “prevedibilmente imprecisa”.

“Nessun colpo è stato sparato contro HMS Defender”, ha detto Raab in una conferenza stampa a Singapore, al termine di un viaggio commerciale di tre giorni nel sud-est asiatico.

Un giornalista della BBC sulla nave ha detto di aver visto aerei da guerra e navi militari russe ronzare contro il cacciatorpediniere durante l’esplosione di mercoledì.

La Russia ha affermato che la nave ha percorso tre chilometri (1,9 miglia) all’interno di quello che ha descritto come il suo territorio al largo di Capo Fiolent in Crimea, poco prima di mezzogiorno di mercoledì. Le acque territoriali di una nazione si estendono per 12 miglia nautiche (22,2 chilometri) dalla sua costa; qualsiasi nave da guerra straniera che superi quel limite avrebbe bisogno del permesso del paese per farlo, con poche eccezioni.

La Russia ha annesso la Crimea dall’Ucraina dopo un intervento militare nella regione nel 2014. La comunità internazionale si è opposta a tale annessione e considera ancora la Crimea come territorio ucraino.

Poco dopo che la nave britannica ha attraversato il confine territoriale, un jet d’attacco Su-24M ha sganciato bombe e una pattuglia costiera ha sparato colpi di avvertimento davanti al cacciatorpediniere britannico, ha riferito il ministero della Difesa russo in un rapporto dei media statali russi TASS.

Ma i funzionari britannici hanno respinto le accuse russe ed Eustice ha continuato a minimizzarle giovedì.

Incalzato sull’attentato segnalato, ha detto: “Mi è stato detto che non è quello che è successo”.

“Non credo che fossero colpi di avvertimento. C’era un’esercitazione militare che si stava svolgendo, e non è raro che i russi lo facciano in quest’area, e quindi l’incidente non è particolarmente anormale in questo senso”, ha detto. .

Il ministero della Difesa del Regno Unito aveva precedentemente negato l’accusa di Mosca, affermando che la nave, HMS Defender, stava effettuando un passaggio legale e innocente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.