Maradona Jr chiede donatori di DNA in cerca di bambini rubati in Argentina | Diego Maradona


Diego Armando Maradona Jr, figlio della leggenda del calcio argentino, sta esortando gli italiani a presentare il DNA per aiutare il governo argentino a rintracciare centinaia di bambini che sono stati rubati e i loro genitori assassinati dalla giunta militare che controllava il paese quattro decenni fa.

Maradona Jr sta facendo interviste radiofoniche in Italia e sta usando i suoi 400.000 social media per ampliare la ricerca, che ha già visto programmi di test del DNA lanciati a Madrid e Roma.

Il governo argentino crede che decine di bambini del mancante, le circa 30.000 persone rapite e uccise dall’esercito durante la dittatura tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80, avrebbero potuto essere portate in Italia dopo la caduta della giunta.

Durante la dittatura, le donne incinte tenute prigioniere venivano tenute in vita fino al parto e poi uccise. Almeno 500 bambini sono stati sottratti ai loro genitori e dati a coppie di militari senza figli da allevare come propri.

A marzo, le autorità argentine e le Nonne del movimento Plaza de Mayo, che dal 1977 ricerca i bambini rapiti, hanno lanciato un’iniziativa internazionale campagna per il diritto all’identità per ritrovare le identità scomparse di più di 350 bambini.

Maradona Jr posa accanto a un manifesto per la campagna per il diritto all'identità dopo che gli è stata concessa la nazionalità argentina a marzo
Maradona Jr posa accanto a un manifesto per la campagna per il diritto all’identità. Il poster recita: “aiutateci a trovarvi. Potresti essere uno dei nipoti e delle nipoti che stiamo cercando.’ Fotografia: Tiziana Fabi/AFP/Getty

“I figli di quelle vittime ora hanno tra i 40 ei 45 anni”, ha detto Ana de la Paz Tito, console generale dell’Argentina a Roma. “Ad oggi sono stati trovati 130 bambini. Ma mancano ancora 350 persone e potrebbero essere ovunque nel mondo”.

Maradona Jr ha dichiarato: “La tragedia dei desaparecidos è uno dei capitoli più oscuri della storia umana. Sono molto orgoglioso di poter assistere le autorità e le associazioni argentine in questa importante iniziativa per portare avanti la battaglia di mio padre al fianco dei parenti delle vittime”.

Nel 2010, la stella del calcio ha inviato una lettera al comitato del premio Nobel, chiedendo che il premio per la pace fosse assegnato alle nonne di Plaza de Mayo. Nella lettera, Maradona ha scritto che le Nonne che guidavano la crociata per identificare i bambini dei desaparecidos meritavano di essere riconosciute per la loro “lotta instancabile, pacifica e coraggiosa per ottenere il ritorno dei bambini rapiti in nome del terrorismo di stato”.

Maradona Jr è stato il risultato della relazione extraconiugale del calciatore con la cantante napoletana Cristiana Sinagra e vive ancora in Italia, anche se ha ottenuto la cittadinanza argentina lo scorso anno.

Per più di due decenni Maradona ha rifiutato di fare un test del DNA per stabilire se Diego fosse suo figlio, ma lo ha riconosciuto formalmente nel 2016 e i due si sono riconciliati e sono stati vicini negli ultimi anni del calciatore.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *