PUBG Mobile torna in India dopo il ban con sangue verde e un nuovo nome

Gioco battle royale molto popolare PUBG Mobile sta tornando in India dopo essere stato bandito nel settembre 2020, TechCrunch scrive. L’app è disponibile in accesso anticipato sul Play Store di Google con un nuovo nome, Battlegrounds Mobile India, e con alcune modifiche al gioco stesso, come il sangue verde e un nuovo sistema di account.

PUBG Mobile è stato inizialmente bandito insieme a centinaia di altre app a causa di connessioni con società cinesi: nel caso di questo gioco, era il principale investitore di videogiochi Tencent. Al momento del ban, PUBG Studio (di proprietà della più grande azienda sudcoreana Krafton) ha annunciato che si sarebbe rilanciato nella regione con nuove funzionalità personalizzate per i giocatori indiani, tra cui il cambio di colore al sangue, e inquadrando il gioco esplicitamente come un ” campo di addestramento di simulazione virtuale.”

TechCrunch scrive che al di là dei fluidi corporei modificati – parte di una lunga tradizione di censurare le rappresentazioni di violenza nei giochi – e ricorda che il gioco non è reale, Campi di battaglia sembra essere lo stesso di PUBG Mobile. Apparentemente c’è anche un modo per trasferire facilmente il tuo account dal vecchio gioco a quello nuovo.

I cambiamenti realmente consequenziali potrebbero essere meno visibili. La principale giustificazione del governo indiano per il divieto era che nutriva preoccupazioni su dove venivano trasmessi i dati degli utenti, con l’idea che non fosse comodo avere quei dati inviati in luoghi al di fuori dell’India (leggi: Cina).

Prima del suo rilancio pianificato, PUBG Studio ha annunciato che stava recidendo i legami con Tencent in India e spostando l’hosting del gioco su Data center di Microsoft Azure nel paese, che potrebbe aver risolto la questione molto prima di qualsiasi sangue verde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.