La vita sessuale dei supereroi

Il monitor è un colonna settimanale dedicato a tutto ciò che accade nel mondo della cultura WIRED, dai film ai meme, dalla TV a Twitter.

Questa settimana su Internet è successa una cosa divertente. (Una rarità in aumento, lo so.) In un’intervista con Varietà, Justin Halpern, co-creatore della serie animata Harley Quinn, ha osservato che durante la terza stagione dello show, la DC Entertainment ha contestato una scena pianificata in cui Batman faceva sesso orale su Catwoman. La ragione? “Gli eroi non lo fanno.” Halpern ha risposto chiedendo: “Stai dicendo che gli eroi sono amanti egoisti?” E mentre questo non era la vera ragione—aveva qualcosa a che fare con il tentativo di vendere giocattoli—ha fatto sì che molti utenti di Twitter si chiedessero: “Aspetta, non avrebbe più senso se gli eroi fatto Fai quello?” (Opinione personale: Sì.)

La reazione è stata rapida: battute sulla forma di facile accesso della maschera di Batman e sui miliardari rifiutare il consumo etico sotto il capitalismo; sollievo che”I genitori di Batman non sono vivi per vedere questa discussione.” Tutti hanno avuto un’idea calda e un’opinione su quanto fosse poco eccitante l’intera faccenda. Ma ha anche sollevato questioni più ampie sulla sessualità dei supereroi. Nel corso degli anni ci sono state decine di storie d’amore tra eroi e cattivi. Clark Kent ama Lois Lane; La voce rassicurante di Black Widow riporta Hulk al suo io di Bruce Banner. Wanda e Visione. Diana Prince e Steve Trevor. Ma queste relazioni sono relativamente caste, anche nei film e negli spettacoli televisivi più orientati agli adulti.

Ovviamente, ci sono ragioni per questo. Uno, la maggior parte delle storie di fumetti di supereroi sono ancora rivolte a bambini e giovani adulti, quindi la sessualità grafica super aperta sarebbe problematica. Due, per decenni, il Autorità del Codice dei Fumetti tutto tranne che proibito. Fin dagli anni ’50, in seguito alla pubblicazione dello psichiatra Fredric Wertham’s Seduzione dell’Innocente, che sosteneva che i fumetti fossero dannosi per i bambini, il codice della CCA teneva molto il sesso fuori dal mezzo. Ciò è continuato in una forma o nell’altra fino a quando gli ultimi due editori si sono ritirati dal CCA nel 2011. (Anche se l’influenza del codice era diminuita per un po’ prima, consentendo ulteriori allusioni sessuali, anche in vari libri di Batman).

Ma quelli sono fumetti. Per decenni Hollywood ha spostato gli eroi dei fumetti sugli schermi grandi e piccoli, dove sono almeno un po’ più liberi di fare ciò che vogliono. Ant-Man non sarebbe in grado di dire che Steve Rogers avesse “culo d’America” se non lo fossero. Diavolo, Catwoman ha letteralmente leccato la faccia di Batman in Il ritorno di Batman— e questo era nel 1992. Da allora, l’era dei cupi e taglienti adattamenti dei fumetti ha reso possibile agli eroi di fare molto che prima non potevano. Si insanguinano, giurano, ma generalmente non si accoppiano. Bene, lo fanno in spettacoli di antieroi e film come Piscina morta, Jessica Jones, Calci nel sedere, o Watchmen, ma la terra dei supereroi è rimasta molto più virginale, anche quando è chiaro che Tony Stark e Pepper Potts fanno sesso. (Hanno un bambino. Andiamo.)

Ora, questo non è necessariamente un argomento per una copiosa azione sullo schermo, Bat-on-Cat, ma l’idea che andare giù sia qualcosa che “gli eroi non fanno” è sorprendente. Dal momento che è stato stabilito che Bruce Wayne, sai, ha probabilmente fatto sesso prima, questa clausola sembra più specifica per il tipo di sesso appropriato per qualcuno come il Cavaliere Oscuro. Il che è triste. Dare sentimenti agli eroi e mostrarli come amanti altruisti è solo un buon modo per costruire il carattere. Li rende multiformi. Spesso salvano il mondo, ma non possono salvare se stessi. Sopportano traumi; lottano con la propria morale ed etica. Non tutti di esso deve essere esplicitamente sulla pagina o sullo schermo, ma non dovrebbe essere un tabù mostrare Batman che dà piacere a Catwoman. I veri eroi fanno di più che indossare mantelli.


Altre grandi storie WIRED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *